Cerca

Giappone, paura atomica Chiesto aiuto agli Usa

FERRARA DEBUTTA SU RAIUNO: "DA TOKYO LEZIONE ALL'ITALIA" Doppia esplosione a Fukushima: "Allarme rosso, è iniziata la fusione". Chiesto team di esperti per fronteggiare l'emergenza. Germania blocca lavori su impianti nucleari. Bilancio: 5mila morti

Giappone, paura atomica Chiesto aiuto agli Usa
Nel Giappone devastato dal sisma cresce la paura nucleare. La Tepco, la società che gestisce le centrali di Fukushima, ha confermato che le barre di combustibile del reattore due sono di nuovo completamente esposte "indicando la situazione critica di un inizio di fusione del nucleo". Inoltre, sono due le nuove esplosioni avvenute nell'impianto: le deflagrazioni sono avvenute al reattore 3 e al numero 2, dove è entrato in avaria il sistema di raffreddamento. Le esplosioni sono avvenute alle 11 ora locale, le 3 del mattino in italia. Sono undici i feriti, e almeno uno dei militari impegnati nell'impianto è risultato contaminato da radiazioni. Secondo quanto ha reso noto l'Agenzia internazionale dell'energia atomica (Aiea), le strutture di contenimento del reattore non sarebbero state danneggiate. Nelle altre due centrali in cui la situazione era più critica, quelle di Onagawa e Tokai, sono stati rimessi in funzione gli impianti di raffreddamento. 


BARRE PARZIALMENTE FUSE 
- In precedenza era già trapelata la notizia che le barre di combustibile nucleare nel reattore numero 2 della centrale di Fukushima sarebbero parzialmente fuse. Le barre sono infatti rimaste totalmente esposte all'aria per due ore e mezzo; una situazione che con ogni probabilità ha innescato il surriscaldamento e la fusione del nucleo del reattore. Il motivo di questa esposizione è da ricondurre a una pompa antincendio, che versava l'acqua del mare nel reattore per raffreddarlo e che è rimasta a corto di carburante. La Tepco, la società che gestisce l'impianto, ha spiegato che il livello dell’acqua più tardi è stato recuperato e che l’acqua è tornata a coprire la parte inferiore delle barre di combustibile per 30 centimetri.

GIAPPONE CHIEDE AIUTO A USA E AIEA - Il Giappone ha chiesto ufficialmente aiuto agli Stati Uniti e all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea): chiedono loro di inviare un team di esperti per aiutare le autorità locali a fronteggiare la crisi nucleare scatenata dal terremoto e dallo tsunami di venerdì. Lo ha rivelato il direttore dell’Aiea Yukiya Amano Said Monday.

CONTAMINATI MILITARI USA - Diciassette marinai americani giunti in aiuto del Giappone sono stati colpiti in modo lieve da radiazioni nucleari. Gli uomini sono di servizio sulla portaerei Ronald Reagan, da alcuni giorni al largo del Giappone, esattamente a 100 miglia a nord da Fukushima. La radioattività è stata individuata al termine di una missione a bordo di un elicottero. Tutti loro sono stati immediatamente soccorsi, mentre nessun'altra contaminazione è stata finora scoperta a bordo.

GERMANIA, MORATORIA NUCLEARE - L'onda lunga della crisi nucleare è arrivata fino in Germania: la cancelliera Angela Merkel ha annunciato una moratoria di tre mesi sulla decisione, presa recentemente, di allungare la vita delle 17 centrali nucleari ancora in funzione nel Paese. "Seguiamo muti e sconvolti gli apocalittici eventi degl Giappone", ha affermato Frau Merkel in una conferenza stampa tenuta con il ministro degli Esteri, Guido Westerwelle. "Anche se i resoconti sono ancora contraddittori", ha spiegato la Merkel, "è fuori discussione che ci sono conseguenze che riguardano anche l'Europa e la Germania perché il mondo è uno solo".

SCOSSE - Alle 2 del mattino ora italiana, il Giappone ha dovuto subire un'altra forte scossa di assesstamento, pari a 5,8 gradi della scala Richter. Dopo il sisma, un elicottero dei pompieri aveva comunicato un'onda di tre metri si avvicinava alle coste del Sol Levante, ma l'Agenzia meteorologica ha smentito il fatto che il terremoto avesse provocato un nuovo tsunami. Ad Hachinoe, per precauzione, sono comunque state evacuate 13mila persone. Alle 7,12 ora italiana, le 16,12 in Giappone, c'è stata un'ulteriore fortissima scossa, pari al grado 6,1 della scala Richter.

BILANCIO - Per quel che riguarda le cifre della tragedia giapponese, fino a questo momento i morti ufficiali sono 1.650, mentre i dispersi sono 1.720. Un migliaio di corpi senza vita, però, sono stati trovati nella penisola di Ojika, mentre mille cadaveri sono stati avvistati a Minamisanriku, dove all'appello mancano circa 5mila persone. Secondo alcune stime, i morti potrebbero essere addirittura 50mila. Nella mattinata di l'unedì, l'ultimo bilancio fornito dalla polizia indicava 5mila tra morti e dispersi. Secondo quanto riferiscono Credit Suisse e Barclays, la ricostruzione in Giappone impiegherà almeno 180 miliardi di dollari, o il 3% della produzione annuale del Paese, oltre il 50% in più rispetto al terremoto a Kobe del 1995.

BERLUSCONI: "PRONTI A MANDARE AIUTI" - "Vogliamo esprimere la noostra vicinanza e solidarietà al governo giapponese, siamo a dispozione per dare tutta l’assietenza e l’aiuito possibile al governo di Tokyo". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, al termine dell’incontro col presidente Ue Barroso. Sempre oggi, il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha sottolineato da Bruxelles che la politica italiana sul nucleare non cambia. " sSguiamo con sgomento e partecipazione la situazione in Giappone, senza nessuna sottovalutazione", ha detto il ministro. "Ma neanche si deve speculare: non era ancora finito l’effetto dello Tsunami che già in Italia gli antinuclearisti sfruttavano la catastrofe a fini domestici. Questo è sciacallaggio politico".

CROLLA LA BORSA - Terremoto e tsunami si abbattono anche sulla Borsa di Tokyo, che nella prima seduta dopo il sisma è colata a picco: l'indice Nikkei ha perso il 6,18 per cento. Nel dettaglio, crollano i titoli automobilistici, elettronici e delle raffinerie. Per fronteggiare l'emergenza, la Banca centrale giapponese ha approvato una serie di misure straordinarie. In primo luogo ha fatto sapere che inietterà sul mercato liquidità per 15 trilioni di yen, pari a circa 130 miliardi di euro: obiettivo, stabilizzare il sistema finanziario. Inoltre i nove membri del board della banca hanno deciso all'unanimità di mantenere i tassi d'interesse allo zero virtuale. La banca centrale si è infine detta preoccupata del calo della produzione industriale a causa dei notevoli danni. La Banca centrale ha poi espresso preoccupazione per il futuro calo della produzione industriale. Sempre dal mondo dell'economia, è arrivata la notizia che la giapponese Honda Motors sospenderà tutte le sue attività nel Sol Levante fino al 20 marzo a causa del sisma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    17 Marzo 2011 - 18:06

    Disse Einstein <È più facile scindere un atomo che abolire un pregiudizio.> La battaglia più dura infatti è sempre stata contro i pregiudizi. Coraggio vin43, da parte mia la sostengo volentieri anche se non riusciremo a far cambiare idea a nessuno. Ma tant'è..

    Report

    Rispondi

  • blues188

    17 Marzo 2011 - 18:06

    Che già a iniziare dal nick si capisce subito con chi si ha a che fare. Qui non ci sono ingegneri ma per chi vuole un po' di buon senso c'è qualcuno che lo vuol usare. Ricordo che quando hanno inventato il treno a vapore (è storia della Fisica) i soliti bungaabungaband dell'epoca (sono esisti da sempre e non sono mai estinti) urlavano che la velocità superiore a quella del cavallo avrebbe ucciso l'uomo. E il treno a vapore la superava di un bel po'. Qualche ragione l'avevano sulle uccisioni, ma nel senso che qualche volta a uccidere qualcuno è stata la pedata di qualche cavallo imbizzarrito, ma non i treni. Neppure quelli elettrici!! E neppure quelli a levitazione magnetica. Però ripeto, se a qualcuno piace tornare alle caverne, faccia pure, dal canto mio e di molti altri l'energia serve e a prezzi accessibili. A me piace usare il Pc, proprio come a bungabungaband

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    17 Marzo 2011 - 13:01

    Leggo che Roma sarebbe più radioattiva di Tokio...da analisi fatte da una squadra della Protezione civile italiana, in missione a Tokio e la notizia mi avrebbe reso un pò scettico anche se subito dopo spiegava che la radioattività di Roma deriverebbe dal sottosuolo (?!). Seguendo, come tutti, il finimondo capitato nelle terre del Sol levante...un popolo, quello giapponese, che ammiro da sempre per la sua fierezza, rigore morale e carattere...mi sono chiesto come abbia mai potuto incrociarsi il famoso asse RO-BER-TO (dell'ultima guerra) ?...in cui anche il carattere e disciplina tedesca (proverbiali)...non hanno niente da meno di quello nipponico...e noi, tra questi due colossi (in tutti i sensi)...cosa ci stavamo a fare...? L'avrei proprio voluto sentire il "CU'-CU' berlusconiano in quel consesso. L'essere, forse, gli unici dei tre...senza nucleare, potrebbe distinguerci positivamente ?? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • vin43

    15 Marzo 2011 - 10:10

    Domare un leone non significa non rispettarlo, anzi. Domare la natura non significa non rispettarla, anzi. Limitarne le conseguenze dell’eventuale ferocia, deve essere una sfida. I grattacieli giapponesi hanno risposto bene al terremoto. Se è necessario spostarsi a 300 Km l’ora mediante treni a levitazione magnetica, dobbiamo avere una fonte di energia stabile e potente. Non ci sarà mai una rinuncia di una cosa ottenuta e che è diventata indispensabile e insostituibile. I nipponici avranno acquisito altra esperienza e bene faranno a studiare come limitare i danni nelle prossime realizzazioni. E’ sempre una sfida continua per l’umanità sin da quando l’uomo è apparso sulla terra. Se non fosse così, saremmo ancora nelle caverne. Certo forse sarebbe stato meglio. Non si può e non si potrà mai.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog