Cerca

Egitto, scontri tra copti e musulmani: almeno 14 morti

Strage nel quartiere Moqqata al Cairo, ci sono anche 110 feriti. Martedì l'incendio di una chiesa

Egitto, scontri tra copti e musulmani: almeno 14 morti
Ritorna alta la tensione al Cairo. Quattordici persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco negli scontri religiosi che da giorni stanno interessando il Paese. In particolare, queste vittime sono si sono registrate nel quartiere Moqqata della Capitale, uno dei più "a rischio" in questi giorni per le violenze tra cristiani copti e musulmani. Nella stessa zona sono state date alle fiamme diverse abitazioni. I feriti sarebbero almeno 110. A dare notizia di questa nuova strage è un prete copto. Secondo l’agenzia ufficiale Mena, scontri sono avvenuti anche nei quartieri Cittadella e Sayeda Aisha.

Martedì, per il terzo giorno consecutivo, migliaia di copti si sono ritrovati davanti alla sede della radiotelevisione pubblica egiziana, nel centro della Capitale. Negli stessi minuti un gruppo di salafiti inscenava una protesta sotto gli uffici del governo nel centro del Cairo. Nei giorni scorsi la polemica si era infiammata dopo che una chiesa era stata data alle fiamme nella regione di Helwan: in quel caso, all'origine del gesto, c'era una faida scatenata da una relazione amorosa tra un musulmano e una cristiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    09 Marzo 2011 - 22:10

    ...quando viene detto:"Era meglio quando si stava peggio"!?

    Report

    Rispondi

  • omnis omnibus

    09 Marzo 2011 - 19:07

    Ecco il vero volto dei mussulmani.Razzisti intolleranti antidemocratici in tutto E noi dobbiamo accoglierli? Il FINIto vuole farli votare,dargli la cittadinanza. E sulla sinistra stendiamo un velo pietoso,ma perchè non emigrano in egitto?

    Report

    Rispondi

  • marcojuves

    09 Marzo 2011 - 15:03

    Non mi fido di tutto quello che succede in Libia, Egitto e tutta l'area magrebina dell'Africa del nord. L'ipocresia dei buonisti fasulli non mi piace e sono convinto che presto saremo invasi da una cultura di milla anni indietro alla nostra. Oriana Fallaci, oltre a una buona scrittrice era, purtroppo, anche buona profeta. Anche se il futuro non riguarda il sottoscritto ma i giovanni, che saranno costretti a convivere presto con una cultura retrogada. Saremo invasi e comanderanno loro perchè essi fanno figli e saranno la maggioranza. Diventeremo, insomma tutti islamici per forza. Già certe nostre tradizioni sono sparite ed altre spariranno del tutto se qualcuno non provvederà F.to Marco da Lucca.

    Report

    Rispondi

  • autonomista

    09 Marzo 2011 - 13:01

    Apriamo gli occhi al più presto, hanno il coraggio di negare uno scontro tra religioni! E' alla luce del sole l'assalto ai cristiani in ogni parte del mondo, ieri 8 marzo un gruppo di donne numeroso è stato bloccato prima che arrivasse sulla piazza per manifestare da uomini, usando violenza. Questa è il nuovo Egitto in cerca di democrazia? Oppure è il nuovo Egitto dove prende ancora più forza l'Islam come religione e come legge coranica da rispettare ogni giorno in tutte le attività di un popolo?

    Report

    Rispondi

blog