Cerca

Bomba islamica a Stoccolma, due feriti / IL VIDEO

Attentato suicida in Svezia: morto il terrorista iracheno, strage mancata. La causa: "Guerra in Afghanistan e vignette contro Maometto"

Bomba islamica a Stoccolma, due feriti / IL VIDEO
Anche la Svezia conosce l'incubo del terrorismo islamico. Nell tardo pomeriggio di ieri un attentatore suicida, un giovane di origine irachena, ha fatto esplodere due ordigni nel pieno centro di Stoccolma, affollato di persone, causando la morte di un uomo e il ferimento lieve di altre due persone. La matrice è quasi sicuramente islamica: qualche minuto prima delle esplosioni era giunta una email all'agenzia di stampa svedese TT con un messaggio audio in svedese e arabo contro la presenza militare svedese in Afghanistan (500 uomini, ndr) e le vignette su Maometto del disegnatore svedese Lars Vilks giudicate blasfeme dal mondo arabo più integralista (nel 2007 Viks raffigurò il profeta con un corpo di cane, ndr): gli attentati, spiega il comunicato, continueranno "fino a quando non finirete la vostra guerra contro l'Islam, le umiliazioni al profeta e il vostro stupido sostegno al maiale Vilks".



Quello di ieri è stato un "attacco terrorista" - fa sapere il ministro degli esteri svedese Carl Bildt -.E' fallito, ma le conseguenze potevano essere catastrofiche". Accanto al cadavere dell'attentatore è stata rinvenuta una borsa piena di chiodi, elemento che avvalora la pista dell'attentato. La prima esplosione è avvenuta alle 16.50 all'incrocio tra Drottninggatan (la via della regina) e via Olof Palme, il cuore dello shopping della capitale. Dal bagagliaio di un'auto in sosta si sarebbero prodotte alcune esplosioni e un incendio che ha distrutto l'auto. Due feriti lievi tra i passanti. Poco dopo le 17, invece, ecco la seconda esplosione a poche centinaia di metri dalla prima, in Bryggargatan. Secondo la polizia, l'attentatore si sarebbe fatto saltare in aria tra un'auto in sosta e l'ingresso di un negozio. Visto l'affollamento, poteva essere una strage. Secondo il quotidiano svedese Aftonbladet, infatti, l'attentatore suicida aveva con sé sei ordigni. Prima di farsi esplodere, secondo alcuni testimoni l'uomo avrebbe urlato qualcosa in arabo.

Torna dunque altissima la tensione tra satira occidentale e integralismo arabo. A maggio c'era stato un tentato attentato incendiario contro l'abitazione di Vilks, che oggi ha sottolineato come l'attentato sia stato "un'azione contro il popolo svedese per spaventarlo". A gennaio, in Danimarca, un somalo aveva cercato di uccidere il vignettista danese Kurt Westergaard, divenuto celebre nel 2005 per alcune vignette su Maometto che aveva innescato violente proteste e almeno 50 morti nel mondo islamico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    13 Dicembre 2010 - 15:03

    E così ,anche la pacifica Svezia ha conosciuto la ''pace islamica'' ! C'è un progetto di conquista territoriale da realizzarsi mediante la saturazione culturale e dei costumi , e che continuerebbe in un secondo tempo ,entrando nella vita politica dei vari Stati . Una volta raggiunta la parità o la maggioranza, verrebbe applicata la sharìa ,e ''buonanotte ai suonatori'' ! Dal momento che i musulmani non hanno intenzione di integrarsi, questi saranno sempre ''spine nel fianco'' degli Stati , Chi c'è dietro questo progetto studiato a tavolino ? E chi, se non la Massoneria, collusa con chi vuole realizzare un Governo Mondiale ? Soltanto alleandosi ed usando l'Islam (religione violenta,la Storia di tutti i giorni lo dismostra)come un'arma ,questi Illuminati possono realizzare il loro progetto egemonico.DIO ce ne scampi e liberi !

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    13 Dicembre 2010 - 11:11

    Gli ultranazionalisti (SD) sono entrati nel parlamento svedese per la prima volta quest'anno con il 5,7% puntando la loro campagna elettorale sull'impossibilità di integrazione dei musulmani. Notiamo che la Svezia (assieme all'Olanda) sono le nazioni europee con la "mentalità più aperta" (ossia scioccamente tolleranti). Se ora si andasse a votare, in Svezia, l'SD raddoppierebbe i voti con buona pace dei socialdemocratici e la loro politica dell'accoglienza. Per quanto riguarda l'Olanda, questa aveva intrapreso la strada del rinsavimento negli ultimi anni portando questa primavera il PVV al 15,5%. L'Europa si sta svegliando. Altro che minareti i musulmani dovranno fare le valige.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    12 Dicembre 2010 - 20:08

    Questo Ufficio,da non confondere con il ministero degli esteri, dovrebbe poter essere un'occhio vigile di ogni Paese per poter condurre un dialogo sociale proficuo con ogni cittadino per qualsiasi ragione sia ideale che materiale. Papa Giovanni Paolo dissae: Non abbiate paura. Una delle peggiori cause della paura è la sconoscenza dei nostri fratelli, culturalmente e socialmente.

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    12 Dicembre 2010 - 16:04

    "Non dico di ricorrere alle armi" ??? tu, Al-dente, sei troppo buono: non hai mica ben capito con chi abbiamo a che fare. Arriverà il giorno del risveglio da questo profondo addormentamento collettivo ... e saranno malanni grossi per tutti, purtroppo. I nemici bisognerebbe anche rispettarli, invece le serpi di casa nostra, quelli che ce li hanno fatti entrare, quelli sì, non meriterebbero pietà. E cmq, i muslin non sono peggiori dei giudei: l'Europa sta tra il martello e l'incudine. Oltre che navigare sulla stessa ca@@a ...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog