Cerca

Wikileaks: "Assange rischia di finire a Guantanamo"

Il giornalista: "Potrei essere condannato a morte. Il sito perde 500mila euro a settimana, il denaro arriva con difficoltà"

Wikileaks: "Assange rischia di finire a Guantanamo"
Sono giorni difficili per Wikileaks e il suo fondatore Julian Assange. Secondo i legali del giornalista, se venisse portato negli Usa senza assicurazioni che non verrà applicata nei suoi confronti la pena di morte, ''c'è il pericolo reale che possa essere soggetto alla pena capitale o che possa essere incarcerato a Guantanamo''. Anche il sito, nel frattempo, naviga in brutte acque. Ora anche finanziarie. Tanto che, parola di Assange, "non potrà sopravvivere. Al ritmo attuale, il denaro dei donatori ci arriva con difficoltà perché i nostri conti sono bloccati", ha spiegato all'emittente radiofonica francese Europe 1. Quindi ha quantificato il "rosso": "Perdiamo 500mila euro a settimana". Mica noccioline. "Proveremo a reagire", ha comunque rilanciato il biondo australiano.

RITORNO IN TRIBUNALE - Nel giorno del ritorno in aula a Londra del buon Julian, è stata fissata l’udienza definitiva sulla richiesta di estradizione che pende sul suo capo, dovuta al mandato di cattura per violenza sessuale e stupro. La richiesta era stata avanzata dalla Svezia alla Gran Bretagna: si deciderà i prossimi 7 ed 8 febbraio. Lo ha deciso il giudice Nicholas Evans del tribunale di Woolwich. Proprio per sfuggire a Stoccolma, il padre padrone di Wikilieaks starebbe pensando di chiedere asilo politico alla Svizzera, e di portarsi armi e bagagli anche tutta la Wiki-truppa, per sfruttare la legislazione elvetica più blanda.

LA BOMBA SULLE BANCHE -
Ma per Julian, costretto a indossare il braccialetto elettronico, spostarsi non è uno scherzo. "E' peggio che stare in carcere", ha spiegato nell'intervista. "E' come una cintura di castità, perché mina l'integrità fisica della persona". E le rivelazioni sulle grandi banche? Per ora, conclude, "resta tutto bloccato". Le Wiki-casse languono, e non ci sono i soldi nemmeno per far uscire la notizia-bomba sui big di Wall Street.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sempresi

    12 Gennaio 2011 - 09:09

    Per me è uno spione quindi andrebbe messo in carcere per divulgazioni di segreti di stato. Anche la pena di morte se è necessario, per alto tradimento. Ben gli sta

    Report

    Rispondi

  • francab

    12 Gennaio 2011 - 08:08

    per le notizie sulle banche bisogna aspettare, dice lui, eh, ti credo....se vuole "emigrare" in svizzera. lì mica scherzano con la loro prima fonte di reddito ( e fanno bene) ps. julian caro, che ne dici di un voletto in brasile? l estradizione, lì , è sconsciuta

    Report

    Rispondi

  • alvaro il romanista

    12 Gennaio 2011 - 07:07

    Caro il mio "eroe" della liberta', della verita', dell'integralismo politico e non, insomma " Eroe per antonomasia", ti ricordo una cosa, o se non lo sai te ne porto a conoscenza, gli eroi in guerra muoiono le persone normali tornano a casa. Alvaro.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    12 Gennaio 2011 - 05:05

    posso capira la paura di essere processato negli USA , ma i soldi? che c'entrano i soldi? ma dico io questi non pensano mai a trovarsi un lavoro come tutti gli altri? sempre attaccati ai soldi degli altri che (invece) lavorano tutti i giorni?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog