Cerca

Alluvione in Brasile: Il bilancio sale a 500 morti

Stato di Rio il più colpito. Paura per epidemie, in arrivo primi aiuti. Pioggia tutto gennaio / VIDEO

Alluvione in Brasile: Il bilancio sale a 500 morti
Sale a oltre 500 il bilancio delle vittime delle tremende alluvioni che stanno devastando da martedì il sudest del Brasile. Nella città di Teresopolis, a 100 km da Rio de Janeiro, sono morte almeno 200 persone ed è stato decretato lo stato di emergenza: i soccorsi sono ostacolati dal fango. Petropolis, dove le vittime sono 34, è accessibile solo in elicottero.

DRAMMA A NOVA FRIBURGO - A Nova Friburgo, i morti fino ad ora accertati sono 208. Il presidente Dilma Rousseff ha stanziato 780 milioni di dollari per i soccorsi nelle regioni colpite. In poco più di 24 ore, sullo stato di Rio de Janeiro sono cadute l'84% delle precipitazioni previste per l'intero mese di gennaio: un vero e proprio diluvio che ha provocato allagamenti, frane, smottamenti con un bilancio che sale di ora in ora. Tredici le vittime anche nello Stato di San Paolo. Il governatore di Rio de Janeiro, Sergio Cabral, ha chiesto al governo l’intervento urgente di squadre militari esperte nei soccorsi e di aerei in grado di mettere in sicurezza la popolazione.

PARLA JOBIM - Il ministro della difesa del governo Rousseff,
Nelson Jobim, è sconfortato: "In alcuni punti sembra uno scenario di guerra. Quello che abbiamo visto è un panorama desolante, provocato dalla violenza dell'acqua e dalle frane delle colline, che hanno fatto morti e danni gravi alle strade, le abitazioni e le infrastrutture della zona. Delle aree che abbiamo sorvolato intorno ai municipi di Petropolis, Teresopolis e Nova Friburgo, riteniamo che la situazione peggiore sia quella di quest'ultimo centro. Molte zone rurali di Nova Friburgo sono rimaste isolate. In questa prima fase punterà soprattutto a dare più rapidità e agevolare l'arrivo degli aiuti e l'avvio della ricostruzione."


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    15 Gennaio 2011 - 15:03

    Come mai? Eppure qualcosa si sa: con questo si può controllare il flusso meteo. Oltretutto queste catastrofi accadono sempre in questa stagione, terremoti compresi.

    Report

    Rispondi

  • prodomoitalia

    14 Gennaio 2011 - 15:03

    Indubbiamente mi spiace per il popolo brasiliano. Se poi hanno bisogno di quattrini ci chiedano il riscatto per la liberazione del povero Battisti certo che nessun italiano abboccherà all'amo.

    Report

    Rispondi

  • pincruise

    14 Gennaio 2011 - 11:11

    Mi piacerebbe sapere cosa ha inviata all'Italia il Brasile quando c'è stato ilterremoto.L'aiuto dell'Italia loro ce l'hanno già...mandate Cesare Battisti a spalare fango o a ripulire le fogne insieme al compagno Lula

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    14 Gennaio 2011 - 11:11

    Lula di sicuro non ha bisogno di aiuti o puo' chiederli a Carla' con accento sulla a.Chissa' se e' andata sotto acqua anche la cella di battisti, o lui e' al 5 piano residenziale. Agli amiconi di questo assassino, fate una colletta.

    Report

    Rispondi

blog