Cerca

Libia, i ribelli propongono una tregua Berlino preme: soluzione diplomatica

Bengasi: "Pronti al cessate il fuoco se Raìs accetta esilio". Scontri tra lealisti e insorti a Brega. Cina sta con Germania

Libia, i ribelli propongono una tregua Berlino preme: soluzione diplomatica
Muammar Gheddafi non si difende ma rilancia. Le forze fedeli al Colonnello hanno sferrato un attacco contro la città di Misurata con carri armati, mortai e lanciarazzi. Secondo il portavoce degli insorti, gli uomini del Raìs sono nel centro di Misurata ed attaccano case e negozi. "Usano carri armati, lanciarazzi, mortai, ed vari tipi di proiettili per colpire la città - ha detto per telefono il portavoce di nome Sami - Il posto è già irriconoscibile, non si può descrivere la distruzione".

SCONTRI A BREGA - Lo spargimento di sangue continua anche a Brega. Nel quattordicesimo giorno dell'operazione che da giovedì, con il passaggio al comando Nato, ha preso il nome di Unified Protector, il nodo strategico è il porto petrolifero. Dopo l'annuncio di giovedì 31 marzo di una riconquista della città da parte del regime, venerdì  mattina gli scontri fra le truppe di Gheddafi e gli insorti si sono riaccesi. Lo riferisce l’inviato della Bbc a Bengasi, sede del Consiglio nazionale transitorio, organo rappresentantivo dei ribelli. Gli insorti si trovano a combattere con un esercito, quello di Tripoli, meglio organizzato e con una potenza di fuoco superiore. Impari il tentativo di disciplinare le forze inviate dal governo libico, mentre per cause meteorologiche negli ultimi giorni sono diminuiti i raid della coalizione internazionale. Inoltre, una fonte medica ha dichiarato alla Bbc che un attacco delle forze della coalizione a 15 chilomentri da Brega haprovocato almeno sette vittime fra i civili e 25 feriti. Il raid avrebbe avuto come obbiettivo i trasporti di munizioni dei lealisti, ma avrebbe avuto come conseguenza collaterale la distruzione di due abitazioni. 

PROPOSTE DI TREGUA -
Viste le difficoltà a far fronte alla controffensiva del Raìs ed i dubbi della coalizione internazionale sull'invio di armi, i ribelli avrebbero deciso di tentare una nuova via, quella della mediazione. In una conferenza stampa a Bengasi gli insorti si sarebbero manifestati disponibili a un "cessate il fuoco", a patto che il Collonnello valuti la possibilità di un esilio per sè e la sua famiglia. "Siamo a favore di una tregua - ha dichiarato Mustafa Abdel Jalil, presidente del Consiglio Nazionale Transitorio che governa le aree liberate -. A condizione che i nostri fratelli in Cirenaica godano di piena libertà di espressione".

LA LINEA DI BERLINO - La Germania si è nuovamente detta contraria a una risoluzione militare della crisi libica. Lo ha fatto per voce del suo ministro degli Esteri, Guido Westerwelle, in visita ufficiale a Pechino. Conforme anche l'opinione della Cina, favorevole a un più deciso intervento politico. "La situazione libica non può essere risolta con mezzi militari": Westerwelle conferma la linea non interventista della Germania della cancelliera Angela Merkel. Le dichiarazioni del ministro arrivano dopo l'incontro di questa mattina con l'omologo cinese Yang Jiechi a Pechino. Durante la sua visita, Westerwelle ha rinnovato l'invito al leader libico Gheddafi a rispettare il cessate il fuoco. "Si puo' avere solo una soluzione politica e noi dobbiamo mettere in piedi un processo politico. Questo dovrà iniziare con un cessate il fuoco rispettato dal Raìs". Identiche le posizioni del governo di Pechino: "La questione deve essere gestita con adeguati mezzi diplomatici e politici. In qualità di membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, la Cina continuerà ad agire in una maniera responsabile in questo processo", queste le dichiarazioni del ministro degli Esteri Yang Jiechi. Sia la Germania sia la Cina si erano astenute durante il voto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite sulla risoluzione che ha autorizzato l'imposizione di una no-fly zone sopra la Libia. Entrambi i Paesi hanno inoltre richiesto il ritiro delle forze pro-Gheddafi dai centri abitati. La Cina sostiene inoltre che gli attacchi aerei delle forze della Nato vadano oltre gli obiettivi fissati nella risoluzione dell'Onu.

IL REGIME PERDE I PEZZI - Gheddafi, come detto, continua a non volersi piegare al cessate il fuoco. Anzi, il Colonnello minaccia ed effettua rappresaglie, si impegna in quella che ha definito la "crociata contro l'Occidente" e massacra i ribelli. Le violenze, però cominciano ad assumere le fattezze dell'ultimo colpo di coda di un regime che, per dirla con le parole del portavoce della Casa Bianca, si sta disgregando. Prima la defezione del ministero degli Esteri, Moussa Koussa, poi l'abbandono di Ali Abdussalem Treki, altro esponente della cerchia dei fedelissimi del Colonnello, predecessore di Kussa al ministero degli Esteri, e che avrebbe dovuto insediarsi come ambasciatore all'Onu. Treki ha rinunciato ad assumere il posto, e anzi si è speso in una ferma condanna contro "lo spargimento di sangue nel mio Paese".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    02 Aprile 2011 - 10:10

    sono pessimista perchè la trattativa, ora, parte molto in salita. Prima potevamo minacciare Gheddafi & Co di usare la forza se non avessero ceduto alla ragione, ed il ricordo di Saddam era un grosso monito. Ora le armi le abbiamo usate, senza concluder nulla: quindi una trattativa con la coalizione vede Gheddafi in posizione di assoluto vantaggio. La faccenda, temo, a questo punto è risolubile solo con una trattativa tra libici, interna, ma non vedo un motivo al mondo per cui Gheddafi (e le forze tribali che lo sostengono, e questo è il peggio), oggettivamente vincitore, si accomodi alla porta. Gheddafi e famiglia possono anche apprezzare un esilio dorato, senz' altro. Ma le forze che stanno dalla sua parte accetteranno di esser, sostanzialmente, alla mercè dei nemici ? Gheddafi salva la pelle, e se ne va. Ma i suoi, chi lo ha appoggiato e lo appoggia (ed usa le armi) resta in Libia ... Orribile pasticcio, temo:"è peggio di un crimine, è un errore" disse Fouchet (1804)

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    02 Aprile 2011 - 10:10

    Addio risparmi. Fino all'altro giorno L'Italia cercava di tagliare le spese di bilancio cercando nuove strade per risparmiare. Tutto é stato cancellato da questa guerra contro un Gheddafi che, prima di essere bombardato, era un nemico per gli islamisti libici . Risultato molto probabile : stiamo armando Al Qaeda. Qui in Italia per fortuna la nostra elite ha smesso di volerci dare ad intendere che siamo in guerra per ragioni umanitarie . Ci sta ancora provando inutilmente Obama negli Stati Uniti ma anche là non ci cascano.E' vero che il ricordo dell'attacco terroristico del 1988 al volo pan am é ancora vivo ma la maggioranza del popolo americano ritiene che Obama avrebbe dovuto chiedere per lo meno l'autorizzazione al congresso prima di partire lancia in resta per una guerra sempre più impopolare.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    02 Aprile 2011 - 07:07

    L' unica soluzione è una trattativa che lasci Gheddafi e famiglia liberi con i beni accumulati in questi anni. I ribelli non conquisteranno mai tutta la Libia, se riescono a scacciare o ad uccidere Gheddafi la Libia si spacca ed entra in guerra civile come l' Afganistan. I tedeschi e i cinesi che avevano grossi interessi lì come noi italiani questo lo avevano capito dall' inizio, anche quando il mondo lamentava le vittime civili, che in trentotto anni di regime ci sono sempre state. Speriamo che si riesca a creare una pace di compromesso che accontenti tutte le parti. La pace, oggi, è ancora a portata di mano.

    Report

    Rispondi

  • brunero48

    02 Aprile 2011 - 00:12

    ancora una volta si dimostra che la sola guerra aerea non è in grado di portare alla vittoria. Gli insorti possono contare sull'appoggio aereo della NATO ma Ghedaffi, nonostante importanti defezioni del suo vertice, gode ancora di appoggi che gli consentono di resistere.E più passa il tempo più aumenterà la popolarità di un leader in grado di sfidare il mondo e resistere. Perciò per abbatterlo occorre andare là sul terreno e combattere. Non credo che gli USA, la Gran Bretagna e la Francia intendano impelagarsi in una avventura del genere che tra l'altro viene disapprovata da altri grandi potente quali Germania, Russia e Cina. E direi anche Italia. A questo punto invece inserirei il nostro Paese come valido intermediario per gestire un cessate il fuoco e trattare la coesistenza di governi dello Stato Libico sulle posizioni acquisite.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog