Cerca

Orrore in Svizzera. La confessione: "Abusai di 144 bimbi in 29 anni"

Dopo l'arresto, le rivelazioni di un operatore sociale. Tra le vittime anche un neonato di un anno

Orrore in Svizzera. La confessione: "Abusai di 144 bimbi in 29 anni"
Un orrore difficile anche solo da immaginare: un operatore sociale svizzero, di 54 anni, ha confessato di aver abusato di 114 bambini, uno dei quali di un anno soltanto. Tra le vittime, anche persone disabili incontrate dall'uomo negli ultimi 29 anni in diversi istituti in Svizzera e Germania.

TRE QUARTI DEI CASI IN PRESCRIZIONE -
La terrbile storia è stata resa nota dalla procura della regione di Berna Mittelland. Su altre otto persone c'è stato un tentativo di abuso. La maggior parte delle vittime, in netta maggioranza maschi, erano disabili mentali o fisci. Il bavarese ha inoltre approfittato di bambini del personale di alcuni istituti nei quali lavorava. Circa tre quarti dei casi confessati, però, sono già caduti in prescrizione. L'indagine è stata avviata nel marzo del 2010, dopo che due ospiti di un istituto per disabili avevano confidato ai genitori di aver avuto contatti sessuali con un operatore sociale. Dopo le indagini della polizia cantonale, i sospetti si sono concentrati sull'uomo, arrestato all'inizio di aprile: da allora il mostro si trova in detenzione.

"SONO UN PEDOFILO" - Il maniaco nella confessione si definisce un pedofilo. Negli interrogatori, secondo gli inquirenti, si è mostrato "molto cooperativo". Ora sarà processato per abusi sessali e atti di carattere sessuale con persone prive della capacità di intendere. Il caso, in Svizzera, crea un precedente: non si ricorda un altro pedofilo accusato di così tanti abusi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    11 Febbraio 2011 - 09:09

    Ogni volta che apprendo questo tipo di orrore lo stomaco e la gola si chiudono mentre vorrei urlare con tutte le mie forze :

    Report

    Rispondi

  • paologallibn

    03 Febbraio 2011 - 18:06

    Un soggetto del genere fà riflettere chi come noi legge la tragica notizia. Eh sì,pone dei quesiti : se come dicono Dio vede e provvede,Dio dov'è?. E se il numero dei misfatti è reale,possibile che nessuno sapesse od avesse intuito qualcosa? Ed infine,oramai reo confesso,perchè non lo si condanna agli arresti domiciliari ma,a casa di quei cretini che hanno votato contro la pena di morte?!?

    Report

    Rispondi

  • Rita Coltellese

    02 Febbraio 2011 - 13:01

    Quello che mi colpisce di questa notizia è che si tratta della Svizzera, non dell'Italia, ma si parla di prescrizione. Avevo letto che questo ingiusto istituto esisteva solo in Italia e non nel resto dei Paesi civili del Continente Europeo. Dunque era una notizia non veritiera. La prescrizione non deve esistere per nessun reato, tantomeno per questo orrendo che fa vittime innocenti e per il quale, lo dico con estrema calma, lucidità e freddezza, ritengo che ci vorrebbe la pena di morte, alla faccia di chi è contrario in assoluto. Non mi interessa se siano malati, gli orchi sono sempre esistiti, da questo il simbolismo delle favole per mettere sull'avviso i bambini senza spaventarli troppo. E' una specie umana orrenda che va eliminata; con il permissivismo si consente, invece, che vengano feriti e a volte anche eliminati piccoli innocenti. I bambini che spariscono e di cui non si sa più nulla sono tutti vittime di questi luridi pervertiti.

    Report

    Rispondi

  • newdada

    02 Febbraio 2011 - 12:12

    A me fanno un po' ridere (per modo di dire) tutti questi commenti cattivi quando il latte è già stato versato. Il problema è che è ora di finirla di trattare un idiota come una persona normale. Questa è l'ennesima dimostrazione che la legge Basaglia ha fatto più danni che altro, a me sembra che almeno la metà dei fatti da cronaca nera che vegono quotidianamete commessi vadano imputati a personaggi che era meglio terere al buio da anni, altro che psicologi o problemi sociali ecc. Comunque sono anche daccordo che almeno adesso si potrebbe metterlo al muro e via, probabilmente non lo piangerebbe nessuno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog