Cerca

Abidjan: bombe Onu convincono Gbagbo alla resa

Il presidente della Costa d'Avorio lascia la poltrona al suo successore Ouattara ma vuole immunità per sè e familiari

Abidjan: bombe Onu convincono Gbagbo alla resa
Ha ceduto Laurent Gbagbo, presidente uscente della Costa d'Avorio che sembrava faticare a lasciare la poltrona. Il suo attaccamento era sfociato in una vera e propria guerra civile, con i sostenitori del nuovo presidente eletto, Alassane Ouattara, vittime di persecuzioni ed omicidi politici. Questa mattina, dopo l'abbandono di Gbagbo sul fronte diplomatico, il premier francese Sarkozy aveva deciso insieme all'Onu per un intervento militare in terra ivoriana. I bombardamenti avrebbero persuaso il presidente a lasciare.

GBAGBO PRONTO A LASCIARE - Laurent Gbagbo si sarebbe "arreso" chiedendo al contempo la "protezione dell’Unoci", la Missione delle Nazioni Unite in Costa d’Avorio: è quanto risulta da un documento riservatissimo, circolato negli ambienti dell’Onu ad Abidjan. Al momento mancano peraltro conferme ufficiali, anche se si sa che lo stesso Gbagbo sta trattando le condizioni della propria uscita di scena, così come l’immunità per sè, i familiari e i collaboratori più stretti.

BOMBE FRANCESI SU ABIDJAN - A convincere Gbagbo a far posto al suo successore Ouattara è stata la missione militare iniziata questa mattina in Costa d'Avorio. L'obiettivo della missione, targata Onu ma sostanzialmente di marca transalpina, erano proprio le truppe fedeli al governo uscente. L'Eliseo ha precisato di essere intervenuto su richiesta del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Il contingente francese nell'ex colonia conta su 1.650 uomini, il grosso delle due missioni impegnate nel Paese, Onuci e Liocorno. Fino ad ora, le forze di Parigi erano state per lo più impegnate nel proteggere i cittadini francesi presenti in Costa d'Avorio. Gli "elicotteri dell'Onuci hanno lanciato missili sui campi militari di Agban e Akouedo (basi dei sostenitori di Gbagbo) oltre che contro il palazzo e la residenza presidenziale" ad Abidjan, ha dichiarato il portavoce della missione dell'Onu in Costa D'Avorio, Hamadoun Tourè. "Abbiamo agito - spiega - in collaborazione con la forza francese 'Liocorno', in conformità con il nostro mandato e la risoluzione 1975" dell'Onu. Ad Abidjan anche questa mattina si sono uditi colpi di artiglieria pesante".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • migpao

    05 Aprile 2011 - 21:09

    e adesso che hanno la democrazia cosa ne faranno? me la vedo, tenere "democraticamente" a bada le 6 o 7 etnie che si ritrovano...

    Report

    Rispondi

  • Cesare Infedele

    05 Aprile 2011 - 19:07

    Ma non hanno capito che le loro ex colonie le debbono lasciare in pace a gestire da sole il loro futuro. I Francesi ancora credono di essere padroni del destino di popoli di mezzo mondo. Basta!!! Fatevi gli affari vostri e lasciate scegliere a ognuno il loro destino. L'era del colonialismo alla francese è finito. De Gaulle, durante la sua visita in Canada, strillò da un balcone: Quebec libero. Non riesco a capire come a Dakar ci sia un viale dedicato al generale Federbe che ha messo a ferro e a fuoco tutta l'aerea dal Senegal al Mali. Ma loro sono stati e lo sono ancora "colonialisti" buoni...non come gli Italiani, buoni per prendersi tutte le materie prime. Ma che ci stanno a fare militari francesi in Burkina Faso? O in Mali a Sevaré? A far rispettare la democrazia...si delle materie prime, e guai a chi ce le tocca.

    Report

    Rispondi

  • cinif

    05 Aprile 2011 - 16:04

    Il Sarko fa quello che gli dice Obama

    Report

    Rispondi

  • libero14

    05 Aprile 2011 - 16:04

    C'è mai stato in Costa d'Avorio? Se sì, dove, quando e per quanto tempo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog