Cerca

Siria, almeno 60 vittime nei cortei anti-Bashar

'Venerdì della collera', migliaia in piazza. Grave bilancio degli scontri in tutto il Paese, da Damasco a Ezra

Siria, almeno 60 vittime nei cortei anti-Bashar
Venerdì della collera e di sangue in Siria, dove 60 persone sono rimaste in seguito alla dura repressione delle forze di sicurezza di Damasco contro l'imponente manifestazione di protesta contro il regime del presidente Bashar al-Assad. Tra chi ha perso la vita ci sarebbe anche un bambino di 11 anni, mentre i feriti sarebbero alcune decine. I cortei di protesta, i più grandi da quando è scattata la ribellione a marzo, sono iniziati in tutto il Paese dopo la tradizionale preghiera islamica del venerdì. Anche per questo si era parlato di Venerdì Santo della protesta, a sottolineare l'unione di cristiani e musulmani nel volere le dimissioni del regime del presidente, in carica da 11 anni. Molte delle vittime sono state registrate nel villaggio di Ezra e nel sobborgo di Douma della capitale Damasco. Cortei contro il regine di Assad sono stati segnalati anche ad Aleppo, Deraa, Homs, Banias, Qamishli, e in alcune province remote del Paese. Sale così ad almeno 260 morti il bilancio delle vittime degli scontri tra manifestanti e polizia da metà marzo.  

LE RIFORME NON BASTANO - Non sono bastate a placare la piazza le promesse di riforme e la revoca dello stato di emergenza da parte di Assad. Il presidente ha anche promosso l’abolizione dei tribunali speciali e concesso la possibilità di "manifestare pacificamente", ma queste misure sono state giudicate "insufficienti" dall'opposiozione, che chiede le sue dimissioni.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghigabiagioni

    23 Aprile 2011 - 07:07

    Perchè il comagno Obama, assieme al premier francese Carla Bruni, non attaccano la Siria come la Libia? Forse gli tremano le mutande

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Aprile 2011 - 19:07

    Le proteste non finiranno finchè il rampollo di Assad e tutta la sua tribù non si leveranno dai piedi. Tutto il potere e le ricchezze sono nelle mani degli alauiti da 40 anni , la gente ne ha piene le scatole e non ci sono concessioni che tengano, tanto più che non c'è da crederci.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    22 Aprile 2011 - 17:05

    Ha nulla da eccepire con la Siria? Non la vuole salvare? no neh?

    Report

    Rispondi

blog