Cerca

Costa d'Avorio, Sarkò richiama l'esercito

Con l'arresto dell'ex presidente Gbagbo, i francesi se ne vanno. Ma nel Paese è ancora caos

Costa d'Avorio, Sarkò richiama l'esercito
Con l'arresto Laurent Gbagbo, la Francia ritira le truppe dalla Costa d'Avorio. Il primo ministro francese, Francois Fillon, ha annunciato il dietrofront delle forze militari d'Oltralpe, stanziate nell'ex colonia dal 2002, "ora che sarà instaurata la democrazia". Si tratta di circa 1.700 soldati impegnati nella cosiddetta operazione Licorne. Lo sgombero avverrà "non appena la sicurezza sarà sufficiente", ma nel Paese la situazione è tutt'altro che tranquilla e le fazioni opposte continuano a combattere. 

AIUTI FINANZIARI - Il ministro delle Finanze Lagarde ha annunciato, inoltre, lo stanziamento di un pacchetto di aiuti alla Costa d'Avorio, per un valore complessivo di 400 milioni di euro.  Soldi, che serviranno a finanziarie l’assistenza alla popolazione civile, il ripristino della normalità ad Abidjan, la riattivazione dei servizi pubblici essenzialie e, infine, a far ripartire l'economia e permettere all'ex colonia di fare fronte ai pagamenti arretrati destinati alle istituzioni internazionali.

NEL PAESE -
Nonostante l'arresto dell'ex presidente Laurent Gbagbo, la situazione in Costa d'Avorio non è delle più tranquille. La portavoce dell'Onu Ravina Shamdasani ha dato notizia di un numero imprecisato di fedelissimi all'ex presidente Gbagbo finiti agli arresti. "Non è chiaro dove siano stati portati e come vengano trattati - ha detto Shamdasani, aggiungendo che  - lo staff per i diritti umani ad Abidjan sta indagando sugli arresti e sta monitorando la situazione". Colpi d’arma da fuoco, inoltre, sono stati avvertiti nel quartiere di Yopougon, nelle cui strade circolano ancora "giovani patrioti" armati,vicini Gbagbo. Così come nel quartiere di Abobo, roccaforte di Ouattara,invece, imperversa ancora il cosiddetto commando invisibile. Anche ad
Abidjan continuano gli scontri fra i civili. Violente esplosioni e raffiche di mitragliatrici pesanti sono tornate a risuonare nelle due principali roccheforti di Gbagbo.   "Siamo di fronte a una situazione molto difficile, la città non è sotto il controllo nè delle forze di polizia nè della gendarmeria, per non parlare della confusione che regna nell’esercito - ha spiegato Boitini, vice-prefetto di polizia di Abidjan - Ci sono tante formazioni armate e miliziani sul terreno, ci vorrà tempo per far rientrare la situazione e io stesso non riesco a contattare molti commissariati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    13 Aprile 2011 - 10:10

    Ieri tutti i mezzi di comunicazione francesi non hanno fatto altro che vantare le gesta del governo in Costa D'Avorio.Celebrazioni di Napoleonino. Neanche una parola sugli sbarchi a Lampedusa. Il Cnrs ( centro ricerche statale) afferma che contrariamente a quello che lasciano credere le immagini di Lampedusa non c'è stato nessun arrivo massiccio. Intanto però hanno mandato in frontiera le squadre antisommossa. Un controsenso?

    Report

    Rispondi

  • roberto-1943

    12 Aprile 2011 - 20:08

    Come sempre la francia va in altri paesi da una mano a rovesciare i governi senza preoccuparsi di quello che succede dopo. Tanto per citarne alcuni : Indocina per prima ... e ora Costa d'Avorio, Tunisia, Egitto e per ultima la Libia. Quest'ultima aggredita con una guerra non dichiarata. Hanno ucciso più civili i caccia francesi in questa guerra che non Gheddafi in tutta la sua dittatura. Ma se " l'Italia aborre la guerra.." perchè stiamo spianando la via ai caccia bombardieri francesi che stanno bombardando la popolazione civile. E' come se anche noi li stessimo bombardando. Tutti noi sia di destra che di sinistra chiamavamo i Libici : fratelli. Ora stiamo tenendo bordone a Obama che è più guerrafondaio dei due Busch messi assieme e ci siamo fatti prendere la mano dal francese. Noi siamo conosciuti per essere quelli che non hanno mai iniziato e finito una guerra con gli stessi alleati. Ora abbiamo fatto di peggio abbiamo tradito quelli che fino a ieri chiamavamo fratelli.

    Report

    Rispondi

blog