Cerca

Libia, uccisi due fotoreporter a Misurata

Hondros e Hetherington sono stati feriti a morte da un colpo di mortaio. Italia, Francia e Gb pronte a inviare istruttori agli insorti

Libia, uccisi due fotoreporter a Misurata
Due giornalisti sono rimasti uccisi e altri due feriti a Misurata. Sono i fotoreporter Chris Hondros e Tim Hetherington. Nel frattempo, spinta dall'aggravarsi dei conflitti, l'Europa cerca una posizione comune sull'invio di addestratori ai ribelli. L'Italia dovrebbe mandare dieci istruttori militari agli insorti libici, così come faranno Gran Bretagna e Francia. Un aiuto che però non pare gradito: il ministro degli Esteri di Tripoli, Abdul Ati al-Obeidi, ha criticato l’iniziativa congiunta di Parigi e Londra, affermando che la  mossa mette a rischio ogni possibilità di arrivare alla pace. Per  al-Obeidi, si rischia di andare verso un “prolungamento” dei combattimenti e le posizioni di Italia, Francia e Regno Unito, sottolinea, “non aiutano”.

UCCISI DUE GIORNALISTI A MISURATA- Chris Hondros e Tim Hetherington sono morti nell’esplosione di un colpo di mortaio lungo la via Tripoli, arteria principale di Misurata, città in mano ai ribelli sotto l’assedio delle truppe leali a Gheddafi. In un primo momento si era diffusa la notizia di una sola vittima, Hondros appunto, 41 anni, fotogiornalista dell’agenzia Getty e finalista per l’edizione 2004 del premio Pulitzer. Ma l’Huffington Post ha accertato che uno dei due feriti, Andre Liohn, ha scritto sulla sua pagina di Facebook che nell’esplosione è rimasto ucciso anche Tim Hetherington, regista con una nomination all’Oscar, oltre che noto fotogiornalista di Vanity Fair. Hetherington, 41 anni, nato a Liverpool, girò lo scorso anno insieme a Sebastian Junger la pellicola sull'Afghanistan "Restrepo", che si aggiudicò il premio per il miglior film-documentario al Sundance film festival.

ADDESTRATORI AI RIBELLI - Dieci istruttori militari italiani saranno inviati in Libia: a darne l’annuncio è il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, al termine dell’incontro con il suo omologo britannico Liam Fox. "Il numero dei nostri addestratori - ha sottolineato il ministro La Russa - è pari a quello garantito dal governo britannico". Anche la Francia ha intenzione di inviare un piccolo gruppo di esperti militari, la cui assistenza sarà mirata soprattutto sui metodi per difendere i civili.

JALIL IN FRANCIA - Il tour europeo del presidente del Cnt libico, Mustafa Abdel Jalil, ha fatto tappa in Francia, dove ha ottenuto dal presidente, Nicolas Sarkozy, la promessa di intensificare i raid aerei contro l'esercito su Gheddafi. Jalil in cambio si impegna a creare nel Paese nord-africano una democrazia autentica nella quale, ha sottolineato, il capo dello Stato salga al potere "attraverso le urne, e non in cima alla torretta di un carro armato". I governi di Francia e Italia, insieme a quello del Qatar, sono gli unici ad aver finora riconosciuto a tutti gli effetti gli insorti quali unici e legittimi rappresentanti del popolo libico.

GRANATE IN TUNISIA -
E'allarme in Tunisia, in particolare nella zona di confine con la Libia, per la caduta di tre granate sparate dal territorio libico. Secondo quanto riporta l’agenzia tunisina Tap, i tre ordigni hanno colpito lunedì mattina una zona disabitata che dista però solo poche centinaia di metri dal valico di frontiera di Lamlas, nella provincia di Tataouine. Dopo più di mezz'ora un quarto proiettile ha colpito invece una zona che dista mezzo chilometri dal confine con la Libia. Non si sono registrati feriti, ma le autorità tunisine ritengono che l’arrivo di granate sul proprio territorio sia la consegujenza degli scontri in corso tra le brigate di Muammar Gheddafi e i ribelli libici nella vicina area di Nalout.







Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocambole

    20 Aprile 2011 - 23:11

    Mandare addestratori per i ribelli è una mossa da idioti. Ma è mai possibile che ci sia in Italia sempre la feroce determinazione di non combinarne mai una giusta? Ma che ce frega a noi dei ribelli? Fino a prova contraria Gheddafi è il legittimo capo di stato in Libia e i ribelli sono appunto....ribelli all'ordine costituito e aiutarli è cosa da imbecilli.

    Report

    Rispondi

  • liberocomment

    20 Aprile 2011 - 22:10

    Ci mancavano solo gli addestratori per dichiarare apertamente al mondo che, in barba alla risoluzione onu, anche noi ci schieriamo con i ribelli e non con il popolo libico (che certo non e' tutto ribelle...) Sono sempre piu' convinto che in questo contesto il governo, che ho sempre appoggiato in tutto fino alla guerra in Libia, sbagli tutto. Soprattutto insiste ad ignorare che il popolo del centrodestra sta dalla parte opposta e ribolle nel vedere le scelte dei vari Frattini o Larussa di turno. Una forte punizione nelle prossime elezioni e' quanto ci vuole per mandare loro un messaggio chiaro sul fatto che non si puo' ignorare la posizione dei propri elettori. Prevedo una sonora sconfitta, con buona pace del Cavaliere che non e' intervenuto per nulla.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    20 Aprile 2011 - 19:07

    Mandiamo addestratori in Libia a fare cosa? Gheddafi con le sue milizie è una nostra creatura, i suoi mezzi di terra sono tutti made in Italy, cosa faranno i nostri soldati? Ricordo che nel Vietnam iniziò con l' invio di addestratori e terminò con un' ecatombe per il Vietnam e miglia di morti ,dispersi per gli USA. Quella di Libia è una guerra tribale che potrebbe costarci molto anche in termini di sicurezza interna, con attentati e la bomba più pericolosa dei detenuti libici lasciati liberi di espatriare.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    20 Aprile 2011 - 18:06

    ma cosa mandi a fare degli istruttori in libia vuoi far contenti francesi e inglesi? Sappi che non farai mai parte della torta che si spartiscono quei due.Lascia i soldati a casa, così niente funerali di stato. Siamo proprio un popolo senza dignità. Caro la russa ti credevo migliore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog