Cerca

L'Ungheria approva la sua legge bavaglio, proteste in piazza

Nasce agenzia nazionale, unica fonte autorizzata. In 1500 davanti al Parlamento

9
L'Ungheria approva la sua legge bavaglio, proteste in piazza
E' stata già soprannominata la "legge bavaglio ungherese": da oggi stampa, radio e tv dello stato magiaro finiscono sotto il controllo del Governo. Il parlamento ha infatti approvato - con circa i due terzi dell'Assemblea - una riforma della legge sull'informazione che prevede un'unica fonte di notizie, l'agenzia di stampa nazionale, per radio e tv. Nasce anche un nuovo organismo di controllo, l'Autorità per le comunicazioni e i media nazionali, potrà sanzionare giornalisti ed editori responsabili della diffusione di notizie "inappropriate e squilibrate", secondo il Governo guidato da Viktor Orban (nella foto), con la possibilità di multare fino a 90mila euro i quotidiani, fino a 48mila i siti internet d'informazione e 240mila per Tv e radio.

Le associazioni dei giornalisti ungheresi denunciano questi provvedimenti che "limitano la libertà di informazione". All'inizio di dicembre, un quotidiano e due settimanali sono usciti in edicola con la prima pagina bianca. Nella notte tra lunedì e martedì, circa 1500 persone si sono riunite di fronte al Parlamento di Budapest - dopo essersi dati appuntamento tramite i social network - per protestare contro le nuove norme.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    23 Dicembre 2010 - 18:06

    verranno pubblilcate meno fregnacce

    Report

    Rispondi

  • italodemocratico

    23 Dicembre 2010 - 11:11

    In Ungheria si é avverato, giornali non piú di sinistra, destra, o centro, noó tutti solo per il capo, boss, dittatore. Basta !

    Report

    Rispondi

  • rocc

    22 Dicembre 2010 - 20:08

    ha ragione Antony: Feltri è stato imbavagliato, e lo è tuttora, per 3 mesi, e nessuno ha protestato, a parte i lettori del Giornale

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media