Cerca

Gheddafi: "Non lascerò, muoio in Libia da martire"

BERLUSCONI LO CHIAMA. BOMBE SU FOLLA: ALTRI 1.000 MORTI Il Rais in Tv: "In piazza solo drogati: sono dei ratti, attaccateli". Poi il delirio: "Roma e Stati Uniti hanno dato razzi a chi protesta". Vertice su immigrazione a P.Chigi: nuovi sbarchi a Lampedusa

Gheddafi: "Non lascerò, muoio in Libia da martire"
La rivolta continua ad infiammare la Libia. E come accaduto lunedì pomeriggio, anche il giorno successivo la folla che assiepa le strade di Tripoli è stata bombardata: secondo le testimonianze ci sarebbero altre mille vittime. In serata, dopo la fugace apparizione in tv di lunedì sera, ha ripreso la parola il Colonnello Muammar Gheddafi, che si è dilungato in un'orazione fiume. Successivamente si è appreso che Silvio Berlusconi "ha avuto nel pomeriggio una conversazione telefonica con Gheddafi". A riferirlo è stata una nota di Palazzo Chigi. Sempre a Palazzo Chigi, nella serata di martedì è iniziato un vertice con il premier, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, quello dell'Interno, Roberto Maroni, il titolare del dicastero della Giustizia, Angelino Alfano, e quello dello Sviluppo Economico, Paolo Romani. Il summit verte sull'emergenza immigrati: in serata a Lampedusa sono arrivati altri 197 clandestini a bordo di un'imbarcazione.

"NON MOLLO" -
Tornando alla Libia, il messaggio del rais Gheddafi è chiaro: "Non ho intenzione di lasciare la guida del Paese". Gheddafi ha fatto sapere che resterà "a capo della rivoluzione fino alla morte, morità come un martire, come mio nonno", ha dichiarato sfidando il popolo che ne contesta il potere. "Ho portato la vittoria in passato e di questa vittoria si è potuto godere per generazioni".

ACCUSE A ITALIA E USA - - Muammar ha sostenuto che la Libia non sia in guerra, e ha aggiunto che il potere "è sempre rimasto al popolo". Parlando delle stragi avvenute a Tripoli, Gheddafi ha negato di essere ricorso alla forza e anzi ha rilanciato: "Sicuramente lo faremo", ha promesso. Sugli oppositori ha dichiarato: "Hanno dato le armi ai ragazzini, li hanno drogati. Andate ad attaccare questi ratti", ha esortato la popolazione. Ma il delirio del rais non è finito, e prosegue con l'accusa a Italia e Stati Uniti di aver distribuito "ai ragazzi di Bengasi dei razzi". Quindi l'invito: "Uscite dalle case e attaccate i manifestanti". Alla polizia, Gheddafi ha chiesto di "schiacciare la rivolta".

NELLA CASA BOMBARDATA NEL 1986 - Il discorso di Gheddafi, che indossava gli occhiali da sole e un turbante, è avvenuto nella sua abitazione nel centro di Tripoli, bombardata dagli aerei Usa nel 1986. Il leader libico ha parlato a braccio - interrompendosi solo per delle brevi occhiate al suo Libro Verde - spendendosi in grida e gesti accalorati.

SCONTRI -
Secondo le testimonianze, in Libia manca energia elettrica e i medicinali negli ospedali. Le forze armate mosse da Gheddafi hanno nuovamente aperto il fuoco contro i manifestanti di Tripoli, nel dettaglio pare che la strage sia stata consumata nel quartiere di Fashlum, alla periferia di Tripoli. A Bengasi, intanto, gli abitanti hanno preso il controllo della città. Secondo l'International Federation for Human Rights, sarebbero una decina le città finite in mano agli insorti. Anche la pista dell'aeroporto di Bengasi, la seconda città del Paese, è stata distrutta dai bombardamenti: gli aerei non possono né decollare né atterrare.

ENERGIA -  A Nalut, a pochi chilometri dalla Tunisia, i manifestanti hanno interrotto l'afflusso di gas verso l'Italia: "Per noi", avevano spiegato i riottosi, "il sangue libico è più prezioso del petrolio e del gas". Dall'Italia, Eni ha fatto sapere di aver chiuso il gasdotto di GreenStream, una condotta che trasporta 9,2 miliardi di metri cubi di Gas.

CASA BIANCA - Contro le violenze perpetrate da Gheddafi, è arrivata la condanna della Casa Bianca, che ha parlato senza mezzi termini di "violenze spaventose". Il portavoce dell'amministrazione Obama ha affermato che la Libia ha il dovere di rispettare i diritti fondamentali del popolo.

CHI ABBANDONA IL REGIME - Anche tra i sostenitori di Muammar Gheddafi, però, si registratno dei passi indietro. Diversi militari e politici libici, in seguito allo spropositato ricorso alla forza per reprimere i cortei dei manifestanti, gli hanno girato le spalle. Dall'Egitto, intanto, arriva la notizia che il Paese sta rafforzando la presenza di truppe lungo il confine con la Libia.

LA CRONACA MINUTO PER MINUTO DI QUANTO SUCCESSO MARTEDI'


17.35 - Si conclude il discorso televisivo di Gheddafi: "Chi attacca e viola la costituzione verrà punito - assicura il colonnello - Quelli che vogliono cambiare, devono morire. Quelli che usano armi, devono essere giustiziati. Chi attacca un comando militare, deve essere punito con l'impiccagione. Chi esegue atti allo scopo di fare una guerra civile, verrà punito con l'impiccagione".

17.34 -
Alcuni testimoni oculari hanno dichiarato al sito Almanara che, mentre è in corso il discorso di Gheddafi, a Tripoli sono ripresi i bombardamenti sulla folla.

17.30 -
Gheddafi attacca Usa e Italia: "Hanno
distribuito razzi rpg ai ragazzi di Bengasi".

17.23 -
"Useremo la forza in conformità alle leggi internazionali e alle norme internazionali. Se fossi stato un presidente vi avrei già offerto le dimissioni. Ma voi state per affrontare il leader di una rivoluzione in una roccaforte. Io ho il mio fucile. E chi mi ama vada ad attaccare questi rivoltosi. Evitate che i vostri figli cadano vanamente", ha proseguito.

17.13 -
Il colonnello: "Muammar Gheddafi è l'orgoglio della Libia. Io sono per la lotta contro Usa e Gran Bretagna". Poi aggiunge: "In questo periodo
c'è una relativa calma e sicurezza nel Paese. E noi intendiamo usare questa calma per riportare l'ordine".

17.05 -
Ancora stralci dall'intervento del rais: "In piazza ci sono solo drogati. Ci sono ratti, giovani innocenti pagati dall'estero per combattere contro di noi". Il rais ha poi promesso: "Io sarà leader a vita, morirò qui come un martire".

16.59 -
Il colonnello Gheddafi è tornato a parlare sulla tv di Stato: "Io sono il leader della rivoluzione e non intendo farmi da parte", dice, per poi aggiungere: "Vogliono rovinare la vostra immagine nel mondo. La vostra immagine è distorta nei mass media arabi per umiliarvi". E ancora: "Prima del mio arrivo, la Libia non aveva un posto nel mondo.
Ora tutto il mondo ci guarda con rispetto e con timore grazie a me, compresa l'Italia. Ci siamo fatti rispettare da tutti, quando sono andato in Italia hanno salutato con rispetto il figlio di Omar Mukhtar".

16.52 -
E' iniziato il discorso televisivo di Gheddafi. Parla dalla sua residenza-caserma di Bab al Azizia, fatta bombardare da Ronald Reagan nel 1989: il rais e i suoi familiari riuscirono a mettersi in salvo, morì solo la sua figlia adottiva di 15 anni.

16.43 -
Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu si riunirà in sessione formale alle 15 (ora di New York, le 21 ora italiana). All'ordine del giorno ci sarà un rapporto di uno dei responsabili del Palazzo di Vetro circa la situazione in Libia. Sembra che le nazioni occidentali stiano spingendo affinchè le Nazioni Unite chiedano a Gheddafi la fine immediata della repressione sanguinosa delle manifestazioni. L'ambasciatore tedesco all'Onu Peter Wittig ha riferito ai giornalisti che la Germania vuole "un messaggio chiaro e veloce dal consiglio".

16.39 -
Una nave da guerra libica, dopo aver ammainato la bandiera di Tripoli, sta incrociando al largo della Valletta. A bordo ci sono almeno 200 militari. L'imbarcazione naviga sotto la sorveglianza di unità militari maltesi. Sembra che la nave libica non abbia chiesto asilo politico. Il governo dell'isola del Mediterraneo si è riunito in un vertice d'emergenza.

16.33 -
"Ora tutte le regioni orientali sono fuori del controllo di Gheddafi, la popolazione e l’esercito sono mano nella mano", ha assicurato un ormai ex maggiore dell’esercito, Hany Saad Marjaa, passato dalla parte dei manifestanti. Il fumo che sovrasta la città di Tobruk - la città principale della zona est del Paese - proverrebbe da un deposito di munizioni bombardato da truppe fedeli a uno dei figli di Gheddafi.

16.26 -
L'ambasciatore libico a Parigi
e il rappresentante di Tripoli presso l'Unesco si sono dimessi nel primo pomeriggio di oggi. Lo riportano fonti del settimanale L'express.

16.20 -
Al Arabiya ha appreso che il leader libico Gheddafi parlerà alla nazione dalla sua casa di Bab al-Azizia, a Tripoli. Sul Wall Street Journal, inoltre, l'ex presidente della Banca Mondiale Paul Wolfowitz ha firmato un pezzo in cui scrive che gli Stati Uniti possono aiutare i libici ad abbatere il regime di Gheddafi.

16.14 -
Secondo la Bbc, gli abitanti di Bengasi controllano la città. Gli inviati della rete televisiva britannica hanno annunciato che si sono formati comitati di cittadini che ormai gestiscono la seconda città della Libia. "Qui non c'è più la presenza dello Stato - ha detto un medico locale, Ahmad Bin Tahir - Non c'è polizia, non c'è esercito, non ci sono figure pubbliche. Quello che invece governa a Bengasi è il popolo, che si è organizzato per riportare l’ordine in città. Sono stati formati comitati per governare la città".

16.07 -
I governi di mezza Europa si sono attivati per rimpatriare i propri concittadini dalla Libia. I primi Paesi a far scattare il ponte aereo sono stati Russia, Francia, Portogallo, Bulgaria, Olanda e Ucraina. Scattato anche il rimpatrio degli italiani.

16.01 -
Al Arabiya continua a fornire anticipazioni sull'imminente discorso in tv di Gheddafi. Il colonnello potrebbe annunciare il
decentramento amministrativo e l'autonomia delle province del paese, promettendo un bilancio finanziario autonomo per ogni provincia.

15.37 -
Secondo Al Arabiya, che cita la tv libica, Gheddafi annuncerà "importanti riforme" per il Paese.

15.19 -
La compagnia petrolifera spagnola Repsol-Ypf ha annunciato di aver sospeso la produzione in Libia: la comunicazione giunge da un portavoce. L'anno scorso la quota di prodotto dalla Libia sul totale della produzione della società si è attestato al 3,8%.

15.15 -
La Tv di Stato di Tripoli ha annunciato che a breve ci sarà un messaggio alla Nazione di Muammar Gheddafi.

15.12 -
Peggiora di ora in ora il bilancio della protesta libica. Secondo alcuni testimoni citati dalle tv arabe, nella sola città di Tripoli si contano almeno mille morti.

14.45 -
Il Quotidiano Energia
scrive che l'Eni ha deciso di svuotare progressivamente il gasdotto Greenstream per metterlo in sicurezza.

14.36 -
Il gasdotto che collega la Libia all'Italia è
"completamente fermo da ieri sera". Lo hanno riferito all'agenzia Asca fonti industriali del terminale di Gela del Greenstream. Ieri, però, i dati sul flusso di gas erano assolutamente nella norma.

14.14 -
Standard & Poor's è la seconda agenzia di rating a declassare la Libia. Il rating è stato tagliato da A- a BBB+ e un'altra retrocessione potrebbe essere possibile. S&P ha dichiarato che l'azione riflette una rivalutazione dei rischi politici nel Paese e dei disordini che persistono.

13.56
- Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano chiede l'immediata cessazione delle violenze e che si ascoltino le richieste del popolo. In una nota ufficiale, dal Quirinale si apprende che il Capo dello Stato sta seguendo con attenzione le drammatiche notizie provenienti dalla Libia. Napolitano sottolinea come alle legittime richieste di riforme e di maggiore democrazia che giungono dalla popolazione libica vada data una risposta nel quadro di un dialogo fra le differenti componenti della società civile libica e le autorità del Paese che miri a garantire il diritto di libera espressione della volontà popolare. Viceversa la cieca repressione che colpisce in modo indiscriminato la popolazione non fa che allontanare il Paese da quel cammino di pace e prosperità necessario ad assicurare il benessere del popolo libico. Il Presidente Napolitano, infine, auspica l’immediata cessazione delle violenze e invoca una rinnovata determinazione negli sforzi volti a restituire al popolo libico la speranza in un futuro migliore.

13.42 -
L'ambasciatore libico negli Stati Uniti,
Ali Aujali, ha annunciato in un'intervista televisiva di aver rimesso il proprio incarico. "Gheddafi se ne dovrebbe andare", ha dichiarato.

13.24 -
Il ministro degli Esteri Franco Frattini, riferirà mercoledì alle 16 al Senato sulla situazione in Libia. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama.

13.09 -
Nota ufficiale di Palazzo Chigi circa le rivolte libiche: "L'Italia è vicina al popolo libico che sta attraversando un momento tragico della sua storia", si legge nel comunicato. Giunge poi la categorica smentita che vi sia stato alcun aiuto italiano nella repressione delle manifestazioni. "Sono totalmente false, provocatorie e prive di fondamento le voci riguardo a presunti aiuti italiani, militari o sotto qualsiasi altra forma, nelle azioni contro i manifestanti e a danno dei civili".

13.00 -
"Al momento non ci sono problemi di approvigionamento di gas per l’Italia": lo ha affermato un portavoce della Commissione Ue, aggiungendo che Bruxelles è "in stretta collaborazione" con le autorità italiane. Il portavoce ha poi precisato che il mercato è diversificato e che al momento le scorte sono sufficienti anche se la Libia dovesse chiudere i rubinetti.

12.11 -
Partirà alle ore 13 dallo scalo 'Leonardo Da Vinci' di Fiumicino il primo volo speciale di Alitalia, concordato con la Farnesina, che si affiancherà ai voli di linea previsti per il rientro dei connazionali dalla Libia. A quanto si è appreso Alitalia, oltre ai due collegamenti giornalieri (uno già partito per Tripoli questa mattina alle 8.15), ha messo a disposizione un volo speciale operato con un Boeing 777 capace di 280 posti, per consentire in tempi quando più rapidi il rientro dei connazionali.

12.00
- Sono almeno 50 i cittadini libici che si sono radunati sotto il consolato libico in Via Baracchini a Milano: stanno protestando contro il massacro di civili che sta avvenendo in queste ore nello stato nordafricano. Su uno degli striscioni che espongono si legge "Noi invece vogliamo disturbarlo", riferendosi alle dichiarazioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che avrebbe detto di non voler disturbare Gheddafi. I manifestanti stanno chiedendo che venga tirata giù, dalla finestra, la bandiera che rappresenta il governo del colonnello.

11.34
- Le forniture di gas dalla Libia all’Italia non si sono interrotte anche se "la situazione è molto complicata": lo ha dichiarato il sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia, secondo cui la Commissione emergenza gas del ministero monitora la situazione e che il ministero ha già allertato il Comitato di sicurezza sulle forniture di gas. Saglia ha spiegato che questa sera ci sarà un vertice tra il premier Silvio Berlusconi e e i ministri interessati all’emergenza Libia.

11.13 - Il ministro della Difesa Ignazio La Russa: "Il C-130 non potrà atterrare a Bengasi ma in un altro scalo che per motivi di riservatezza non dico quale sia. L’operazione comunque non viene meno: cambiano soltanto orari, tempi e luoghi". Il titolare del Dicastero della Difesa ha anche affermato che sarà il cacciatorpediniere lanciamissili 'Francesco Mimbelli' a salpare dall’Italia per fare "da piattaforma per il controllo aereo nel sud del Mediterraneo". La 'Mimbelli' è una unità multi-ruolo con un equipaggio di circa 400 persone.

11.00 -
Giunge la conferma: il C-130 decollato per rimpatriare gli italiani non potrà atterrare a Bengasi, come previsto. Le piste sono andate completamente distrutte durante la rivolta di lunedì.

10.46 -
"Dopo il silenzio che avete osservato sui massacro perpetrato da Gheddafi, abbiamo deciso di tagliare il gas libico che parte dal campo di Al Wafa e che passa per la nostra regione verso l'Italia e il nord dell'Europa attraverso il Mediterraneo": lo scrivono, sul profilo Facebook del sito di opposizione libica "17 febbraio", gli abitanti della regione occidentale della Libia, dalla città di Nalut fino a Gherban.

10.35 -
Record degli ultimi 30 mesi per il petrolio. Sia il Brent sia il light crude sono in deciso aumento, raggiungendo il picco da 2 anni e mezzo. I future sul brend salgono di 2,19 dollari a 107,93 dollari dopo un massimo di 108,57 dollari, mentre a New York sale a 98,15 dollari.

10.32 -
Le piste dell'aeroporto di Bengasi sono state distrutte.
"Gli aerei passeggeri non possono atterrare", ha dichiarato il ministro degli Esteri egiziano Ahmed Gheit.

10.18 -
L’emittente iraniana Press Tv prima, e Al-Jazeera poi, parlano di nuovi bombardamenti sulla folla e di "centinaia di morti" tra ieri e oggi.

09.57 -
Anche Hamas condanna le violenze in Libia. In un comunicato il movimento islamico ha fatto appello "al popolo palestinese, ai musulmani e agli arabi per condannare questi massacri", sottolineando che "il regime libico ha usato la forza aerea contro contro il suo stesso popolo che manifestava pacificamente".

09.47 -
Secondo Al Jazeera, a Tripoli sono ripresi i raid aerei sui manifestanti. Dai jet i militari hanno ricominciato a sparare sulla folla.

09.30 - L'Italia, intanto, ha annunciato che sta per partire il rimpatrio dei nostri connazionali dalla Libia. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, in visita ufficiale negli Emirati Arabi Uniti, ha affermato che un C-130 dell'Aeronautica Militare "decollerà in mattinata e riporterà a casa entro oggi i primi italiani da Bengasi". Un centinaio i passeggeri previsti. Il Ministro ha poi aggiunto che l'Italia è "pronta ad ogni evenienza", e ha confermato che per il tardo pomeriggio di martedì è previsto un incontro con il premier Silvio Berlusconi, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta e i ministri degli Esteri Franco Frattini e dell'Interno Roberto Maroni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • incredula

    26 Febbraio 2011 - 00:12

    martire??!!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    23 Febbraio 2011 - 17:05

    Era il 22/11 quando, alle ore 19.14 e poi alle 23.42 scarabocchiavo un paio di filastrocche scemotte - una in ottave baciate intitolata appunto così ed un'altra a rima alternata intitolata “Ciannosecco, ciannosecco. e ciannosecco|” - dedicate al troll che truccava i nick altrui per creare scompiglio (a proposito, sicuro di non saperne niente? No? Neppure con le mutande di feltronzo onzo.onzo?). Dopo poco, ti sei messo ad abborracciare stomachevoli stornelli, peraltro senza che ti facessi alcun appunto anche se lo avevo notato, perché si tratta di un giochino di tutti e di nessuno; e adesso tenti di raccontare che Luschi & Tubini abbiano copiato da te? Patetico! Sbruffone come sempre, vuoi atteggiarti ad originalone ipercreativo quando sei soltanto una carta carbone: perché provi ancora a farla fuori dal cantero cotichina? Eppure lo avevo detto che serbavo un sacco di roba nella memoria di una hard.dispensa esterna, espressamente dedicata ai miei balocchi: nulla da fare, grullo come un rospo in calore, ti vai a cercare lo sberleffo con il lanternino e rimedi il solito sfottò. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    23 Febbraio 2011 - 17:05

    adesso ci si mette anche la Signora Luschi a strapazzare cotichina come fosse un tegame (e fin qui ci siamo, vero nini?) di oeufs brouillés, portando il poerino a cottura perfetta: pas dépassé, moelleux et un tout petit peu “baveux”. Comincio a provare una vaga compassione. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    23 Febbraio 2011 - 10:10

    Si è scontrata con quello che io chiamo " professore dei miei stivali "? Non ne vale la pena. Egli é come quel pianista che , non essendo in grado di usare il fraseggio, rende il brano musicale senza anima, appiattito, ma avendo un'alta stima di se stesso si crede un Rubinstein. Cordialità

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog