Cerca

Giappone, 10.000 i dispersi 3 contaminati, è allarme

DISTRUTTA CENTRALE A FUKUSHIMA, I VIDEO SU LIBEROTV Ancora scosse di assestamento. Paura per due impianti nucleari, già evacuate 50mila persone. Autorità: "Improbabili gravi danni". Il bilancio: le vittime certe sono almeno 1.700, migliaia gli sfollati

Giappone, 10.000 i dispersi 3 contaminati, è allarme
L'incubo nucleare dopo lo tsunami. Il Giappone vive una seconda giornata di paura a 24 ore dal devastante terremoto di magnitudo 8,9° di ieri. Mentre il bilancio delle vittime è destinato a salire in maniera drammatica. Al momento si parla di 1.700 vittime, ma secondo la tv nipponica Nhk mancherebbero all'appello 10.000 dispersi. Nel frattempo c'è da affrontare l'allarme per le centrali atomiche. A Fukushima è esploso uno dei 4 edifici del complesso, distruggendo completamente la gabbia esterna di contenimento di uno dei reattori. Crollati il tetto e i muri. Quattro operai della centrale sono rimasti feriti. Il livello di radioattività nella sala di controllo del reattore n° 1 sarebbe salito a mille volte sopra la norma. Lo riporta l'agenzia di stampa Kyodo citando una fonte della commissione di sicurezza. Sembra che almeno tre persone, tra gli evacuati, siano stati contaminati: lo ha riferito l'agenzia Kyodo News.



Sono subito scattate le misure di sicurezza: il governo ha portato da 10 a 20 chilometri il raggio dell'area di evacuazione intorno alla centrale, 45mila i residenti che hanno lasciato le loro case. Nell'area esterna alla centrale si sono registrati livelli 8 volte superiori alla soglia critica. Si tratta comunque di valori che, stando a quanto affermato dalla tv pubblica nipponica, non costituirebbero pericolo per la salute pubblica. Sugli incidenti alla centrale numero 1, le autorità rassicurano: "Sono improbabili gravi danni". La tv giapponese ha comunque consigliato a chi si trova all'esterno di proteggersi naso e bocca con un fazzoletto bagnato e ridurre al minimo il contatto diretto della pelle con l'aria. Il sisma ha bloccato il sistema di raffreddamento anche in tre reattori della seconda centrale nucleare, quella di Fukushima Daini, a 11 km dalla prima. Anche in questo caso il governo ha disposto l'evacuazione dei residenti in un raggio di 10 km circostanti.

NUOVE SCOSSE -
Sono almeno una ventina le scosse di assestamento di rilevante entità (di magnitudo compresa tra 3 e 7° della scala Richter) registrate nelle ultime dieci ore in Giappone. Il nuovo fronte è quello di Niigata-Nagano, sulla parte occidentale. Il terremoto più potente si è registrato alle 10.46 (le 2.46 in Italia), con una magnitudo di 6,4 ed epicentro di fronte alla prefettura di Fukushima, nelle acque del Pacifico alla profondità di 40 km. Oltre 215.000 persone sono state fatte evacuare verso aree protette nel Nord e nell'Est del Giappone.

GLI AIUTI - Posticipata la partenza per il Giappone della missione italiana coordinata dalla Protezione civile. Ne ha dato notizia il Dipartimento. Il rinvio è stato stabilito "a seguito della nuova decisione delle autorità nipponiche di accettare nell'immediato esclusivamente aiuti provenienti da Stati Uniti, Nuova Zelanda e Corea del Sud, Paesi geograficamente più prossimi". A Tokyo, intanto, l'emergenza è contenuta.  La gente cammina normalmente per strada, molti per fare ritorno alle proprie case dopo aver passato la notte negli uffici. Pochi i taxi, ma autobus e treni funzionano. L'emergenza è comunque quella dei generi di prima necessità. E' corsa, composta, per accapparrarsi acqua, carta igienica, fazzoletti, riso e salsa di soia, cibi già pronti e biscotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberta

    16 Marzo 2011 - 17:05

    Penso ..alle costruzioni ben fatte non è bastato ..le persone che restano alla ricerca dei famigliari e vedere una distruzione totale .. vorrei che questo ( sono casi rarissimi quelle onde giganti ) a tutte quelle persone che continuano a costruire male, fosse di" esempio "!!!!!E poi le centrali ...Quanta paura!!!!

    Report

    Rispondi

  • nicolass

    12 Marzo 2011 - 19:07

    omaggierò Lei e la sua famiglia di una barretta di uranio radiattivo così potrà sperimentale direttamente se le radiazioni nucleari sono nocive o meno in modo da non dover basare le sua fiducia e la sua cultura sul nucleare solo sul cartone animato di Omer Simpson di cui evidentemente è un appassionato spettatore. Quanto a me sarò favorevole al nucleare solo quando la prima centrare verrà costruita acconto alla villa di Berlusconi ad Arcore con il Premier costretto agli arresti domiciliari.. saluti

    Report

    Rispondi

  • nicolass

    12 Marzo 2011 - 19:07

    pensieri in libertà... siamo uno dei paesi più corrotti del mondo; siamo il paese del malaffare e della Mafia che è anche il nostro prodotto di esportazione per eccellenza ; abbiamo una classe politica corrotta e malfidata che lucra sulla pelle della gente; abbiamo un corruttore comclamato e impunito come capo del Governo che per non farsi processare da 20 si fa votare leggi ad personam da un Parlomento supino e suino; abbiamo una corruzione devastante che inquina tutti i gangli vitali dell'economia di questo paese; abbiamo un'evasione dilagante che dissangua le casse dello stato; abbiamo delle infrastrutture che non vedono mai la luce (vedi autostrada Salerno-ReggioCalabria) causa condizionamento mafioso; abbiamo città come l'Aquila che si polverizzano ad un primo accenno di terremoto perchè imprese edili e ingegneri collusi risparmiano sui soldi del cemento per lucrare e ingrassare ... non c'è che dire abbiamo tanti buoni motivi per sognare su 7 cuscini il ritorno al nucleare

    Report

    Rispondi

  • rifletto

    12 Marzo 2011 - 18:06

    Credo che le sue affermazioni, come quelle degli esperti, siano clamorosamente smentite dall'evento giapponese (parliamo della nazione piu evoluta e disciplinata al mondo)e mi spiego: come si puo dire ''centrali sicure'' di fronte ad eventi del genere? Come si potrebbe rendere sicura un'opera di fronte a calamità naturali che non conosciamo?Forse i nipponici non avevano previsto un terremoto? Credo con certezza che lo avessero previsto, magari fino a 8° ritcher(penso non lo so con certezza) ma ne è sopraggiunto uno di entità notevolmente superiore; allora? I nuovi insediamenti nucleari sicuramente li costruiranno per resistere a 9° ma abbiamo sicurezza che non ne arrivi uno di intensità superiore? Cara ''ciannosecco'' le sicurezze non fanno parte della natura. Saluti P.S.mi scuso se nel precedente post ho omesso uno zero leggesi 30000 e non 3000

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog