Cerca

Putin, l'amico di Assange: "Arresto antidemocratico"

Dietro le manette per mister Wikileaks c'è Anna Ardin, nemica storica di Fidel

Putin, l'amico di Assange: "Arresto antidemocratico"
La reazione che non t'aspetti. Commentando la notizia dell'arresto di mister Wikileaks Julian Assange, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che si tratta di un provvedimento "ipocrita e antidemocratico". Ha poi posto una domanda ironica: "E questa sarebbe democrazia? Come si dice, nel linguaggio popolare: il bue dà del cornuto all’asino".

ASSANGE IN CARCERE - Il fondatore del sito, intanto, ha ricevuto nel carcere di Wandsworth la visita dei suoi legali. L'avvocato Mark Stephens ha raccontato che il suo assistito "è abbastanza più allegro, sembra che si stia tirando su". Assange si trova in isolamento e non ha accesso ad alcun pc, anche se senza connessione Internet. Le uniche preoccupazioni sono sul fatto che c'è "chi ha ingiustamente accusato Wikileaks di aver ispirato gli attacchi informatici" di queste ore e ha ribadito di non averlo fatto. La prossima udienza per Assange è fissata per il 14 dicembre: i giudici inglesi dovranno decidere se estradarlo in Svezia.

UNA SPIA DIETRO LE MANETTE - Inoltre, nel cyber thriller che si sta sviluppando dal sito, tra mandati di cattura internazionali e fughe di notizie dai centri della diplomazia mondiale, non poteva mancare la spia. Anna Ardin, una delle due donne che hanno fatto scattare le manette per Julian Assange, accusato di stupro, è una femminista con una significativa storia di militanza in gruppi anti-castristi. Ovviamente finanziati dagli Stati Uniti e, secondo le indiscrezioni, apertamente sostenuti da un ex agente della Cia.

GRANMA E IL "LIDER MAXIMO" - La notizia, seguendo il wiki-copione, è uscita su internet, pubblicata su diversi portali e mezzi di informazione. A questi si è aggiunto Granma, lo storico foglio fidelista (sostanzialmente lo strumento che monopolizza l'informazione cubana). Secondo Granma la bella giornalista svedese 35enne avrebbe pubblicato vari articoli contro il leader maximo, pubblicati per una rivista svedese.

IL RUOLO DELLA CIA
- Il sito canadese CounterPounch ha citato il professor Micheal Seltzer, di Oslo, secondo cui la rivista per cui ha lavorato la svedese è frutto di un’organizzazione anti-castrista con sede in Svezia, diretta da Carlos Alberto Montaner, legato alla Cia. Montaner martedì lo ha smentito ("E' solo propaganda" ha dichiarato al quotidiano Miami Herald), negando di conoscere la Ardin. Ma secondo CounterPounch, la Ardin sarebbe esperta in denunce di molestie sessuale. Anna avrebbe attivamente interagito con il gruppo de Las Damas de Blanco (le mogli dei dissidenti politici cubani in carcere), gruppo che riceve fondi dal governo statunitense.

NOME IN CODICE BERNARDIN - Ma non è finita. Perché la Ardin, scrive il sito australiano Crikey, attualmente non è più in Svezia e dunque potrebbe aver deciso di non collaborare più con la procura svedese. "La Ardin, che si fa chiamare anche Bernardin", così il sito, "si è spostata in CisgiorDania, nei territori palestinesi, nell’ambito di un gruppo di evangelizzazione cristiana, il cui obiettivo è riportare la conciliazione tra palestinesi e israeliani". Attualmente la Ardin vivrebbe nella città di Yanoun, vicino al muro di sicurezza israeliano, una città costantemente assediata dai fondamentalisti ebrei e dai gruppi internazionali che vi stazionano". E’ possibile seguirla su Twitter e, secondo Crikey, il suo ultimo tweet risale a una settimana fa: "Agente della Cia, femminista rabbiosa/amante di un musulmano, cristiana fondamentalista, frigida e costantemente innamorata di un uomo. Si può essere tutto questo allo stesso modo..."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    10 Dicembre 2010 - 16:04

    lo smanettone di videogiochi deve andare in galera per stupro, come polanski. stupro di donne, non schedrziamo su ste' cose , per piacere.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Dicembre 2010 - 12:12

    E' contento che vengano fuori anche le magagne italiane e quelle di Berlusconi... il quale non é capace di scegliere gli amici se non li paga.

    Report

    Rispondi

  • DAVIDEPSY

    10 Dicembre 2010 - 10:10

    Non ho parole.... nemmeno vale la pena commentare il comportamento del ministro italiano. Ridicolo, fuoriluogo ed altrettanto patetico il suo commento, un commento di chi non ha seguito, un pappagallo dell'America: valido il commento dell'Australia sul fatto che il problema di Wikileaks è l'America con il suo sistema informatico e con i suoi membri interni che hanno permesso la proliferazione delle informazioni più o meno segrete. I problemi vanno analizzati, non si può sparare a casaccio su una persona che ha solamente fatto il suo lavoro, nella maniera più democratica che esiste senza macchiarsi di alcun crimine se non il fatto che è caduto su una banale trappola di una legge svedese che sfiora l'assurdo, visto che è stata utilizzata per un caso di un medico con aids che ha contagiato le pazienti pur sapendo della malattia infettiva. Vengano aperte indagini piuttosto su quelle due donne che hanno accusato Assange per analizzare eventuali sporchi complotti.

    Report

    Rispondi

  • Marco40

    10 Dicembre 2010 - 10:10

    da un ex comunista,e' una sberla non indifferente al ns ministro degli Esteri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog