Cerca

Rogo del Corano, 9 morti e 81 feriti in Afghanistan

A Kandahar proteste e incidenti dopo la provazione del reverendo americano Jones. Assalto a sede Onu: 27 arresti / VIDEO

Rogo del Corano, 9 morti e 81 feriti in Afghanistan
Nove morti e 81 feriti: è il bilancio degli scontri a Kandahar, nel Sud dell'Afghanistan, dove oltre un migliaio di persone è sceso in piazza al grido di "Morte all'America" e "Morte a Hamid Karzai" per protestare contro il recente rogo di una copia del Corano negli Stati Uniti, organizzata dal reverendo Jones in Florida, all'indomani dell'attacco contro l'ufficio dell'Onu a Mazar-i-Sharif. Secondo i testimoni, i poliziotti hanno sparato in aria per impedire ad un gruppo di manifestanti di unirsi al corteo principale. In città si sentono ancora colpi di arma da fuoco, i manifestanti si sono divisi in piccoli gruppi.


DISEGNO TALEBANO - Secondo un portavoce del governatore della Provincia, Zalman Ayoubi, dietro gli scontri ci sarebbero i talebani: "La dimostrazione di Kandahar è stata progettata dagli insorti per sfruttare la situazione e creare instabilità".  Nel frattempo sono state arrestate 27 persone per l'assalto all'ufficio Onu nella provincia di Balkh, nel Nord, in cui hanno perso la vita 12 persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    04 Aprile 2011 - 17:05

    Le persone devono essere rispettate, le credenze no. Le credenze devono essere scrutate e se le troviamo sbagliate, devono essere abbandonate. Alcune credenze sono malvagie. E' assurdo rispettarle solo perché qualcuno potrebbe offendersi. Se le persone sono offese dalla verità, allora lasciamo che si offendano. La verità deve essere detta che agli amanti delle bugie piaccia o no.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    04 Aprile 2011 - 17:05

    Ce ne fossero di Jones in giro! E' una delle rare mosche bianche che ha avuto il coraggio di dire pane al pane e vino al vino, tutti gli altri sono solo degli ipocriti, dei cacasotto o degli opportunisti. Ecco cosa dice un ex musulmano iraniano (Alì Sina) a proposito delle religioni e delle fedi. " Nella mia scuola di pensiero, le credenze non meritano alcun rispetto. Devono essere confrontate, scrutate e se troviamo falsità, criticarle e rigettarle. Sono le persone che devono essere rispettate. Io rispetterei i diritti di un nazista ma parlerei apertamente contro la sua dottrina di odio. Rispetto i diritti dei Musulmani di credere nella loro dottrina di odio che ha richiesto la mia morte, ma non posso rispettare la loro religione che non rispetta nulla, nemmeno la vita umana. La combatterò finché non sarà distrutta."

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    04 Aprile 2011 - 10:10

    visto che bruciano e distruggono le chiese e uccidono migliaia di cristiani ?

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    03 Aprile 2011 - 12:12

    Perchè tutta l'America deve piangere delle vittime innocenti per colpa di uno squilibrato a dir poco? Hanno assaltato il palazzo dell'Onu e ammazzato 11 dipendenti di cui tre decapitati secondo notizie dell'ultima ora. E' questo che voleva questo demente? Consegnatelo agli Afghani prima che compiano una strage oppure ammazzatelo voi Americani; non si scherza con la loro religione e, si sa bene, le guerre per motivi religiosi sono le peggiori!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog