Cerca

Brunetta, un peso sullo stomaco: "Cesare Battisti"

Poi a Napolitano: "Mancata estradizione, deboli noi? No, ruolo di sinistra sindacale e giornalistica"

Brunetta, un peso sullo stomaco: "Cesare Battisti"
Il ministro Renato Brunetta ha "qualcosa sullo stomaco". Il peso, che grava anche sulla pancia di molti italiani, è quello "della vicenda di Cesare Battisti". Lo ha spiegato il titolare del dicastero per la Pubblica Amministrazione, aggiungendo che "non è vero che non siamo riusciti a spiegare all'estero cosa siano stati gli anni di piombo: è invece accaduto che una certa parte del gioranlismo, della cultura, della politica italiana è stata ambigua con il terrorismo". Dal ministro è arrivata insomma una risposta alle velate accuse mosse negli ultimi giorni dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

"LA SINISTRA DA ALBUM DI FAMIGLIA" -
Brunetta rende poi esplicito il suo riferimento: "Parlo di quella sinistra dell'album di famiglia che all'inizio trattò i terroristi come compagni che sbagliano, a quel giornalismo e a quella intellettualità radicalchic che hanno sempre prodotto un sottofondo giustificazionista, antistatale, antidemocratico, antirepubblicano. Tutto questo clima noi l'abbiamo esportato all’estero, innanzitutto in Francia, dove vi è altrettanta sinistra al caviale (come la chiamano loro) e persino in Brasile, dove sono venuti fuori il prodotto Lula e il prodotto della non estradizione".

"RESPONSABILITA' PRECISE"
- "Se vogliamo fare la nostra storia", insiste il ministro, "facciamola fino in fondo, anche rispetto alle contraddizioni più recenti, come gli anni di piombo. Ci sono quelli che hanno subìto il terrorismo e lo hanno sofferto con i morti, e ci sono quelli che ci hanno giocato". In questo, conclude il ministro, "esistono delle responsabilità precise della sinistra politica, della sinistra sindacale, della sinistra giornalistica. Non è vero che non abbiamo spiegato bene il fenomeno terroristico, è vero invece che c'è stata una parte di questo Paese che l’ha spiegato fin troppo bene in una chiave anti italiana".

MOZIONE IN AULA - Intanto è stato stabilito il giorno in cui l'Aula della Camera esaminerà la mozione presentata dal leader Udc, Pier Ferdinando Casini, sulle iniziative volte a risolvere il caso diplomatico aperto dopo la mancata estradizione del terrorista Cesare Battisti. La data scritta sul calendario dei lavori parlamentari è quella del 18 gennaio. Lon ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    01 Settembre 2011 - 21:09

    E' finito il tempo di fare le verginelle abusate, siete anche voi uguali a tutti gli altri. Come si può andare alle urne e votare vomitando. Semplice , non si vota , sperando che nasca da tanto letame un nuovo fiore.

    Report

    Rispondi

  • sorciverdi

    15 Gennaio 2011 - 08:08

    Ho poco tempo per leggere i commenti agli articoli ma stamane l'ho fatto e mi sono visto costretto a verificare se mi ero collegato a Libero oppure a intelligenti e democratiche testate come l'Unità o Repubblica Non mi rivolgo a chi commenta ma ai moderatori con una domanda:"Perché pubblicate sfoghi di fanatici comunisti sul nostro giornale? Forse per dimostrare che sono imbecilli e fanatici? Non è necessario perché lo sappiamo già che hanno tre narici."

    Report

    Rispondi

  • kywest

    12 Gennaio 2011 - 09:09

    Per quei bontemponi che dicono che non è giusto etichettare come "di sinistra" il semipresidente Napolitano (fatto salvo il rispetto della Carica), ricordo che il nostro è stato per tutta la sua vita un dirigente del PCI (area migliorista); di quel partito che aveva come simbolo la bandiera sovietica da sotto la quale faceva timidamente capolino un lembo di tricolora. Di quel partito che inneggiava ai carriarmati sovietici pacificatori. Di quel partito dei "compagni che sbagliano". Del partito dell'oro di Mosca. E questo signore pretende di dare lezioni di democrazia? A chi, di grazia. O vuole solamente giustificare il compagno Lula che protegge un delinquente comune, un assassino che si nasconde dietro il dito di un'ideologia che non gli appartiene? Disgusto.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    12 Gennaio 2011 - 08:08

    siamo alle elementari. in mancanza di idee risultano utili quelle degli altri.per dirla alla bertrand russell lei è un autologico. tranquillo,non è un'offesa,solo una classificazione.sancta simplicitas

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog