Cerca

Libia, "aerei italiani a segno". Crisi con la Tunisia

La Nato: "Vostri raid a buon fine". Oggi nuova missione. A Dehiba scontro tra truppe Gheddafi ed esercito tunisino. Misurata assediata

Libia, "aerei italiani a segno". Crisi con la Tunisia
"Nell'ultima settimana l'Italia ha partecipato ad attacchi che sono andati a buon fine". Rob Weighill, sottocapo di Stato Maggiore delle Operazioni Unified Protector, fa il punto della missione internazionale in Libia che, da giovedì, vede coinvolta con compiti militari attivi anche l'aviazione italiana. "Gli interventi aerei italiani - ha affermato Weighill - hanno portato grandi benefici alle operazioni. Siamo grati per ciò che ha fatto fin dall'inizio delle operazioni, sia con la no fly zone sia con l'embargo". Anche oggi i Tornado armati di bombe sono decollati da Trapani per la loro seconda missione, scortati da due caccia F-16. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa non aveva voluto commentare l'esito delle azioni: "Partecipiamo alla missione sotto il comando Nato, dunque non tocca a me dire che fa l'aereo italiano rispetto al francese o all'inglese. Lo dirà, se vorrà, soltanto la Nato". Oggi gli aerei Nato hanno colpito le forze di Gheddafi a Zenten, cittadina controllata dai ribelli a circa 160 chilometri a Sud-Est di Tripoli.

TUNISIA COINVOLTA - La guerra di Libia coinvolge intanto anche la Tunisia. Il fronte caldo non è più solo a Misurata, ma si è spostato fino al confine nella città di Dehiba, tanto da creare tensioni diplomatiche tra Tripoli e Tunisi. Nella cittadina frontaliera si registra un vero e proprio scontro a fuoco tra l'esercito tunisino e le forze fedeli a Muammar Gheddafi. In precedenza, le postazioni dei ribelli libici in città erano state attaccate in mattinata, riferisce Al Jazeera, dalle forze di Tripoli, supportate dall'artiglieria e dai razzi, con molti colpi finiti oltre il confine. Secondo il corrispondente dell'emittente araba, gli scontri vanno avanti senza sosta "con ferocia" da giovedì. Il governo tunisino ha espresso la sua "profonda indignazione" per le violazioni territoriali. E mentre i ribelli rivendicano la 'conquista' della città, sempre a Dahiba un'unità delle brigate del Colonnello ha abbandonato il Paese consegnandosi all'esercito tunisino. Sarebbero 162 i soldati disertori, a bordo di 30 veicoli.

MISURATA SENZA ACQUA - Si continua a combattere a Misurata, dove carri armati dell'esercito lealista avrebbero provocato almeno due morti e 16 feriti. "Abbiamo respinto le forze pro Gheddafi, tuttavia esse continuano a bombardare i cittadini di Misurata avvalendosi di artiglieria, di mortai e di missili di più lunga gittata", ha spiegato Weigheill. Poi la denuncia: "Stanno utilizzando le bombe a grappolo che sono vietate. Sappiamo che hanno danneggiato la rete fognaria della città, peggiorando notevolmente le condizioni di vita della popolazione, e messo fuori uso l'impianto di desalinizzazione dell'acqua interrompendo di fatto il rifornimento di acqua potabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo44

    02 Maggio 2011 - 17:05

    Cade a fagiolo il 1° maggio e l'uccisione di Osama. Così neanche una riga sul vergognoso assassinio del figlio di Gheddafi e dei tre bimbi di meno di tre anni. E noi siamo colpevoli o complici. Vergogna Nato, e non si dica che è guerra. E' omicidio mirato.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    30 Aprile 2011 - 09:09

    E per fortuna che vale solo per i casi considerati più semplici altrimenti ci troveremmo a combattere nella Corea del Nord, nello Zimbabwe, Siria, Iran e Tibet. Proprio noi non eravamo obbligati a partecipare all'intervento in Libia. Potevamo astenerci come hanno fatto Russia, Cina, Brasile, India e Germania. Evidentemente la debacle di Clinton in Somalia non ci ha insegnato nulla. Intanto ci stiamo godendo l'invasione dal Nord Africa .Anche l'eventuale uscita da questa situazione non sarà semplice. Basta osservare quello che sta avvenendo in Iraq e Afganistan.

    Report

    Rispondi

  • tuula

    30 Aprile 2011 - 08:08

    Viva Ghedaffi,forza non mollare. Marino

    Report

    Rispondi

  • p.giorgio

    29 Aprile 2011 - 22:10

    hanno detto, come pubblica " La Stampa", che Gheddafi fornisce ai suoi pillole di viagra per stuprare meglio. Che gli americani siano estremamente imbecilli, è risaputo, che Gheddafi distribuisca viagra è possibile, ma credo che i suoi non abbiano bisogno di viagra... caso mai gli americani: per il loro cervello.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog