Cerca

Algeria, senza esito le ricerche dell'italiana rapita

Il padre della donna: "Forse sono terroristi di Al Quaeda e chiederanno riscatto: speriamo la trattino bene"

Algeria, senza esito le ricerche dell'italiana rapita
Si stringono nel silenzio, nella loro abitazione di Cigliano (Firenze), i familiari di Maria Sandra Mariani, la donna di 53 anni rapita mercoledì sera in Algeria da un gruppo terroristico che sembrerebbe fare riferimento ad Al Qaeda.

LA FAMIGLIA E LA COMUNITA' - I parenti, profondamente angosciati, faticano a parlare ai giornalisti. Una concisa dichiarazione è stata rilasciata da Lino Mariani, padre della donna rapita: "Speriamo solo che non le facciano del male", ha dichiarato. "Dicono che i rapitori siano uomini di Al Qaeda: forse chiederanno un riscatto. Speriamo la trattino bene". Solidarietà è arrivata da parte di don Massimiliano Gori, parroco di San Casciano Val di Pesa, che chiede ai suoi fedeli di rivolgere a Dio preghiere per la donna. "Bisogna appellarsi al Signore", è la preghiera del don "perchè illumini le menti dei rapitori, perchè lascino tornare Mariasandra agli affetti dei suoi cari".

LA DINAMICA - Maria Sandra Mariani, che gestisce con i suoi famigliari un agriturismo a Cigliano, era partita dalla Toscana il 20 gennaio per recarsi in una struttura ricettiva algerina vicino all'oasi di Djanet (2.000 chilometri a sud-est di Algeri), gestita da amici nordafricani. La donna è stata prelevata da una quindicina di uomini armati, a soli 90 chilometri dalla frontiera con il Niger, dove molto probabilmente è già stata trasferita. I rapitori "non parlavano algerino, né targui, ma avevano un accento mauritano", scrive il quotidiano algerino El Watan, "si sono assicurati dell'identità della donna" e poi "l'hanno presa".

MARIA SANDRA
- La donna, separata, ama molto la cultura touareg e algerina, e quando si recava in viaggio in quel paese portava anche generi di conforto, di prima necessità e aiuti umanitari per i bambini algerini. I famigliari sono in contatto con la Farnesina, che li informa dell’eventuale evolversi della situazione.

L'OMBRA DEL TERRORE - Al Qaeda potrebbe aver orchestrato l'operazione ma, secondo Ennahar, quotidiano algerino, è molto probabile che, come spesso accade per il sequestro di occidentali nella regione, il rapimento sia stato compiuto da un gruppo di contrabbandieri che in un secondo momento avrebbero "venduto" la donna all'organizzazione terroristica. Secondo altri media algerini invece, il sequestro sarebbe opera di un gruppo composto da una quindicina di terroristi, guidati da un certo "Abdelkrim", già artefice dell'attacco compiuto all'aeroporto della stessa Djanet nel 2007. Il gruppo si sarebbe affiliato un anno fa agli uomini dell'emiro Abou Zeid. "L'emiro del Sud" è considerato uno dei capi più temibili e intransigenti dell'organizzazione nel Sahara. Ci sarebbe lui dietro alla maggior parte dei rapimenti compiuti nella regione negli ultimi tre anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • migpao

    10 Febbraio 2011 - 09:09

    non capisco perchè mai la si deva "ricercare". si è incasinata da sola, che se la sbrogli da sola.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    08 Febbraio 2011 - 19:07

    scusami, che ne sai? oppure i servizi segreti si muovono al suono di fanfare e tromboni? Se, cosa che credo stiano facendo, le ricerche sono iniziate.....hanno bisogno di tempo e tempistiche che non possono essere spiattellate. Poi desidero che, una volta liberata, questa bella toma, che in un contesto di fibrillazione come quella che si sta registrando in nord africa ( e se non ce ne rendiamo conto....evito commenti), e nel medio oriente, è paartita ugualmente, alla fine dicevo, le vengano addebitate tutte le spese che la sua liberazione ha implicato. Dobbiamo smetterla di andare per funghi nel mondo pensando di essere iron-man, salvo poi essere rapiti....e se Dio vuole liberati, senza pagarne dazio. il nostro paese lo critichiamo a destra e manca, ma di salvare il cretino di turno superficiale deve essere pronto sempre e comunque. Cosi non va.

    Report

    Rispondi

  • paul100

    05 Febbraio 2011 - 19:07

    Come mai i nostri servizi segreti non si sono ancora mossi, sapendo che questo sequestro e opera di alQaida?

    Report

    Rispondi

blog