Cerca

Nigeria, scontri tra musulmani e cristiani: 86 morti

Blancio del Natale di sangue a Jos. Oggi tre arresti: progettavano nuovo attentato

Nigeria, scontri tra musulmani e cristiani: 86 morti
E' di 86 morti il bilancio del Natale di sangue in Nigeria, sconvolta a Jos dalle violenze religiose tra cristiani e musulmani. Lo ha reso noto l'Agenzia per la gestione delle emergenze nazionali (Nema). Negli ospedali sono 189 i feriti ricoverati. Intanto stamane tre uomini sono stati arrestati, sempre a Jos. I tre, due di nazionalità nigeriana e uno proveniente dal Ciad, erano in possesso di bombe e secondo gli investigatori stavano per compiere un attentato ad una chiesa. Gli arrestati, ha rivelato la Cnn, sono stati bloccati nella zona di Dogon Dutse ed erano sospettati per gli attacchi della vigilia di Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tigrin della sassetta

    29 Dicembre 2010 - 18:06

    Tu giuseppe57, non hai – come al solito – capito un tubo. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    29 Dicembre 2010 - 18:06

    non a civilizzare i selvaggi ma "interessato solo alle possibilità di impiego delle loro doti naturali in caso di necessità". Però... una precisazione folgorante. Come quella che "per conservare un minimo di decoro e di parvenza d’intelligenza" si dovrebbe evitare di parlar di tratta dello schiavo nero per le piantagioni di cotone americane perchè gli arabi e gli africani stessi la praticavano secoli prima che l’America venisse scoperta dagli europei. E allora ?? Perchè erano schiavisti gli arabi non lo erano più gli americani ?? Come dire che se ciannoumido dice scemenze le scemenze successive di un'anima bella diventano verità ?? Ma per piacere. Certo è che quando si ammassano vocaboli a caso pur di polemizzare con chiunque, a prescindere dall'argomento, tutto è concesso. Soprattutto alle anime belle.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    29 Dicembre 2010 - 17:05

    non civilizzare i selvaggi ma "interessato solo alle possibilità di impiego delle loro doti naturali in caso di necessità". Però... una precisazione folgorante. Come quella che "per conservare un minimo di decoro e di parvenza d’intelligenza" si dovrebbe evitare di parlar di tratta dello schiavo nero per le piantagioni di cotone americane perchè gli arabi e gli africani stessi la praticavano secoli prima che l’America venisse scoperta dagli europei. E allora ?? Perchè erano schiavisti gli arabi non lo erano più gli americani ?? Come dire che se ciannoumido dice scemenze le scemenze successive di un'anima bella diventano verità ?? Ma per piacere. Certo è che quando si ammassano vocaboli a caso pur di polemizzare con chiunque, a prescindere dall'argomento, tutto è concesso. Soprattutto alle anime belle.

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    29 Dicembre 2010 - 15:03

    non hai – come al solito – capito un tubo: e chi se ne frega di “civilizzare” quella roba? Mai stato interessato all’ammaestramento dei primati quadrumani, ma solo alle possibilità di impiego delle loro doti naturali in caso di necessità. Ah, una precisazione: per conservare un minimo di decoro e di parvenza d’intelligenza, evita di parlar di tratta dello schiavo nero per le piantagioni di cotone americane: gli arabi e gli africani stessi la praticavano secoli prima che l’America venisse scoperta dagli europei. E, prima di sentenziare, vedi pure di informarti sui diritti di chi la Carta Manden legiferasse (esclusivamente dei keita mandinka e non certo di sosso, wolof, fulan eccetera) e su chi invece non venisse neppure preso in considerazione, perché ritenuto subumano e della cui schiavitù era codificata la normativa: ragion per cui, con detta Carta ti ci puoi pulire ... Anima cattiva.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog