Cerca

San Suu Kyi torna libera

La leader dell'opposizione democratica birmana fu arrestata nel 1988 dopo aver organizzato la Lnd

San Suu Kyi torna libera

Dopo quindici anni di reclusione Aung San Suu Kyi torna libera. Non si conoscono ancora i tempi del rilascio, "quel che possiamo dire è che le carte sono state firmate" ha detto Win Tin, leader storico della Lega nazionale per la democrazia, incontrato nella sede di Rangoon. A centinaia si sono riuniti fin dalle prime ore di questa mattina con le magliette "We stand with Aung San Suu Kyi". "Non sappiamo dire con certezza quando sarà rilasciata e quando sarà libera di muoversi ma speriamo ci raggiunga nella sede come ha già fatto anche in passato", ha aggiunto Win Tin. Poi "riprenderà a fare politica e a viaggiare nel Paese".

Secondo quanto si apprende tramite i giornalisti internazionali presenti sul posto, la liberazione potrebbe avvenire o nella notte birmana oppure domani.
Intanto su University Avenue Road, davanti all'abitazione del Premio Nobel, aumenta il numero di poliziotti e camionette antisommossa pronti a contenere possibili manifestazioni di massa.


La leader dell’opposizione democratica birmana fu arrestata nel 1988 dopo aver organizzato la Lega nazionale per la democrazia (Lnd), a seguito della sommossa popolare repressa nel sangue nell’agosto di quell'anno. La Lega ottenne una vittoria schiacciante alle legislative del 1990, ma la giunta al potere non riconobbe i risultati.  Nel 1991 Aung San Suu Kyi ricevette il Nobel per la Pace, ma tornò in liberta solo nel luglio 1995. Nel 1998 lanciò un ultimatum inascoltato al governo, chiedendo di convocare l’assemblea eletta nel '90. Nel settembre 2000, sottoposta nuovamente ai domiciliari, riaprì i negoziati segreti con la giunta grazie alla mediazione di Razali Ismail, inviato speciale dell’Onu in Birmania. Nel maggio 2002 fu rilasciata. Ma a distanza di sette anni la giunta militare la accusò di avere violato le condizioni della pena, ospitando un cittadino americano, e la trasferì in prigione. La donna fu condannata a tre anni di prigione e di lavori forzati, quindi la sua pena fu commutata in 18 mesi supplementari di arresti domiciliari. Le leggi elettorali del marzo 2010 costringono la Lega nazionale per la democrazia a scegliere tra l’esclusione della loro leader e la rinuncia allo scrutinio. Il partito viene ufficialmente sciolto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    12 Novembre 2010 - 22:10

    ...buona notizia! Altro che le cialtronate nevrasteniche della politica politicante uggiosa,oramai da conati di....to.

    Report

    Rispondi

  • jerico

    12 Novembre 2010 - 17:05

    I militari al potere in Myanmar se la sono pensata e studiata bene. Paradossalmente ,per la leader San Suu Kyi , il posto più sicuro per lei è la prigione, lì dentro non poteva morire senza suscitare scandalo ed inchieste internazionali . Sono certo ( mi auguro sinceramente di sbagliarmi ) che dopo qualche tempo dalla sua uscita dalle carceri, i militari organizzeranno qualche attentato (magari durante un discorso in piazza) , e faranno fuori San Suu Kyi , facendolo sembrare opera di un estremista o di un ''pazzo'' , non è la prima volta che in alcuni Stati per eliminare un personaggio scomodo gli avversari ricorrono a mezzi falsamente ''normali''. I militari al potere nell'ex Birmania , non lasceranno facilmente il potere, specialmente se si ha come sponsor la Cina , che vuole estendere i suoi tentacoli in tutta l'Asia , in concorrenza con il Giappone e l'emergente e futura grande potenza India.

    Report

    Rispondi

  • pietrafocaia

    12 Novembre 2010 - 16:04

    BENTORNATA GENTILISSIMA SIGNORA!

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    12 Novembre 2010 - 15:03

    Oggi è una bellissima giornata ! Alla salute !!!

    Report

    Rispondi

blog