Cerca

Fukushima, torna corrente nei reattori Sull'Italia in arrivo nube radiottiva

Giappone, la centrale nucleare verso il raffreddamento. Allarme per cibo contaminato e acqua marina

Fukushima, torna corrente nei reattori Sull'Italia in arrivo nube radiottiva
E' tornata l'elettricità in tutti i reattori della centrale nucleare di Fukushima, ma la situazione è ancora "difficile", come ammesso dal ministro dell'Industria Banri Kaieda, anche a causa di una nuova scossa di assestamento di 6,2° della scala Richter che ha colpito nelle ultime ore l'intere prefettura. L'allarme radiazioni nell'impianto-simbolo dei disastrosi terremoto e tsunami che hanno colpito il Giappone undici giorni fa è ancora alto: la Tepco, società che gestisce la centrale, ha rilevato "materiale radioattivo nell'acqua di mare" nei pressi di Fukushima. I livelli di radiazione in acqua non costituiscono una minaccia immediata per la salute, come confermato dal governo di Tokyo, ma i valori sono comunque al di sopra del normale e preoccupano sia per l'ecosistema sia per l'effetto sui prodotti da pesca.

ACQUA MARINA -
Il ministero della Scienza e Tecnologia ha precisato che provvederà a esaminare l'acqua nel raggio di 10 e 30 chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima. Secondo la Tepco, lo iodio-131 è stato rilevato nei campioni di acqua pari a 126,7 volte il limite di concentrazione legale, mentre i livelli di cesio-134 si sono attestati a 24,8 volte e quelli di cesio-137, inoltre, a quota 16,5. Tracce di cobalto 58, infine, sono state rilevate anche in un campione di acqua prelevato nei pressi dell'impianto. Il portavoce del governo Yukio Edano ha affermato che, nonostante l'allarme per il cibo radioattivo lanciato ieri, per il momento non verrà estesa la "zona di esclusione" intorno alla centrale.

TORNA LA LUCE - Nel frattempo, continuano i soccorsi alla centrale. Tutti e sei i reattori di Fukushima sono tornati ad essere collegati a una linea elettrica esterna. All'alba italiana (pomeriggio in Giappone) il collegamento è stato portato ai reattori numero 3 e numero 4, mentre le altre due paia di reattori, 1-2 e 5-6, erano stati collegati nei giorni scorsi. "Dobbiamo ancora verificare i macchinari uno a uno prima di rimetterli in servizio", ha detto un funzionario a proposito dei sistemi di raffreddamento interni alla centrale, che se in funzione limiterebbero notevolmente i rischi di surriscaldamento e di fuoriuscita di materiale radiattivo. Durante le operazioni è uscito del fumo bianco dai reattori 1 e 4, ma secondo la Tepco "non costituisce un problema" per i lavoratori impegnati in prima linea. Più grave la situzione dei reattori 2 e 3: altri sbuffi di fumo sono usciti durante la giornata: sono emissioni di altre radiazioni nell'aria.  Ieri gli operai avevano dovuto abbandonare il reattore 3 per una fuoriuscita di mox', una miscela di uranio e plutonio potenzialmente letale.

NUBI SULL'EUROPA - Gli effetti della nube radioattiva che si è sprigionata dalla centrale giapponese di Fukushima sono attesi anche sulla Francia e l'Italia, presumibilmente fra il 23 2 il 24 marzo. "Al momento però non si rilevano assolutamente rischi per le popolazioni", spiega all’Adnkronos il responsabile del Servizio misure radiometriche del Dipartimento nucleare dell’Ispra, Giancarlo Torri.  In Italia ad intercettare la nube "sono i sistemi della Rete nazionale di sorveglianza della radioattività, una rete che è sempre e  comunque attiva su tutte le regioni italiane" spiega Torri,  aggiungendo che "a stamattina non si rileva nessun segnale di incremento di radioattività nè sull'Italia nè sull'Europa". "Il valore della nube - continua Torri- dipende da quanto  materiale radioattivo è uscito, da quanto sta in alto e da quali   fenomeni di diluizione è influenzato". La dose attesa, prosegue   Torri, "dovrebbe essere tra mille e 10mila volte meno di quella che arrivò dopo Chernobyl. Ci aspettiamo valori da 100 a 1.000   milionesimi di baquerel per metro cubo di aria". Lo conferma anche il ministro della Salute Ferruccio Fazio: "Se anche le correnti dovessero trasportare sull'Italia particelle radioattive provenienti dalla centrale di Fukushima, si tratterebbe comunque di quantità infinitesimali, estremamente diluite, che non avrebbero alcun effetto sulla salute. Si tratterebbe infatti di valori bassissimi, largamente inferiori alle dosi di radioattività naturale".

UN AIUTO DALLA BOSNIA - Ugljevik, piccola città bosniaca, ha offerto ospitalità ai bambini colpiti dallo tsunami in Giappone, in segno di gratitudine per l'assistenza ricevuta dal Paese asiatico negli anni dopo la guerra in Bosnia del 1992-95. Bojan Dzuvelekovic, proprietario dell'unico albergo della città, spera di fornire un posto a 50 bambini rimasti senza casa dopo che il terremoto e lo tsunami hanno messo in ginocchio il Giappone. Dzuvelekovic ha inoltre aggiunto che la comunità locale lavorerà duramente per organizzare scuole e altre attività per i bimbi. "Sappiamo, per esperienza, quanto sia difficile andare avanti quando il tuo Paese, la società e la tua famiglia sono distrutte", ha detto Dzuvelekovic.

NIENTE SCUSE - Lentamente si sta mettendo a fuoco l'entità dello tsunami: secondo nuove stime, l'onda che lo scorso 11 marzo ha investito la centrale sarebbe stata alta oltre 14 metri. L'impianto era stato progettato per far fronte al massimo ad onde di 6,5 metri. La Tepco nei giorni scorsi aveva chiesto scusa allo Stato e alla popolazione per eventuali errori e omissioni nella gestione. Scuse rispedite al mittente da
l governatore della prefettura di Fukushima, Yuhei Sato, che ha rifiutato un incontro offerto dal presidente dell'azienda: "Ciò che è più importante  - ha sottolineato Sato al canale televisivo Nhk - è che Tepco metta fine alla crisi con il suo massimo sforzo. Considerando il livello di ansia, rabbia e esasperazione che pervade la gente e Fukushima, non c'è alcuna possibilità che io possa accettare le loro scuse", ha detto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mr_flat

    24 Marzo 2011 - 14:02

    Leggere certe cose ti rovina la giornata. Solo macabre speculazioni su un disastro che ha colpito un popolo. E non è il nucleare il principale responsabile della tragedia fin qui consumatasi. Chi non è favorevole all'energia atomica farebbe meglio a tacere anzichè prodigarsi in viscide campagne elettorali. Non serve propagandare, ne insultare, e prima si dovrebbe conoscere anche un minimo l'argomento. Sarebbe molto più dignitoso recarsi in silenzio in cabina elettorale nel momento del referundum, e lì si, segnalare la propria preferenza. Una cosa utile invece la potete ancora fare: inviare una donazione se non lo aveste già fatto. Sig. Kumachan, la ringrazio per la sua preziosa testimonianza. Ho molti amici nell'area di Tokyo che si sono già affrettati a contattarmi e tranquillizzarmi anche se la situazione rimane difficile. Se l'invito vale anche per me quasi, quasi un viaggetto me lo faccio io ^^ I miei migliori auguri, alla sua famiglia, ai suoi amici.

    Report

    Rispondi

  • ulisse75

    24 Marzo 2011 - 13:01

    Gentile Sig. Vgrossi, ho letto per curiosità e anche per un pò di preoccupazione tutti i commenti all'articolo sulla radioattività proveniente da Fukushima. Dato che Lei scrive come una persona colta e informata (a prescindere dal sarcasmo nella diatriba con il Sig. Ed7 ), vorrei chiederLe gentilmente di rispondere al commento postato dal Sig. Robe sui 65 casi di cancro alla tiroide legati all'incidente di Chernobyl, che indicano un chiaro incremento della malattia anche tra soggetti non esposti alle radiazioni nel primissimo periodo dopo l'incidente. Sono sicuro che saranno in tanti, oltre a me,a ringraziarLa per questa informazione non molto trascurabile... Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • ed7

    23 Marzo 2011 - 15:03

    mangia ben carne e verdure a foglia larga. Ahahaha! Ringrazio per l'invito ma purtroppo ho legittimi impedimenti. Ma tu fai come se ci fossi. Piuttosto fatti un bel bicchierone di acqua fresca dai rubinetti di tokio, dicono che sia indicata per i bimbi. La notizia e su questo giornale. Controlla pure

    Report

    Rispondi

  • kumachan

    23 Marzo 2011 - 12:12

    Vieni qui a Tokyo e per il tempo che starai qua ti porto a mangiare gratis almeno una volta al giorno al mio sushibar preferito. Naturalmente vieni qui con un contatore geiger per verificare i valori di radioattivita`. C`e` anche una bella notizia: i voli Alitalia (precedentemente scappati ad Osaka) sono tornati all`aeroporto di Tokyo-Narita ed esiste un servizio di Bus diretto da Narita a casa mia. Cosa vuoi di piu`? Una lucana con la quinta?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog