Cerca

In undici violentarono una donna

L'Egitto li condanna a morte

La videro mentre lavorava su un balcone, a Kafr El Sheikh. Erano in undici, compreso un minorenne. Si guardarono tra loro e decisero di prendersela, a turno: entrarono nella casa, la costrinsero a prendere un minibus e poi in un campo fuori della città la violentarono per tre ore.Era il 7 gennaio del 2006. Oggi, a tre anni di distanza, il tribunale della città del  Delta del Nilo, ha deciso che i giovani non hanno più diritto a vivere. Li ha candannati tutti a morte, tranne il minorenne. Ne dà notizia il quotidiano indipendente Masr El Yom. Il giornale sottolinea che la condanna è molto pesante e ha lo scopo di riaffermare il rigore della legge contro i reati di stupro e di offesa al pudore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 1581935

    12 Gennaio 2009 - 12:12

    In Italia invece per Delfino, che ha ucciso due fidanzate, si danno 16 anni. L'Italia è un Paese Democratico !!!!!!!!!! Signori giudici continuate così!!!!!

    Report

    Rispondi

  • fafner

    12 Gennaio 2009 - 11:11

    perfettamente d'accordo .

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    12 Gennaio 2009 - 10:10

    metaforicamente parlando...trovo che lo stupro di gruppo sia uno dei reati più odiosi e vomitevoli che una persona possa subire, che, oltre al danno fisico, crea spesso ferite inguaribili nella psiche della vittima, rubandole, di fatto, una futura felicità e serenità amorosa.Per questo i vigliacchi che si macchiano di detto reato andrebbero puniti senza alcuna pietà, insieme all'altra feccia dell'umanità, i pedofili.

    Report

    Rispondi

  • ildubbio

    11 Gennaio 2009 - 10:10

    Magari lo si rfacesse in Italia.Quanti mascalzoni in meno e quanta aria pulita!

    Report

    Rispondi

blog