Cerca

Obama ko tecnico, stop a chiusura Guantanamo

La Camera blocca uno dei punti principali del programma di Barack. Democratici allo sbando

14
Obama ko tecnico, stop a chiusura Guantanamo
Nuova marcia indietro (forzata) di Barack Obama, che spezzato dalle elezioni di mid term, dopo l'approvazione della proroga agli sgravi fiscali a cui si era fieramente opposto, si è piegato anche su Guantanamo. La Camera dei rappresentati Usa ha di fatto bloccato la chiusura del carcere di massima sicurezza che si trova a Cuba. La serrata era prevista per il 2011, e con lei va nel dimenticatoio anche l'idea di celebrare i processi per gli attentatori dell'11 settembre sul suolo americano.

OBAMA COME JOHNSON - Il doppio provvedimento, l'ennesima mazzata che Barack dovrà incassare, ora attende la definitiva ratifica del Senato, dove i democratici mantengono la maggioranza, dilaniata però da dissidi interni (mercoledì una pattuglia democrat ha addirittura proposto le primarie per le prossime presidenziali, scavalcando così il diritto di Obama a ripresentarsi, fattispecie avvenuta soltanto ai tempi di Lyndon Jonhnson).

IL TRANELLO IN FINANZIARIA - Il presidente a stelle e strisce aveva inserito la chiusura di Guantanamo nei punti principali del suo programma, ma l'obiettivo traballa per la legge finanziaria, approvata con 212 voti contro 216 alla Camera. Il punto è che il testo contiene un paragrafo che proibisce "l'utilizzo di fondi per trasferire o liberare sul suolo Usa Khaled Sheikh Mohammed (mente dell'attentato alle torri) e qualunque altro prigioniero di Guantanamo. Un secondo paragrafo, infine, sottolinea che "nessun fondo fornito al ministero della Giustizia da questa legge o da altre potrà essere utilizzato per l’acquisizione di prigioni allo scopo di rinchiudere persone detenute alla base navale di Guantanamo, a Cuba". Oggi, la prigione cubana, ospita 174 prigionieri, di cui tre soltanto formalmente condananti da un tribunale militare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SENATORI

    10 Dicembre 2010 - 11:11

    Cari compagni, adesso si deve dimettere anche Obama ?

    Report

    Rispondi

  • SENATORI

    10 Dicembre 2010 - 11:11

    Cari compagni , sideve dimettere anche Obama ?

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    10 Dicembre 2010 - 09:09

    Grazie delle interessantissime precisazioni. Vedi, io sono contrario all'uso dell'auto in città e per quanto mi è possibile utilizzo i mezzi pubblici. Ebbene, qualora avessi un conoscente che si vanta di essere per l'integrazione etc. Fallo girare (a Milano) per un mese sulla 90/91 dopo le H22 o in certe strazioni periferiche della Metro dopo le H23 o la Strazione Centrale prima delle H7. Sono esperienze che lasciano il segno. Tali da trasformare in razzita (don) Ciotti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media