Cerca

Egitto, accordo tra i partiti: "Subito le riforme"

Pronta una commissione, Usa: "Passi immediati". Choc sul web: sparano a manifestante / VIDEO

Egitto, accordo tra i partiti: "Subito le riforme"
I partiti egiziani formeranno una commissione per le riforme costituzionali. L’accordo è stato raggiunto nel corso del negoziato tra il vicepresidente, Omar Suleiman, e il fronte dell’opposizione, inclusa la Fratellanza Musulmana. La notizia arriva dopo il convulso venerdì in cui era stata annunciata la dimissione del presidente egiziano, Hosni Mubarak, dal vertice del partito Pnd, notizia poi subito smentita.

LA COMMISSIONE - La commissione, ha riferito il portavoce del governo, Magdi Radi, "includerà magistrati ed esponenti politici che metteranno a punto emendamenti alla costituzione" entro la prima settimana di marzo. Nel mirino delle riforme vi sarà la Legge di emergenza, in vigore in Egitto dal 1981 e che è destinata ad essere abrogata, e gli articoli 76 e 77 della costituzione, che riguardano i requisiti per la corsa alla carica presidenziale e la durata del mandato del capo dello Stato.

SULEIMAN - Nel corso del negoziato Suleiman, come riferisce uno dei partecipanti ai colloqui con le opposizioni, ha rifiutato un appello dell'oppositori ad assumere i poteri del presidente Mubarak. L'ex direttore dell'Aiea, Mohammed ElBaradei, non è stato invitato al dialogo tra Suleiman e le opposizioni, dialogo che ha definito "opaco".

LA TELEFONATA DI BIDEN - In precedenza il vicepresidente Usa, Joe Biden, aveva telefonato al vicepresidente egiziano Omar Suleiman per ribadire la necessità che attraverso trattative con tutti i partiti politici siano avviati "passi immediati" per stilare "un’agenda di riforme concrete". La Casa Bianca ha fatto sapere che il vice di Barack Obama ha sottolineato l’urgenza di questi passi "per dimostrare all’opinione pubblica e all’opposizione che il governo egiziano è impegnato sulla via delle riforme".

FRATTINI - Al contrario delle volontà degli americani, il governo italiano, per bocca del ministro degli Esteri Frattini, ha riferito che vuole sì la transizione ma con Mubarak. In Egitto "prima serve la riforma elettorale, poi una nuova Costituzione, poi andare alle urne" a settembre. Così "la transizione sarebbe rapida ma non sarebbe il caos", come invece accadrebbe se il presidente Mubarak andasse "via domani", come qualcuno auspica, ha dichiarato Frattini.

VIDEO CHOC - Intanto sta facendo il giro del mondo un video, diffuso da Al Jazeera, che è destinato a diventare uno dei simboli della rivolta egiziana. Nelle immagini si vede un giovane che, forse per dimostrare agli agenti di essere disarmato, si apre la giacca mostrando il petto: i militari però non gli credono e, dopo qualche secondo, aprono il fuoco. Il giovane viene colpito e cade a terra. Secondo molti blogger egiziani, il filmato è costato l'arresto al corrispondente della tv araba Ayman Mohyeldin: il giornalista è stato fermato poche ore dopo aver condiviso, su Twitter, il video.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    07 Febbraio 2011 - 15:03

    Agli Americani, per un ragionamento di strategia del potere sui territori da loro dominati,i problemi del popolo Egiziano non glie ne frega niente e per fare stare buoni le popolazioni mantengono al potere gente come l'attuale Presidente che tutto è meno che democratico. Però, la storia delle popolazioni non può essere posta a tacere per paura di morire perchè la libertà è molto più importante anche della stessa morte. Il piopiolo Egiziano, come altri popoli, si libereranno dei loro tiranni,checchè gli americani la pensano.

    Report

    Rispondi

  • Dieguz99

    07 Febbraio 2011 - 12:12

    Non mi dimetto, ho la pelle dura, io. Resisto per il bene degli egiziani. E adesso... subito le riforme!

    Report

    Rispondi

blog