Cerca

Russia, condanna per l'oligarca Khodorkovsky: rischia 6 anni

L'imprenditore del colosso petrolifero Yukos accusato di frode e riciclaggio. La Clinton: "Gravi dubbi"

Russia, condanna per l'oligarca Khodorkovsky: rischia 6 anni
Mikhail Khodorkovsky rischia sei anni di carcere. I giudici hanno dichiarato colpevole il fondatore della compagnia petrolifera Yukos, in prigione dal 2003, nel secondo processo per frode a suo carico. Le accuse erano di appropriazione indebita e riciclaggio di denaro in relazione al presunto furto di 350 milioni di tonnellate di petrolio dalla compagnia diretta da Khodorkovsky e il socio Platon Lebedev (equivalente all'intera produzione di sei anni). I giudici non hanno ancora annunciato a quanti anni sarà condannato il 47enne ex oligarca. I pubblici ministeri avevano chiesto altri sei anni di carcere.

POCA TRASPARENZA - In base al nuovo ordinamento giuridico russo, queste accuse hanno consentito un processo senza giuria con una diminuzione del livello di trasparenza. Il processo contro Khodorkovsky era considerato a livello internazionale un esame di garantismo democratico per l'amministrazione del presidente Medvedev.
Lo stesso imputato, alla vigilia della sentenza, aveva affermato: "Milioni di occhi in tutta la Russia e nel mondo intero osservano l'esito di questo processo. Osservano nella speranza che la Russia possa dopo tutto diventare un paese di libertà e legalità, dove la legge è al di sopra del funzionario burocrate.

VICENDA SIMBOLO - Secondo gli osservatori infatti, la sua vicenda giudiziaria è uno degli episodi-simbolo della Russia di Vladimir Putin, così come la costruzione del suo impero industriale ben raccontava l'era precedente, il periodo delle privatizzazioni e della costruzione di fortune economiche da parte degli "oligarchi" sotto la presidenza di Boris Eltsin. Il primo processo contro Khodorkovsky a loro carico si era infatti concluso nel 2005 con una condanna di Khodorkovsky e Lebedev a otto anni di carcere.
E' già iniziata la contestazione: mentre in aula veniva letta la sentenza di colpevolezza, fuori del Palazzo di Giustizia le forze dell'ordine hanno arrestato venti manifestanti tra le centinaia che chiedevano l'assoluzione di Khodorkovsky e denunciavano le accuse contro di lui come politicamente motivate. La condanna è arrivata dopo che il premier Putin, durante un'intervista televisiva, ha esplicitamente chiesto la condanna del suo nemico politico affermando che "il ladro deve rimanere in galera".

LA CLINTON: "GRAVI DUBBI" - Il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, ha denunciato che il nuovo verdetto di colpevolezza pronunciato lunedì a Mosca contro Mikhail Khodorkovsky e Platon Lebedev,  solleva “gravi problemi su alcuni processi e sul rispetto della legge che viene messo in ombra da considerazioni politiche”.  Il caso, continua la Clinton, “avrà un impatto negativo sulla reputazione della Russia nel   adempiere ai suoi impegni internazionali per il rispetto dei diritti umani e per migliorare il clima per gli investimenti”, ha aggiunto il segretario di Sato, precisando che gli Stati Uniti seguiranno il processo d’appello.


CRITICHE -
"Un processo farsa, con accuse assolutamente false". Lo ha dichiarato l'avvocato di Khodorkovsky e Lebedev, Vadim Klyuvgant. Una condanna, secondo il legale,  che "conferma la parzialità del sistema giudiziario russo e la corruzione di alcuni funzionari che continuano a considerare Khodorkovksy come una minaccia e cercano di impedire il suo rilascio previsto nel 2011".
Anche la Germania ha criticato la condanna dell'ex magnate. Il commissario per i diritti umani del governo federale Markus Loening ha definito il verdetto "un esempio di giustizia arbitraria e politicizzata". Secondo l'alto funzionario, la decisione del Tribunale di Mosca mostra che "la retorica del presidente Medvedev sulla stato di diritto è appunto semplice retorica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wodville

    29 Dicembre 2010 - 13:01

    Ora sappiamo perchè i nostri grandi e liberi media spargono lacrime sul triste destino di Khodorkovski – l'oligarca che aveva cominciato la sua brillante carriera di businessman già poco prima della caduta dell’Urss approfittando delle «privatizzazioni», ossia la svendita del patrimonio industriale e minerario del Paese - e sul sistema giudiziario russo così perverso. ANche i nostri tg piangono lacrime per conto terzi. ...bha

    Report

    Rispondi

  • Chelyabinsk

    28 Dicembre 2010 - 13:01

    Che ci sia accanimento contro Khodorkovskiy e' un dato di fatto. Che egli appartenga a quella generazione di predoni che autorizzati a cannibalizzare un intero paese dall'allora potere fantoccio eltsiniano e' un altro dato di fatto. Ma che quelle vergini degli americani si dicano preoccupati per la violazione delle regole di democrazia in Russia (o in qualche altra parte del mondo) e' veramente apprezzabile... Loro che tanto si sforzano per portare in tutti i buchi del mondo (purche' in questi ci siano giacimenti o altre fonti di lucro e potere) un segnale di pace e democrazia e quando trovano qualche parere contrario usano come pastorale dissuasione le portaerei con i chinook e gli f16. Non so perche', ma ogni volta che leggo della indignazione degli americani per i soprusi degli altri, mi commuovo...

    Report

    Rispondi

  • Aries

    28 Dicembre 2010 - 11:11

    Da noi i comunisti come D'Alema sono a spasso , i filocomunisti come Brodi sono in pensione , Bertinotti è a passeggio. In Russia in Cina a Cuba e nella Corea del Nord , comandano ancora sotto mentite spoglie. E gli ingenui ci cascano, solo perchè li vedono in giacca e cravatta e con la BMW! ahahahah!

    Report

    Rispondi

  • essemme

    27 Dicembre 2010 - 23:11

    Che bello comprare tutto il petrolio e gas russo a soli 250 milioni di euro,un regalo, che all'epoca Eltsin firmo' la vendita a Kodorkovsky, prestanome di Rotschild e Wall street, vista la crisi e il fallimento che il paese attraversava . E i minerali del sottosuolo che i vari Abramovich(ebreo) comprarono con pochi spiccioli. Che bello fare la spesa all'epoca con Eltsin malato e il governo corrotto dove svendettero i patrimoni del paese per pochi spiccioli. Erano i beni dei Cittadini. Anche quelli onesti,la maggioranza. Poi arrivo' Putin, eletto a furor di popolo, che reclamavano il ritorno dei beni regalati da corrotti politici. E ci riusci'. E siccome ha dato Sberle morali ai massoni di Londra e Wall Street, e' cattivo, dittatore,bla, bla, bla. Intanto ora stanno meglio di prima, e' un paese che fa Utili. Mica come i nostri Prodi e D'Alema, e massoni nostrani,che nel 1992 sul Britannia Svendettero per pochi Dollari i Nostri beni. Gia',noi avevamo i Prodi e D'alema, mica PUTIN...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog