Cerca

Battisti, Frattini: "Ricorreremo a Corte dell'Aja"

Governo contro il Brasile per riavere il terrorista. Il Ministro: "Precedente grave" /DITE LA VOSTRA

Battisti, Frattini: "Ricorreremo a Corte dell'Aja"
L'Italia va in pressing su Dilma Rousseff e il Brasile per riavere Cesare Battisti. Sabato il ministro degli Esteri Franco Frattini ha spedito una lettera ufficiale alla neo-presidente per chiederle di annullare la mancata estradizione decisa dal suo predecessore Lula. In un'intervista al Corriere della Sera, Frattini ha ribadito che il caso Battisti rappresenta "un precedente gravissimo che potrebbe influire sul destino di tanti latitanti". "L'Italia - ha aggiunto il capo della Farnesina - non lascerà nulla di intentato. Pensiamo di portare il caso alla Corte internazionale dell'Aja". E poi un attacco pesante al Brasile: "Con tutto il rispetto, non è l'Italia il Paese dei desaparecidos, non è qui che in galera si tortura, si uccide o vengono fatti sparire i detenuti. Non può passare il segnale che il Brasile è il Paese dove si può ripetere il caso Battisti. Non è accettabile che dopo la dottrina Mitterand si diffonda l'idea che esiste una dottrina Lula". In ballo c'è anche il progetto di partnernariato tra Italia e colosso sudamericano: "Non sarà facile approvarlo - prevede Frattini - Potrebbe essere rinviato, la lotta al terrorismo non può tollerare buchi neri simili".

RELAZIONI A RISCHIO - Critico con il Brasile è anche il ministro della Difeda Ignazio La Russa, che alla Stampa ribadisce quanto affermato da Frattini: il no all'estradizione dell'ex terrorista condannato in Italia per quattro omicidi mette a rischio "le relazioni commerciali" tra i due Paesi. L'Italia, spiega La Russa,"punta sulla Corte Costituzionale brasiliana e sul fatto che il nuovo presidente dovrà adeguarsi". Poi la stoccata a Lula che, "pur essendo una personalità di rilievo, non ha mai dimenticato i suoi orientamenti politici e culturali. È un problema di richiamo della foresta tra ambienti radical-chic francesi e dell'estrema sinistra brasiliana".

CRITICHE DAI GIUDICI - La decisione di Lula è stata aspramente criticata anche dal Supremo Tribunale brasiliano, che si era espresso in senso favorevole alla estradizione. Proprio un ex giudice del massimo organo di giustizia di Brasilia, Carlos Velloso, ha definito la posizione dell'ex presidente senza "basi giuridiche, ma è ideologica e anche incomprensibile, visto che la stessa sinistra europea non concorda con ciò che ha fatto Battisti". Il precedente, per Velloso, è grave: "Non era mai successo che una sentenza del Stf non venisse rispettata, non c'è nessuna parola nella legge che autorizzi il capo dello Stato a non rispettare una decisione riguardo un'estradizione". "La decisione del tribunale, conclude Velloso, "doveva semplicemente essere applicata da Lula".


Voi cosa ne pensate? Scrivete a "Libero" la vostra opinione.
Guarda il videomessaggio di Maurizio Belpietro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubimai54

    03 Gennaio 2011 - 19:07

    caro unghianera mi dispiace contradirti sul fatto di non essere italiano:IO SONO ITALIANO 100%VENGO DAL SUD(PROFONDO SUD A SENTIRE I COMUNISTI..)40 IN SVIZZERA COME EMIGRANTE E DA 5 ANNI IN BRASILE RIO PER L'ESATTEZZA,QUINDI,SMETTIAMOLA DI DARE GIUDIZI NEGATIVI O ALLE OFFESE QUANDO UNO VI CONTRADDICE,ANCHE IO SONO CONTRARIO SU LA DECISIONE DEL PRES.LULA DI NON ESTRADARE CESARE BATTISTI E' UNA DECISIONE POLITICA DEI POLITICI BRASILIANI MA DARE UN GIUDIZIO SUL POPOLO BRASILIANO QUESTO NON L'ACCETTO E OFFENDERE IL POPOLO PERCHE' IL SUO PRES.NON E'DACCORDO.E COME DIRE CHE SI SA CHE IN SICILIA,CALABRIA E CAMPANIA ESISTE LA MAFIA ,MA DARE DEL MAFIOSO A TUTTI GLI ITALIANI QUSTO E'SBAGLIATO O NO? STIAMO DISCUTENDO SU LA DECISIONE DI UN EX PRESIDENTE DEL BRASILE IN MERITO HA UNA DECISIONE(SUA)DI NON ESTRADARE UN ASSASSINO E TERROLRISTA MA CHE LE COLPE DELLA DECISIONE DI LULA DEVE PAGARE UN POPOLO DOVE IL 80%E'CONTRARIO SU LA SUA SCELTA..DARE DEL INCIVILE AI BRASILIANI E'UNA OFFESA..

    Report

    Rispondi

  • Max_x

    03 Gennaio 2011 - 17:05

    c'é anche Rita !

    Report

    Rispondi

  • Max_x

    03 Gennaio 2011 - 17:05

    vale a dire fratelli e sorelle (Moira, Assunta, Vincenzo e Domenico). Questi sono ancora in Italia ... ed in internet si trova tutto e tutti !

    Report

    Rispondi

  • mystes

    03 Gennaio 2011 - 16:04

    Ho letto alcuni importanti giornali brasiliani come Veja, O Globo ecc. ed ho appreso che il sig. Lula ha atteso di proposito l'ultimo giorno del suo mandato per negare l'estradizione di Battisti onde evitare di pregiudicare la rielezione della sua pupilla Dilma Rousseff. Infatti se avesse negato l'estradizione sei mesi fa contrariando la decisione del STF avrebbe dato una potente arma all'opposizione, compromettere probabilmente l'elezione di Dilma e rischiare, in base alla legge brasiliana, l'empechement. Il sito di Assange infine ha rivelato che l'ambasciatore americano a Brasilia aveva informato il suo paese dicendosi certo che Lula avrebbe negato l'estradizione. Da dove gli derivava questa certezza? Dal fatto forse che è in atto un tentativo di compromettere le antiche relazioni amichevoli tra l'America Latina e l'Europa?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog