Cerca

Obama si ricandida Ma Ahmadinejad: "E' peggio di Bush"

Stati Uniti, presidenziali 2012: Barack agli elettori con un video: "Ho bisogno di te". Replica l'Iran: "Bugiardo e assassino"

Obama si ricandida Ma Ahmadinejad: "E' peggio di Bush"
Barack Obama ci riproverà. La notizia era nell'aria, e non sorprende più di tanto, anche se nei mesi passati si era più volte discusso di un'incredibile ipotesi: l'attuale presidente degli Stati Uniti avrebbe potuto non ricandidarsi per il secondo mandato. "It begins with us", ovvero "tutto comincia da voi": questo lo slogan con cui l'inquilino della Casa Bianca ha aperto la campagna elettorale in vista delle presidenziali del 2012. Un messaggio via sms e un video trasmesso via e-mail, facebook e altri social network per annunciare la sua ricandidatura. "Oggi - dice - stiamo riempiendo i moduli per lanciare la nostra campagna 2012. Lo facciamo ora perché la politica in cui crediamo non comincia con costosi spot pubblicitari in tv o in modo estravagante, ma con te, con la gente capace di organizzarsi quartiere per quartiere, tra colleghi di lavoro e tra amici. E ci vuole tempo per costruire un campagna di questo tipo". "Per questo - prosegue - anche se sono concentrato sul lavoro per cui sono stato eletto e la corsa alle presidenziali entrerà a pieno regime solo tra un anno, il lavoro di mettere le fondamenta deve cominciare oggi".

IL MESSAGGIO AGLI ELETTORI
- Una modalità comunicativa che richiama alla mente quella sfruttata nella campagna per le precedenti presidenziali, tanto per capirsi quella dello slogan "Yes, we can", il "si può fare" di veltroniana memoria. "Abbiamo sempre saputo che i cambiamenti destinati a durare nel tempo non arrivano in modo rapido nè facile - aggiunge -. Non è mai stato così. Ma mentre la mia amministrazione, così come molte altre persone nel Paese, lottano per proteggere i progressi ottenuti e raggiungerne altri, abbiamo bisogno di mobilitarci per il 2012 molto prima che io cominci a far campagna elettorale". Nel suo messaggio, Obama precisa di voler cominciare «qualcosa che non ha precedenti" in termini di campagna elettorale: avviare «una conversazione ad uno ad uno con e tra ogni singolo elettore. Ho bisogno di te - conclude - per definire il nostro progetto, mentre diamo vita a una campagna che è molto più focalizzata e innovativa di qualunque altra abbiamo mai costruito in precedenza".

CORSA DIFFICILE - Barack Obama torna così alla carica per la presidenza degli Stati Uniti, ma la sua corsa non sarà semplice. Il termometro della popolarità di Obama è in lieve rialzo, ma deve riuscire a distanziarsi cospicuamente dai picchi negativi di impopolarità che aveva raggiunto, testimoniati dalla clamorosa debacle delle elezioni di mid-term dello scorso novembre. Per questo ha anticipato i tempi. Negli Stati Uniti, inoltre, rimane alta l'attrazione esercitata dai cosiddetti Tea Party, il movimento ultraconservatore che facendo leva sugli errori di Obama - e cavalcando la campagna contro la riforma sanitaria - gode oggi di un ampio seguito.

LA MINACCIA - Gli "slogan di cambiamento" con cui Barack Obama è stato eletto presidente degli Usa erano solo un "inganno" e quando se ne andrà dalla Casa Bianca "lascerà una macchia ancora più nera del suo predecessore", George W. Bush, nella storia degli Stati Uniti. Parola del leader iraniano Mahmud Ahmadinejad. Il governo di Washington «deve aspettarsi lo stesso destino riservato a quello precedente, che era odiato dalla popolazione di tutto il mondo», avverte il presidente dell'Iran. "Dietro la maschera degli slogan di cambiamento, si nascondono gli stessi ladri, assassini e colonialisti», dice Ahmadinejad, aggiungendo che l'obiettivo degli Stati Uniti nell'attuale situazione di crisi in diversi Paesi del Medio Oriente e del Nord Africa è solo quello di "sopprimere le sollevazioni popolari per sostenere il regime sionista", cioè Israele. Ma, continua il leader iraniano, "mentre la precedente amministrazione americana ricorreva apertamente all'aggressione, quella attuale si presenta con, in una mano, le armi e, nell'altra, l'inganno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marcoenrico

    05 Aprile 2011 - 08:08

    Ho sentito qualcosa di questa storia, che Barak Hussein Obama forse non è nato negli USA e che il medesimo non voglia far vedere il certificato di nascita originale (la legge USA permette solamente a chi è nato negli USA o nelle sue dipendenze di essere eletto presidente). In verità mi pare un falso-problema. Il peggior presidente USA di tutti i tempi risulta essere nato ad Honolulu il 4 agosto 1961 in un ospedale pediatrico (No, non psichiatrico - pediatrico). Non è forse possibile a qualche solerte giornalista recarsi presso l'ospedale, presso l'anagrafe locale e presso la moschea di Honolulu per verificare rispettivamente quando è nato, quando è stato registrato e quando è stato cisconciso? C'é forse qualche legge sulla privacy che vieta ciò negli USA? Però quando si tratta di politici Repubblicani si pubblica quanlunque cosa. E poi il fatto che lo studente a vita che risulta essere suo padre non era Statunitense ma Keniota, ciò non comporta problemi? Vedremo.

    Report

    Rispondi

  • autores

    04 Aprile 2011 - 21:09

    non c'e' proprio tutta questa grande volonta' di cambiare l'Iran. La verita' e' che l'Iran piace com'e' da sempre. L'Opposizione e' Islamista e lo dichiara. La loro vita viene fondata in tale modo. E' la Palestina desiderosa di ottenere l'Alleanza degli U.S.A e io non vedo l'ora di vedere questa GRANDE Palestina con alleato gli U.S.A.

    Report

    Rispondi

  • faniarte

    04 Aprile 2011 - 17:05

    Donald Trump continua ad attaccare quello che potrebbe essere il suo avversario nelle presidenziali del 2012: il presidente Barack Obama. Intervistato nel famoso talk show di Bill O'Reilly, Trump ha insistito sui dubbi che nascono dal fatto che il Presidente Barack Obama non vuole mostrare il certificato originale di nascita, un documento fondamentale per gli americani, aggiungendo che se davvero Barack Obama non fosse nato negli Stati Uniti si tratterebbe della più grande truffa mai vista. Ma cosa più interessante Trump si è chiesto perchè Obama non vuole mostrare il certificato: forse perché contiene qualcosa che lo riguarda che non vuole rendere pubblico? Ad esempio l'indicazione sulla sua religione alla nascita? Se davvero Trump si presenterà alle presidenziali la situazione diventerà incandescente.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    04 Aprile 2011 - 17:05

    non credo proprio che vinca!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog