Cerca

L'Eta annuncia: "Tregua generale: trovare soluzione a conflitto"

L'organizzazione: "Via democratica per risolvere questione basca". Spagna: "Solita arroganza" / VIDEO

L'Eta annuncia: "Tregua generale: trovare soluzione a conflitto"
L’Eta, l'organizzazione terroristica che lotta per la secessione dei paesi baschi, ha annunciato una tregua "generale, permanente" e "verificabile dalla comunità internazionale" per ricercare una soluzione "giusta e democratica" alla questione basca.

"TROVARE SOLUZIONE A CONFLITTO" - In un comunicato ripreso dal giornale basco Gara, il gruppo separatista ha accolto quella che veniva considerata una condizione imprescindibile perché suoi rappresentanti politici possano essere ammessi a partecipare alle elezioni amministrative di maggio. Nella nota l’Eta rileva che "da Bruxelles a Guernica personalità internazionali di grande rilievo e molti operatori politici e sociali baschi hanno sottolineato la necessità di dare una soluzione giusta e democratica al secolare conflitto politico" nei Paesi Baschi.

Guarda il video dell'ultimo messaggio dell'Eta.

 

"CESSATE IL FUCO"
- "L'Eta concorda", prosegue il comunicato, sul fatto che "la soluzione giungerà attraverso un processo democratico che abbia la volontà del popolo basco quale massimo riferimento e il dialogo e il negoziato quali strumenti". Per questo il gruppo spiega di aver deciso di "dichiarare un cessate il fuoco permanente e di carattere generale, che può essere verificato dalla comunità internazionale".

GOVERNO SPAGNOLO PESSIMISTA - "Tutti i partiti politici hanno insistito sul fatto che l'unico comunicato che vogliamo leggere è quello in cui Eta dichiara la fine definitiva della violenza ed è evidente che oggi non l'ha fatto". Queste le parole del governo spagnolo, arrivate dal vicepremier e ministro degli Interni, Alfredo Perez Rubalcaba, che si rivela pessimista sulla vera natura del comunicato.  Nel video diffuso oggi, l'Eta dichiara "il fermo impegno in un processo di soluzione definitivo e con la fine dello scontro armato» e pone come condizione per superare il conflitto che si risolvano le chiavi della territorialità e del diritto all'autodeterminazione. Siamo davanti a una Eta con la stessa arroganza, lo stesso linguaggio e la stessa scenografia", ha continuato Rubalcaba, facendo riferimento alla precedente tregua permanente dichiarata nel 2006 e terminata con l'attentato mortale all'aeroporto di Barajas.

Euskadi Ta Askatasuna, l'organizzazione indipendentista nato alla fine degli anni '50, è considerato un’organizzazione e i suoi attentati hanno causato più di 800 morti. Dopo la tregua temporanea del 2006, il 5 settembre scorso l’Eta aveva diffuso un video in cui annunciava di voler abbandonare la lotta armata per l’indipendenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog