Cerca

Obama, lacrime e sangue: "Conti Usa insostenibili"

Barack lancia l'allarme via Facebook: "Tagli alla spesa pubblica e più tasse, altrimenti sarà recessione". Dopo S&P's, altro sos

11
Obama, lacrime e sangue: "Conti Usa insostenibili"
"I conti Usa sono al collasso, dovremo pagare più tasse". Il sogno americano di Barack Obama è finito. L'uomo in cui speravano i progressisti di mezzo mondo in poco più di due anni ha già assaggiato la durezza della realtà. L'ultimo colpo al potere dello "Yes, we can" è arrivato via Facebook, il social network attraverso cui il presidente ha risposto alle domande degli utenti, ospitato dal guru Mark Zuckerberg. "Sia io che te - ha detto il presidente rivolgendosi al padrone di casa - dobbiamo prepararci a pagare più tasse. Lo so che per te non è un problema". Alla fine del 2012, dunque, addio agli sgravi fiscali per i più ricchi anche perché, come ammmesso dallo stesso Obama, la situazione dei conti pubblici americani "è insostenibile". A pesare soprattutto la crisi del mercato immobiliare, definito un "zavorra". Bisogna risollevarlo perché così "la gente avrà più fiducia, spenderà di più e sarà assunta con un generale miglioramento dell'economia".

RISCHIO RECESSIONE - L'allarme, come anticipato dall'agenzia di rating Standard and Poor's, è imminente. "Ci troviamo in un momento critico, in cui dobbiamo prendere decisioni", ha spiegato Obama su Facebook. E la decisione è già stata presa: tagliare la spesa, "con lo scalpello, non con il machete". "Se tutto quello che facciamo è tagliare le spese senza fare discriminazioni, tagliamo anche le risorse che creano occupazione e allora il nostro deficit peggiorerà perché potremmo scivolare in una nuova recessione".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    21 Aprile 2011 - 14:02

    sono molti di più i post che svaniscono di quelli che escono. Per conto mio ne prendo atto.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    21 Aprile 2011 - 13:01

    Non pensi di non aver avuto risposte. Il plagosus Orbilius ne ha cassate sei. Complimenti: una citazione latina e tre errori; quando uno vuole strafare! Le avevo proposto uno un po' più vicino a noi di Licurgo: tale Rawls, ma è una lotta vana (la mia)

    Report

    Rispondi

  • bepper

    21 Aprile 2011 - 12:12

    La riforma della sanità non è ancora attiva, quindi non produce deficit, anzi serve a ridurre l'indebitamento privato e la spesa verrà monitorata anno per anno proprio in virtù dei vicoli di bilancio pubblico. Gli Usa spendono per la "difesa" la cifra iperbolica di 750 mld di dollari, a questa si assommano le spese dei molteplici servizi non rendicontati nel budget. Le spese militari non alimentano il volano dell'economia perché sono spese a vicolo cieco, non incrementano la ricchezza nazionale ma solo quella dei produttori di armi, salvo la porzione che va all'esportazione. Il budget della difesa è il più alto dalla seconda guerra mondiale, guerra fredda inclusa. L'intero comparto non riesce ad essere finanziato dal tesoro, ma oramai la lobby delle industrie belliche è più forte dei petrolieri, e si sa per la libertà questo ed altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media