Cerca

Siria in piazza: dieci morti fuori dalle moschee

Agguato dei lealisti del presidente Assad contro gli anti-regime, vittime a Damasco. Anche i curdi protestano

Siria in piazza: dieci morti fuori dalle moschee
Dieci persone e decine di arresti. In Siria si accende ancora di più la protesta anti-regime e la conseguente repressione da parte del governo di Damasco. Ad aggiungere benzina all'incendio, anche la movimentazione dei curdi nelle regioni del Nord Est, che per la prima volta sono scesi in piazza gridando slogan per la libertà. Nel resto del paese, gli ormai consueti scontri tra protestanti e forze di sicurezza, spesso in borghese. Nella capitale Damasco, il centro è stato 'blindato' da squadre di giovani, armati di manganelli, e manipoli di lealisti del presidente Bashar al Assad, al potere da 11 anni, a presiedere la piazza antistante alla Grande Moschea degli Omayyadi. Una volta terminata la preghiera attorno alle 13, centinaia di fedeli all'interno della Grande Moschea hanno cominciato a scandire slogan in ricordo "dei martiri uccisi dal regime criminale". Immediata la chiusura della Moschea da parte degli agenti, che hanno così bloccato gli oppositori al regime che sono stati fatti uscire a piccoli gruppi. Stesse tecniche in varie moschee della periferia, con i giovani protestanti arrestati e picchiati. A Duma, quartiere alla periferia nord-orientale, sono rimasti uccise diverse persone (almeno quattro, secondo alcune fonti dieci) sotto i proiettili degli agenti anti-sommossa.
Agitazioni anche a Daraa (centro nevralgico delle proteste nelle scorse settimane) e ancora Latakia, Qamishli, Amuda, Tall Amar, Ras al Ayn, tutte località della provincia a maggioranza curda al confine con Iraq e Turchia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    01 Aprile 2011 - 22:10

    Da quello che sta avvenendo in Siria risulta chiarissimo che sono coinvolte le moschee, di conseguenza i fondamentalisti che sicuramente fanno capo ai fratelli musulmani e all'Iran. Facendo due più due si può dedurre che tutte queste manifestazioni e ribellioni nelle varie nazioni arabe siano fomentate dai fondamentalisti guidati dall'Iran. Di conseguenza l'aiuto dato dall'occidente ai ribelli della Libia puzza fin dalle radici di fondamentalismo. Era per questo che era meglio tenersi Gheddafi che fare cambi di regime pericolosi. L'idiozia dell'occidente ormai non ha più limiti. I politici occidentali considerano democrazia, libertà e laicismo tutte le rivolte islamiche, in pratica continuano a ragionare in base alla nostra cultura occidentale scambiando la cultura islamica aderente alla nostra, mentre da sempre in quei luoghi prevale il fondamentalismo e la rivolta contro tutto ciò che si discosta da esso sia pure entro certi limiti. SVEGLIA OCCIDENTE!

    Report

    Rispondi

blog