Cerca

Egitto: arresti domiciliari per i Mubarak

Misura disposta dalla giunta militare, insediatasi durante le sommosse dello scorso febbraio

Egitto: arresti domiciliari per i Mubarak
La giunta militare egiziana ha posto agli arresti domiciliari l'ex presidente Hosni Mubarak e tutta la sua famiglia. Mubarak si trova nella sua villa di Sharm el Sheik da metà febbraio, dopo cioè le dimissioni in seguito alle sommosse popolari che hanno portato alla fine del suo regime trentennale. L'annuncio ufficiale con cui il presidente rassegnò il mandato giunse l'11 febbraio.

La notizia della misura dei domiciliari è stata confermata da
l Supremo consiglio delle forze armate egiziane, al potere nel paese.Vengono smentite dunque le voci, diffuse da alcuni organi di stampa, secondo cui l'ex presidente sarebbe fuggito in Arabia Saudita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    28 Marzo 2011 - 18:06

    Un provvedimento della Giunta militare egiziana che mi lascia molto perplesso, perchè sono gli stessi personaggi che s'inchinavano a Mubarrak sino a qualche settimana fa. E' cgiaro che se Mubarak si è appropiato di beni dello STato devi restituirli, ma sul suo operare come presidente dell'Egitto non va sicuramente processato. Per trent'anni, non parlo dei militari che adesso decidono i suoi arresti domiciliari, l'Occidente , secondo me, giustamente, ha provveduto a presentarlo come statista moderato, adesso non vorrei che per Mubarak si prospetti un processo. Del resto l'Occidente deve essere coerente: o si tratta e dialoga con gli STati denocratici, oppure non si pouò arrivare dopo trent'anni a scoprire i regimi dittariali o autoritari. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog