Cerca

Libia, Sarkozy: Sì a bombe. La Eni blocca le attività

Usa: "Gheddafi vincerà. Siamo in contatto con ribelli". Francia: "Colpire bunker di Muammar". Ue dice sì ad intervento, l'Italia contraria

Libia, Sarkozy: Sì a bombe. La Eni blocca le attività
Nessuna voglia di arrendersi, nessun segno di cedimento. La famiglia Gheddafi, assistita dai propri militari, non intende mollare, e anzi rilancia. Minacciando una controffensiva su larga scala e lanciando un ultimatum ai ribelli. "E' venuto il tempo di agire, ci stiamo muovendo. Gli abbiamo dato due settimane - ha detto Saif al Islam, figlio del Colonnello - questo è il nostro Paese e qui combatteremo. Non ci arrenderemo mai, mai gli americani e la Nato saranno i benvenuti. La Libia non è un pezzo di torta".

LA FRANCIA PASSA ALL'ATTACCO - Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha annunciato di voler bombardare il bunker di Muammar Gheddafi a Tripoli. La proposta, ha riferito una fonte vicina all’Eliseo, arriverà nel corso del Consiglio europeo straordinario che si terrà venerdì a Bruxelles. Il presidente francese, ha aggiunto la fonte, proporrà "di colpire un numero estremamente limitato di punti, dai quali partono operazioni letali". I tre siti sono Bab al-Azizia, dove sorge il quartier generale di Muammar Gheddafi a Tripoli, una base aerea militare a Sirte e un’altra a Sebha, nel sud. Da par suo l'Italia non parteciperà ai bombardamenti mirati sulla Libia. A precisare la posizione di Roma è stato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a conclusione del Consiglio informale dell’Ue che si è tenuto a Bruxelles. "L'Italia vuole una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu", e quindi non un attacco diretto alle forze libiche bensì un controllo delle forze aeree di Gheddafi. Anche il ministro della difesa, Ignazio La Russa, smentisce la possibilità di un intervento:
"I bombardamenti sulla Libia o un intervento terrestre sono due opzioni a cui l’Italia non ha mai pensato".

ROMPUY PENSA A INTERVENTO - Segnali che lasciano pensare alla possibilità di un intervento militare sono arrivati anche dal presidente della Ue, Herman Van Rompuy, che in un messaggio ai leader del Vecchio continente ha spiegato: "I responsabili delle violenze in Libia andranno incontro a gravi conseguenze. L'attuale leadership libica deve lasciare il potere senza ritardi". Secondo il presidente, "la Ue non può rimanere ferma quando si tratta della sicurezza di una popolazione".

SORVEGLIANZA - Giovedì è iniziata la sorveglianza, 24 ore su 24, dei cieli libici da parte della Nato. Il pattugliamento avviene con tre Boeing E-3 Sentry e riguarda tutto lo spazio aereo sopra il Paese maghrebino. Il Segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ha parlato di basi legali chiare e di un fermo sostegno della regione come presupposti per un intervento.

ENI, STOP A PRODUZIONE - La crisi libica, però, ha pesanti ripercussioni anche a livello economico. L'allarme è stato fatto scattare dall'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, che rispondendo alle domande degli analisti finanziari sull'attività della società nel Paese nordafricano ha specificato:  "Credo che la produzione di petrolio in Libia si fermerà molto presto, questione di giorni". Scaroni comunque aveva precisato già nei giorni scorsi che l'Italia avrebbe compensato il mancato arrivo di greggio dalla Libia attingendo da fonti differenti.

GOVERNO DEI RIBELLI COME UNICO RAPPRESENTANTE - Sempre da Parigi è arrivata la notizia che l'Eliso riconosce il Consiglio di Bengasi, ovvero il governo dei ribelli, come unico rappresentante della Libia. Londra, invece, sembra più cauta: il Foreign Office ha sottolineato che i rappresentanti dei ribelli sono "validi interlocutori" e, pur ribadendo che "Gheddafi deve andare via", ha avvertito: "Il Regno Unito riconosce gli Stati, e non i governi, intendiamo collaborare strettamente con il Consiglio nazionale di transizione". L'Italia, chiedendo per bocca di Frattini "decisioni europee, condivise e unanimi", ha invece affermato che "deve essere l’Europa a decidere, sia sulle sanzioni così come sui contatti con l’opposizione. Roma è comunque disponibile ad accompagnare una eventuale missione Ue a Bengasi", dal momento che la Capitale sta per riaprire il proprio consolato nella città della Cirenaica.

RISOLUZIONE UE -
A Bruxelles, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede ai governi Ue di riconoscere il Consiglio nazionale della transizione libico (il "governo" dei ribelli) come l'autorità che rappresenta a ufficialmente l'opposizione del Paese. Nel testo, inoltre, l'Unione europea invita a prepararsi alla possibile istituzione di una no fly zone per impedire alle forze lealiste di colpire la popolazione e aiutare le operazioni di rimpatrio di chi fugge dalle violenze del regime.


PROSEGUE LA REPRESSIONE - Bombe di Gheddafi sui ribelli a ovest di Ras Lanuf. Un ordigno sganciato da un aereo delle forze del Colonnello è stato sganciato nei pressi di un check point degli oppositori del regime: sarebbero sette i feriti. Non si allenta, dunque, la morsa del Raìs sull'area delle più importante raffinerie del Paese. E il caos coinvolge direttamente la produzione di petrolio nel Paese, precipitata drasticamente dopo tre settimane di rivolte popolari. Shukri Ghanem, capo della compagnia statale National Oil Corporation (Noc), ha spiegato che la produzione di greggio è ora inferiore a circa 500mila barili al giorno, contro l'1,58 milioni di barili al giorno precedenti la rivolta. Alla base del tracollo gli scontri armati e la fuga dei lavoratori del settore.

USA: "IL COLONNELLO VINCERA'"
- Sull'esito della guerriglia in Libia si è espresso il governo statunitense.
Muammar Gheddafi "sta tenendo duro" e non dà alcun segno di essere disposto a cedere il potere. Anzi, le forze a lui fedeli, essendo meglio equipaggiate e disponendo di maggiori risorse logistiche, "alla lunga sono destinate a prevalere". Questo il lapidario giudizio del direttore dell’intelligence Usa, James R. Clapper. "Gheddafi intende tirarla per le lunghe, e pare proprio che si sia preparato per spuntarla", ha aggiunto Clapper nel corso di un’audizione davanti alla commissione Forze Armate del Senato. Il numero uno dei servizi d’informazione americani ha poi sottolineato come "la struttura delle difese aeree libiche, al suolo e per quanto concerne i sistemi radar e le batterie di missili terra-aria, siano decisamente solide". Gli arsenali di Tripoli, ha precisato, nella regione "sono i più vasti dopo quelli del'Egitto". In proposito Clapper ha ricordato che la Libia dispone "molto equipaggiamento russo", dotato "di una certa qualità e dimensione", sebbene una parte di tali dotazioni "siano finite all’opposizione". Il capo dei servizi d’intelligence di Washingtion ha quindi messo in guardia contro il pericolo che certi armamenti, specie quelli portatili, "finiscano nelle mani sbagliate"

"IN CONTATTO CON I RIBELLI" - Nella serata di giovedì si è appreso che gli Stati Uniti sono in "contatto diretto" con i dirigenti dell'opposizione libica, compresi i membri del Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi. A riferirlo è stato il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, che ha chiarito come gli Usa "siano in contatto diretto con l'opposizione: ci stiamo coordinando con loro per fornire assistenza e per stabilire il modo milgiore con cui sostenere le loro aspirazioni". Carney ha poi spiegato che il processo è ancora nelle fasi iniziali: "Siamo ancora impegnati nell'accertamento di quali siano i desideri di questi gruppi, chi rappresentino, quali siano le loro idee e dove vogliono portare la Libia in un futuro, dopo la fine del regime di Gheddafi".

STRETTA SULLA STAMPA - Aumenta nel frattempo la stretta del regime di Tripoli sulla stampa internazionale. Tre giornalisti della Bbc hanno denunciato di essere stati trattenuti, torturati e minacciati di morte dalle truppe di Gheddaffi lunedì scorso, mentre stavano cercando di andare a Zawiya.

Guarda la confessione dei tre reporter su LiberoTv.

Goktay Koraltan, Feras Killani e Chris Cobb-Smith - ormai fuori dalla Libia - sono stati fermati a un posto di blocco dei governativi sulla strada per Zawiya, a circa 40 km da Tripoli, e, malgrado avessero mostrato i loro documenti, sono stati portati in una grande caserma nella capitale. Qui sono stati bendati, ammanettati e picchiati a pugni, ginocchiate e con i calci dei fucili. I tre, sottoposti anche a finte esecuzioni da parte dei soldati e dalla polizia segreta, sono stat rilasciati 21 ore dopo. "Siamo stati messi in fila contro un muro - ha raccontato Cobb-Smith -. Io ero l'ultimo, la faccia rivolta contro la parete". "Ho guardato - ha proseguito - e ho visto un uomo in borghese con una mitraglietta, che puntava al collo di ciascuno. Io l'ho visto e lui ha urlato, poi mi è venuto vicino, ha mirato al mio collo e tirato il grilletto due volte. I proiettili hanno sfiorato le mie orecchie, i soldati ridevano". Koraltan ha affermato che erano tutti convinti che sarebbero morti. Paura anche per un altro reporter, il brasiliano Andrei Netto, inviato a Zawiyah. Di lui non si hanno notizie da domenica scorsa.

LE REAZIONI INTERNAZIONALI - Proseguono le pressioni delle autorità internazionali su Gheddafi. La Russia proibirà completamente la vendita di armi alla Libia, sospendendo tutti i contratti in vigore con Tripoli. Difficile la scelta sull'intervento armato o meno. Il leader del Consiglio Nazionale di Transizione libico, Mustafa Abdel Jalil, ha chiesto alla comunità internazionale l'istituzione della "no-fly zone" sui cieli della Libia per fermare i raid dell'aviazione. "Ma non vogliamo - ha detto il leader dei ribelli - la presenza di truppe straniere nel nostro paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    11 Marzo 2011 - 20:08

    Scusi la domanda , ma Lei è italiano? Non riesco a capirlo dai suoi commenti. PER SARKOSY : bevi una camomilla.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    11 Marzo 2011 - 16:04

    In questa Europa, ci sono solo tre Nazioni in grado di fare la storia e sono la Francia,la Germania e la Gran Bretannia il resto fanno solo numero. Sarkosì, anch'egli è un libertino ma, quando si fa politica allora il Presidente della Francia veste quella uniforme che porto in tutta l'Europa e il Mondo la vera civiltà. Se Sarkò aiuterà con i mezzi adeguati i Libbici a liberarsi del sanguinario dittatore, codesti ai francesi rimarranno per sempre legati per l'aiuto fattivo dimostrato nei fatti e non nelle chiacchire. Per quanto poi, attiene a quell'opinionista che dice di aver vissuto la guerra in Italia, devo ricordargli che se è vero, dovrebbe avere la mia stessa età e se non l'ha mente a bella posta. Comunque, non credo che se Gheddafi venga bersagliato abbiza il tempo di reagire comunque, dinanzi a fratelli libici musulmani che vengono tritati come carne da macello, non è possibile rimanere fermi a guardare. CFhi ha paura di affrontare le realtà si ponga in una nicchia .

    Report

    Rispondi

  • tripolino34

    11 Marzo 2011 - 11:11

    Quello che dice è pazzia pura .Le bombe anche se inteligenti,colpiscono: sia obbiettivi militari che civili.Lei non ha un'idea di che cosa sia una guerra io si perche l'ho vissuta.L'Italia ha tutto l'interesse a rimanere fuori dal conflitto e limitarsi solo ad aiuti umanitari sia per una parte che per quell'altra.

    Report

    Rispondi

  • Dodds

    11 Marzo 2011 - 10:10

    I nostri Cugini transalpini credono di essere i Migliori (così come i Migliori ‘’nostrani’’ che da loro trovano sempre protezione sicura, ….che strana combinazione!!), credono di essere gli eletti della Dea Ragione, i guardiani della libertà, i soli, anzi gli unici a dover impartire lezioni planetarie di democrazia. Per fortuna li conosciamo bene e le parole di Sarkò sui bombardamenti suscitano in molti italiani le stesse reazioni che suscitano le parole del venditore di patacche che spaccia la sua merce per genuina. Di vero c’è che l’Europa è uno specchietto per allodole, anzi per allocchi, e inglesi e francesi non se la filano minimamente quando c’è da pensare ai loro interessi nazionali, e l’interesse che loro hanno verso la Libia è davvero parecchio. Da tanto tempo vorrebbero mettere mani sullo Scatolone di Sabbia, e se non ci fosse quel beduino di Gheddafi a mandarli sempre a ramengo, chissà da quando avrebbero già preso a pedate nel sedere quei rompiballe di italici ‘’Rital’’ che nello Scatolone di Sabbia sembra abbiano messo radici e che pretendono in continuazione un posto nella Cupola. Certo che per loro questa è una bellissima occasione ( ….chissà che non l’abbiano abilmente preparata!!) e questi insorti sono proprio quello che ci voleva: se riescono ad avere la meglio, loro saranno senza dubbio in prima fila a pretendere privilegi e prebende, per cui la dichiarazione di Sarkò è proprio in linea e non fa una piega. Sta a noi invece tutelare i nostri interessi nazionali, senza guardare all’Europa, senza paura e se possibile anche sgomitando a destra e a manca. Il Rais è garante degli accordi tra Italia e Libia? Ok, se qualcuno dovrà sostituirlo, dovrà garantire pure lui quegli accordi, …altrimenti meglio il Rais. E’ non illudiamoci che gli insorti portino libertà e democrazia da quelle parti! Solo gli ingenui possono crederlo. Se ci saranno nuovi arrivati, saranno come (se non peggio) quelli che sono partiti: pedine manovrate dai colossali e strategici interessi economici dei Paesi Ricchi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog