Cerca

Siria, Assad revoca Stato d'emergenza Vince il popolo

Dopo 48 anni, a Damasco torna la libertà di protesta. Nella notte ancora scontri ad Homs: 4 morti e 25 feriti

Siria, Assad revoca Stato d'emergenza Vince il popolo
Dopo le due accese notti di Homs, in Siria, Bashar al-Assad ha revocato lo Stato d'emergenza, eliminato la Corte suprema per la sicurezza dello Sato e approvato una legge che autorizza le manifestazioni pacifiche.  Il vento di protesta contro il regime bathista incassa la prima vittoria, a un mese dall'inizio dei cortei e degli scontri tra civili e forze dell'ordine .

LE CONCESSIONI DI DAMASCO
- Bashar al-Assad ha mantenuto la promessa pronunciata sabato scorso, revocando lo Stato di emergenza, istituito nel 1963. Si tratta di una legge che limitava le libertà pubbliche, imponendo restrizioni alle riunioni e agli spostamenti e che permetteva l'arresto "facile" di persone sospette, proibendo di fatto qualsiasi manifestazione di dissenso.  Abolita anche la Corte suprema per la sicurezza, il tribunale usato per processare gli oppositori politici del regime. Revoche, queste, che rispondono al tentativo del governo di andare incontro alle richieste dei cittadini, che da settimane invadono le piazze del Paese chiedendo riforme in senso democratico e maggiori libertà. 

LE NOTTI DI HOMS - Le concessioni governative giungono dopo due successive notti di fuoco a Homs. Il  bilancio delle vittime è di almeno 4 morti e 25 feriti, dovuti ai colpi di arma da fuoco sparati dalle forze anti-sommossa siriane contro i manifestanti. In piazza sono scese circa 20 mila persone, accampate nel centro di Homs per protestare contro il regime del presidente Bashar al-Assad.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • noncirestachepiangere

    21 Aprile 2011 - 15:03

    Vince il popolo o vincono i fondamentalisti islamici anche qui????

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    20 Aprile 2011 - 23:11

    Ci vogliono riforme economiche e sociali serie per portare questo paese nella stabilità. L' abolizione dello stato di emergenza è stata seguita dall' approvazione di una legge che limita di molto il diritto di manifestare. Devono cercare di riformare lo stato rendendolo moderno e funzionale alla modernità dei giovani. La Siria non ha una economia privata molto forte e lo statalismo dirigista ingessa il paese e lo rende economicamente povero. Servono serie riforme e non queste cose fatte sotto la spinta delle proteste popolari. Spero che questo regime riesca ad evolvere in un sistema quanto più possibile democratico.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    19 Aprile 2011 - 19:07

    ... il gemello di Fabio Fazio

    Report

    Rispondi

blog