Cerca

Australia, a picco un barcone di migranti: 50 morti

Gli uomini scagliati dalle onde contro gli scogli: impossibile soccorrerli / GUARDA LE FOTO

Australia, a picco un barcone di migranti: 50 morti
Una barca di legno con a bordo decine di profughi, fra cui donne e bambini, è affondata mercoledì mattina nel mare in tempesta al largo del territorio australiano di Christmas Island, nell'Oceano indiano, schiantandosi contro gli scogli e aprendosi in due, sotto gli occhi stupefatti dei residenti dell'isola. I timori iniziali sono stati confermati: le vittime dell'incidente sarebbero 50.

I TESTIMONI - Alcuni testimoni hanno raccontato di essere stati svegliati dalle urla e di aver assistito, senza poter fare nulla, a una scena orribile: i corpi, tra i rottami del relitto, venivano sabttuti con violenza dalle onde contro le scogliere. "Il motore era fuori uso e la barca faceva avanti e indietro vicino a questi scogli, molto frastagliati e molto pericolosi", ha raccontato uno dei testimoni. L’uomo ha chiamato subito la polizia e ben presto altre persone del posto lo hanno raggiunto sulle rocce per tentare di aiutare i migranti, nonostante la tempesta e le onde.

LA DINAMICA -
Il barcone, di circa 9 metri, è stato in balia delle onde per circa un’ora prima di colpire gli scogli e spaccarsi: gli uomini a mare sono stati sballottati tra l'acqua e pezzi di lamiera. "Un'imbarcazione di trafficanti di uomini si è infranta sugli scogli", ha riferito il premier facente funzione Wayne Swan. "Diverse persone sono state salvate, ma purtroppo sono stati anche recuperati dei corpi". Non è noto da dove l'imbracazione e gli uomini provenissero, ha aggiunto Swan. Si ritiene tuttavia che si tratti principalmente di iracheni e iraniani: ogni anno migliaia di richiedenti asilo dall’Iraq, Afghanistan e Sri Lanka sfidano la sorte per raggiungere le coste australiane a bordo di imbarcazioni di fortuna. L’Isola di Natale (Christmas Island), territorio australiano situato ad appena 300 chilometri dalle coste indonesiane, ospita un centro di accoglienza per migranti e richiedenti asilo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tenente drogo

    15 Dicembre 2010 - 11:11

    Povera gente !

    Report

    Rispondi

blog