Cerca

Ordine e coraggio: Tokyo è d'esempio per tutto il mondo

Giapponesi freddi e composti anche nell'emergenza-sisma. Cosa sarebbe accaduto in Italia? / TEDOLDI

Ordine e coraggio: Tokyo è d'esempio per tutto il mondo
Ora sappiamo come reagisce un giapponese di fronte a un terremoto di 8,9 gradi Richter: se è in piedi si siede, se è seduto si alza in piedi. Se ha un tavolino davanti lo regge con una mano, se è in salotto accende la videocamera e riprende la tv digitale a schermo ultrapiatto che oscilla come un ventaglio, poi accende anche la tv  e guarda le notizie delle centrali nucleari evacuate, lo tsunami che si avvicina alle coste, gli incendi, continuando a filmare mentre tutt’intorno i soprammobili cascano a terra.

Se sta in parlamento, il giapponese alza lo sguardo e osserva i lampadari oscillare come per un esercizio zen. Il primo ministro Naoto Kan, alla prima scossa, non sembrava affatto “sorpreso” come scriveva enfaticamente il sito del Corriere, non ha fatto una piega anzi e a giudicare dalla sua espressione tra il ministro e il sisma il più sorpreso era il sisma. Poi c’è quello che sta dando un’intervista e improvvisamente tutt’intorno a lui il mondo comincia a tremare. Piccola esclamazione di disappunto, sguardo fuori dalle finestre dove gli alberi si scuotono come all’apocalisse, l’intervista si ferma perché la notizia è altrove, ma nessuna videocamera gettata a terra o in fuga disperata, come accade spesso ai reporter occidentali, che se la battono al primo bu!. Anzi, si continua a riprendere la stanza dalle pareti che sembrano gelatina, si piegano ma non si spezzano, e si aspetta pazientemente che il cadavere del sisma passi sulla riva del fiume.

Negli uffici le stampanti erano nel panico, così come i terminali dei pc, gli schedari, le scrivanie, le penne, tutto schizzava di qua e di là, venivano giù i raccoglitori dagli scaffali, l’unica cosa che non tremava erano gli impiegati. Qualcuno ci è sembrato intento a continuare il suo lavoro, lo sguardo occhialuto fisso nel monitor e le mani sulla tastiera che purtroppo tendeva a scivolargli sotto le dita costringendolo a cancellare e digitare di nuovo i comandi. La terra si spaccava e la gente stava lì a guardare le crepe borbottando in quel buffo tono gutturale che per noi occidentali sembra un’esclamazione di rabbia, e forse lo è, ma la rabbia è una reazione curiosa quando si dovrebbe, piuttosto, essere terrorizzati.

Ammettiamolo, siamo profondamente ammirati del modo cui i giapponesi hanno reagito. Sarà pure che ci sono abituati, che hanno costruito le loro città secondo le più sofisticate tecniche anti-sisma, però che sangue freddo, neanche fossero tutti buddhisti. Facile immaginare come avrebbe reagito il nostro parlamento posto di fronte alla medesima sollecitazione. Alla prima vetrata in frantumi si sarebbe scatenato un fuggi-fuggi bipartisan degno del naufragio del Titanic, botte da orbi per guadagnare l’uscita, deputati arrampicati sulle spalle di colleghi.

A Tokyo i parlamentari hanno aspettato seduti o in piedi ma composti, per lunghissimi minuti, che la scossa cessasse, erano molto meno esagitati dei nostri dopo un voto di fiducia, il primo ministro s’infilava la custodia degli occhiali nella giacca, un commesso invitava a allontanarsi dalle finestre, ci si guardava negli occhi o su ai lampadari, alla fine sono usciti senza perdere la flemma. E anche di fronte al catastrofico abbattersi dello tsunami su un porto, l’onda che squassa le imbarcazioni e si ritira trascinando con sé le auto sui moli come modellini, il commento del giornalista ha un tono appena alterato, niente a che vedere col genere “stadio Maracanà” dei commentatori occidentali sul posto. Certo, è gente che oltre alla magnitudo sismica ha conosciuto i megatoni di due atomiche, ci vuole altro per farli scappare in preda al panico.

di Giordano Tedoldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gitex

    15 Marzo 2011 - 18:06

    che è colpa di Berlusconi ed annozero scoverà l'unica persona che non ha avuto il suo mezzo litro di acqua.......

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    14 Marzo 2011 - 15:03

    Chi ha avuto più di un'opportunità per girare il Giappone "in lungo" (le città importanti e le attività industriali sono tutte ubicate sulla costa orientale,girarlo "in largo e soprattutto in centro" avrebbe poco senso...) con permanenze varianti da un paio di giorni a un mese (Chiba , Tokyo , Yokohama , Osaka , Kobe , Aioi ,Kyoto,Himeji,Tokushima , Matsuyama e Hiroshima le Città conosciute) lo sa da sempre. E,avendo avuto relazioni di lavoro colà,lo ha sempre saputo,che il popolo giapponese è omogeneo,lavoratore , determinato , educato , ordinato , discreto , puntuale , meticoloso e serio . Quindi i commenti che si sentono in Italia sul comportamento ammirevole di quelle genti durante e dopo il cataclisma che si è abbattuto a Nord della Capitale non fanno altro che confermarglielo. Gli ribadiscono,inoltre,quel che egli ha sempre saputo e pensato,che differenze anche molto notevoli tra le varie razze umane esiste,eccome...

    Report

    Rispondi

  • Isilwen

    14 Marzo 2011 - 09:09

    ...come hanno sempre fatto. Ho vissuto a Tokyo per un po' di tempo e anche una tragedia di questa scala non è sufficiente a far perdere loro la grinta e la dignità. Ciò detto, sono probabilmente l'ultima popolazione sulla faccia della terra a meritare tutto ciò. Esponete bandiere, signori. Non serve assolutamente a nulla, ma facciamo il possibile per far vedere a tutti i giapponesi residenti in Italia che siamo con loro.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    12 Marzo 2011 - 19:07

    Mi viene spontaneo dire: «Oh Dio che ti ha fatto quella brava gente?» Lo so che il Padre Eterno non c’entra. A chi rivolgere il pensiero in disastri di così grossa portata? La natura? E’ ancora più doloroso, poiché proprio loro hanno il culto della natura (scintoismo). Qualunque fosse la loro religione a loro va il nostro pensiero, cordoglio, dolore e solidarietà. Vorrei dare la mia solidarietà. Vorrei stare lì ad aiutarli. Sono un po’ avanti cogli anni. Aspetto le aperture di sottoscrizioni. Perché Libero non prende l’iniziativa di una sottoscrizione? Ho fiducia nei nostri direttori. Se sì, pubblicatelo al più presto. Grazie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog