Cerca

Siria, duri scontri in moschea: sono 15 le vittime

Alta tensione in Medio Oriente. Morti nello scontro tra manifestanti e forze di sicurezza a Daraa. Richesta Onu: "Aprire un'inchiesta"

Siria, duri scontri in moschea: sono 15 le vittime
Almeno 15 manifestanti sono stati uccisi a Daraa, nel sud della Siria, nel corso degli scontri con le forze dell'ordine registrati nella sola giornata di oggi. Lo riferisce la tv satellitare al-Arabiya. Almeno altre 12 persone hanno perso la vita nei giorni scorsi. In sei sono morti stamattina durante l'attacco lanciato dalle forze di sicurezza contro la moschea di al-Omari, utilizzata dai dimostranti come rifugio. L'operazione è iniziata poco dopo mezzanotte ed è durata almeno tre ore. Fino al pomeriggio nella città sono stati avvertiti degli spari e un giornalista di Associated Press ha sentito raffiche di arma da fuoco semi-automatica arrivare dal vecchio quartiere.

ASSALTO ALLA MOSCHEA - La tv di Stato siriana ha negato che le forze di sicurezza abbiano attaccato la moschea e ha riferito che una "banda armata" aveva attaccato un'ambulanza provocando la morte di quattro persone: un medico, un paramedico, l'autista del mezzo e un poliziotto. Al tempo stesso però la televisione ha mostrato riprese di armi, Ak47, granate, munizioni e soldi che sarebbero stati sequestrati dentro l'edificio. In un video pubblicato su Facebook da attivisti si vede una strada vuota vicino alla moschea di al-Omari e si sentono spari. Non è stato possibile confermare l'autenticità del filmato. I collegamenti di telefonia cellulare a Daraa non funzionano e in tutta la città sono stati allestiti dei posti di blocco. Soldati in uniforme, agenti di sicurezza in borghese e poliziotti delle unità antiterroristiche pattugliano le strade.

LE REAZIONI
- Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha condannato la violenza delle forze di sicurezza siriane: il diplomatico sudcoreano ha quindi invitato il governo di Damasco ad aprire "un'inchiesta trasparente sulle violenze. Il governo siriano - ha aggiunto - ha l'obbligo di difendere i civili e la responsabilità di ascoltare le legittime aspirazione della sua gente attraverso il dialogo e le riforme". Secondo testimoni locali, 15 manifestanti hanno perso la vita oggi a Daraa nel corso degli scontri con le forze dell'ordine. Preoccupazione anche dagli Stati uniti: Mark Toner, il protavoce del Dipartimento di Stato, ha detto che gli Usa sono "allarmati" per la situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    23 Marzo 2011 - 22:10

    avevano gia' da tempo intuito che la Siria si stava ribellando e hanno mandato le navi da guerra. Solo Israele aveva protestato.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    23 Marzo 2011 - 20:08

    Altro bel posticino dove il potere si tramanda di padre in figlio, anche qui affarucci di tribù

    Report

    Rispondi

blog