Cerca

Yemen, Saleh non molla: "Il popolo è ancora con me"

Tensione alle stelle nel Paese: numerose defezioni nell'esercito, carri armati del regime per le strade di Sanàa

Yemen, Saleh non molla: "Il popolo è ancora con me"
Tensione alle stelle in Yemen, dove carri armati del regime sono scesi nelle strade di Sanàa per reprimere le proteste di piazza che da settimane infiammano il sud della penisola araba. Il pugno di ferro segue le inaspettate dimissioni di uno dei massimi vertici delle forze armate, capo delle truppe di terra dell’esercito yemenita, il generale Ali Muhsin al-Ahmar. Il generale è passato lunedì ufficialmente con i manifestanti, che chiedono le  dimissioni del presidente Ali Abdullah Saleh. Lo ha annunciato la tv araba Al-Jazeera, secondo la quale i soldati del primo battaglione dell’esercito guidato da Muhsin sono stati dispiegati intorno a piazza del Cambiamento per difendere i manifestanti in sit-in da settimane per chiedere le dimissioni del capo di stato.

DEFEZIONI - Quella del generale
Ali Muhsin al-Ahmar non è stata l'unica defezione eccellente dal regime yemenita. Il governatore di Aden, la seconda città del Paese, si è dimesso per passare con i ribelli. Poco prima anche l’ambasciatore a Damasco, Abdel-Wahhab Tawaf, aveva lasciato per protesta contro il massacro di manifestanti avvenuto venerdì scorso, quando le forze di sicurezza avevano ucciso 52 persone. Anche tra gli alti ranghi dell’esercito, alcuni alti ufficiali si sono schierati contro il presidente Ali Abdullah Saleh, da settimane bersaglio di proteste. Altri due generali, di cui fonora non si conoscono i nomi, si sono uniti ai rovoltosi.

IL PRESIDENTE NON MOLLA - Da parte di Saleh, però, non emerge alcuna volontà di arrendersi e di accontentare le richieste della piazza. Il Presidente promesso di "resistere" al suo posto poichè la "maggioranza del popolo è con me". Saleh si è rivolto all’Arabia Saudita per ottenere aiuto, chiedendo alle autorità di Riad di mediare nella crisi che sta scuotendo il Paese. "Siamo ancora qui - ha detto il leader - la grande maggioranza della gente è dalla parte della sicurezza, della stabilità e della Costituzione. Coloro che vogliono il caos, la violenza, l’odio e il sabotaggio sono solo una minoranza".

SCONTRI - Intanto nel nord del Paese sono morte 20 persone in seguito a violenti scontri tra l’esercito e i ribelli sciiti zaiditi, che ieri si sono affrontati per diverse ore per ottenere il controllo di una postazione strategica nella provincia settentrionale di Al-Jawf. Dopo la strage di oltre 50 dimostranti avvenuta venerdì scorso, il segretario dell’Onu, Ban Ki-moon, ha condannato l’uso della violenza contro la folla. Intanto per le strade di Sanàa sfilano i carri armati del regime.

LA COMUNITA' INTERNAZIONALE - Da tutto il mondo giungono reazioni a quanto sta accadendo in questi giorni a Sanàa e in tutto lo Yemen. Il ministro degli Esteri francese Alain Juppe ha detto che Saleh è di fronte a una "inevitabile" cessione del potere: "Oggi dobbiamo aiutare coloro che vogliono far fare passi in avanti ai diritti umani e costruire la democrazia - ha detto Juppe - Questo è vero per tutti i Paesi. Diciamo allo Yemen che la situazione si sta deteriorando, il regime deve tenerne conto. Oggi appare evidente che la partenza del presidente Saleh è inevitabile". Cinque ambasciatori dello Yemen in Europa (quelli per le sedi diplomatiche di Parigi, Bruxelles, Ginevra, Berlino e Londra), intanto, hanno scritto al presidente chiedendogli di dimettersi "per evitare un bagno di sangue".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    21 Marzo 2011 - 19:07

    Noi che ci riempiamo ogni giorno la bocca di parole nobili e alte come democrazia e libertà ,non conosciamo le realtà locali e additiamo come democratiche proteste che non lo sono. In Yemen le proteste le comanda Al Qaeda e i poveri studenti , che oggi vediamo disarmati contro i carriarmati diventerebbero dei crudeli aguzzini non appena saliti al potere. Ho la memoria lunga e mi ricordo cosa fecero i giovani studenti di Theheran con Komeini, mi ricordo le violenze contro le donne che vestivano all' occidentale e contro tutti quelli che contrastavano la loro marcia verso la dittatura islamica. In quei posti non tira un vento di libertà, ma solo una lieve brezza che ha spazzato via le ceneri di quei regimi che si erano autodistrutti facendone nascere di nuovi. In questi paesi non potrà mai esserci democrazia finchè la gente sarà schiava del bisogno.

    Report

    Rispondi

  • gioromeo

    21 Marzo 2011 - 13:01

    Forse noi italiani non sappiamo neanche dove si trova lo Yemen e per questo non corriamo a difendere le popolazioni inermi come facciamo in Libia. Ma chi ha stabilito che la Francia e l'Italia ed altri "volenterosi" possano intervenire negli affari interni di una nazione ed agire contro il governo leggittimo? Anche io detesto Gheddafi, ma perchè solo contro di lui? E se da noi accadesse una nuova Rivolta di Reggio con vittime, sarebbe autorizzata la Libia ad intervenire bombardando Arcore? Meglio pensare prima di agire.

    Report

    Rispondi

blog