Cerca

Assange ricercato dall'Interpol. Nuovi dossier: Usa contro Sarko su immigrati

Caccia al padrone di Wikileaks in 188 Paesi. L'appello della madre: "Non catturatelo". Lui forse a Londra

Assange ricercato dall'Interpol. Nuovi dossier: Usa contro Sarko su immigrati
Era quasi scontato. Non per quelle che sono state le sue azioni, ma era ovvio che si dovesse infittire la trama del giallo. L'Interpol ha infatti emesso un mandato d'arresto internazionale per Julian Assange, padre-padrone e mente del portale Wikileaks che sta facendo arrossire le diplomazie di mezzo mondo (quella Usa in particolare).

Le ragioni - Il mandatoarriva per l'inchiesta che pende su di lui in Svezia, dove è accusato di stupro e violenza sessuale, accuse che l'australiano respinge con forza. Ieri, tanto per non abbassare il tiro, Assange ha promesso rivelazioni compromettenti su una grande banca americana e sul segretario di Stato Usa, Hillary Clinton (per la quale sarebbe pronto un dossier su una presunta attività spionistica contro funzionari stranieri all'Onu).

La mamma - A rendere un po' meno "thriller" tutto l'affaire Assange, scende però in campo la cara e vecchia mamma, Christine. Dal suo teatro di marionette nel Queensland (Australia) si è detta in ansia per il pargolo. L'appello è semplice: "Non catturatelo e non mettetelo in carcere. E' mio figlio, gli voglio bene e non voglio che gli si dia la caccia". La signora, finita sotto i riflettori della stampa locale da qualche tempo, ha poi affermato che "un sacco di cose scritte su di me e su Julian non sono vere".
Da par suo, l'Interpol ha emesso un cosiddetto "avviso rosso", alias mandato di cattura internazionale su richiesta della Svezia. La notizia è stata confermata alla France Presse da un portavoce dell'organizzazione internazionale di polizia. L'avviso arriva dunque ai 188 Paesi che aderiscono all'Interpol, tra i quali ci sarebbe la Gran Bretagna dove, secondo le ultime voci, il signor Wikileaks si troverebbe (a Londra, per la precisione).

Le ragioni
- Ma il mandato di cattura non è stato emesso per l'appropriazione (indebita?) dei cablogrammi della diplomazia, bensì per l'accusa di violenze per la quale è ricercati da Stoccolma. I fatti risalirebbero allo scorso agosto, e poco hanno a che vedere con spie e fughe di notizie: due donne raccontanto che un incontro sessuale con Assange, iniziato in maniera consensuale, si era trasformato in violenza.

Qui Ecuador
- Martedì l'Ecuador aveva offerto ospitalità ad Assange, ma il presidente Rafael Correa ha poi corretto il tiro e ritirato la proposta: "Assange ha commesso un erropre nell'infrangere la legge statunitense e nel divulgare quelle informazioni".

Altre rivelazioni - "La Francia non solo ha un problema con l'integrazione degli immigrati ma non riesce neanche a dare un senso all’identità dei musulmani". E' questo l'ultimo cablogramma rivelato dal sito Wikileaks, secondo cui gli americani criticano le politiche sull'immigrazione messe in pratica dal governo di Parigi su Rom e sul divieto del velo integrale nei luoghi pubblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    02 Dicembre 2010 - 11:11

    se invece che a Londra fosse in Svizzera? Nessuno ha controllato in casa de benedetti? Quello che sta uscendo da costui sembra di averlo già letto su repubblica. Infatti caso strano come mai ha dato l'esclusiva solo a giornali di sx ma non a rapubblica? O forse è davvero in Inghilterra, forse a casa di murdoch? amico intimo di de benedetti.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    02 Dicembre 2010 - 07:07

    questi fanno di tutto per far passare il reato in secondo piano, ma signori qui si tratta di stupro, non di caramelle. che uomini, tutti e due. vergognatevi

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    01 Dicembre 2010 - 20:08

    Corro a segnare sul calendario , che concordi su una cosa che ho detto.Miracolo.

    Report

    Rispondi

  • robe

    01 Dicembre 2010 - 18:06

    Wikileaks è un sito che assicura la sicurezza a chi fornisce files riservati, da essere resi pubblici. Il responsabile della consegna dei duecentomila e passa files a Wikileaks è stato ben identificato, è un soldato. Teniamo presente che questi files erano segreti per modo di dire, in quanto a disposizione di, pare, due milioni di dipendenti dello Stato. Questo per il caso in questione. Chi poi ci possa essere dietro Wikileaks resta da vedere, all'inizio mi sembra ci fossero anche dei dissidenti cinesi e sono stati pubblicati documenti sulla Cina, comunque concordo sul fatto che la vera vittima oggi sono gli Stati Uniti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog