Cerca

Libia, a Tripoli i funerali di Saif Gheddafi, figlio del Colonnello

Migliaia di civili in piazza per le esequie. Il 29enne sarebbe stato ucciso il 30 aprile in un raid Nato, ma c'è chi dubita della sua morte

Libia, a Tripoli i funerali di Saif Gheddafi, figlio del Colonnello
Saif al-Arab Gheddafi, il figlio 29enne del Colonnello rimasto ucciso nei bombardamenti Nato di sabato 30 aprile su Tripoli, è stato seppellito lunedì 2 maggio nella Capitale libica. Al suo funerale hanno partecipato oltre 2mila civili, che chiedevano vendetta per l'uccisione del giovane Gheddafi. Nello stesso raid hanno trovato la morte anche tre nipoti del Colonnello: Said, di 2 anni, figlio del primogenito Muhammad, Cartago, 3 anni e figlia del quarto figlio di Gheddafi, Hannibal, infine Mastura, una bimba nata 4 mesi fa dall’unica figlia del dittatore, Aisha.

I FUNERALI - Il corpo di Saif al-Arab Gheddafi, avvolto in un sudario bianco, è stato calato in una fossa mentre risuonavano i colpi della contraerea, sparati da vicino al cimitero. Per motivi di sicurezza, il Raìs era assente. Hanno partecipato invece due dei suoi figli maggiori, Saif al-Islam e Mohammed. Durante la tumultuosa cerimonia, i fratelli Gheddafi sono stati attorniati da una grande folla che li spingeva contro la bara, avvolta da una bandiera libica verde.  La processione è iniziata nel quartiere al-Hani di Tripoli, migliaia di persone si sono accalcate intorno al carro funebre, urlando: "Vendetta, vendetta per te, Libia". La processione si è mossa portando il feretro al cimitero. Una volta giunti in prossimità della fossa che doveva ospitare il corpo di Saif la bara è stata aperta e il cadavere, interamente fasciato, è stato calato nella tomba. L'assenza del padre e il sudario che rendeva il figlio irriconoscibile hanno fomentato i dubbi degli oppositori del Raìs: si suppone che Saif non sia morto e che Gheddafi cerchi di suscitare compassione per migliorare la sua posizione nelle trattative con l'occidente.

MONS. MARTINELLI: "SOSPENDERE BOMBE PER DOLORE FAMILIARI" -
  Non ha saputo fugare i dubbi nemmeno il Vicario Apostolico di Tripoli, Monsignor Giovanni Innocenzo Martinelli, al quale è stata data la possibilità di vedere la salma. "Alcuni dicono che Saif al-Arab non sia morto. Io posso riferire solo quello che ho visto, ovvero un corpo completamente fasciato, ma il governo libico ha confermato ufficialmente la sua morte". Il Vicario ha poi proseguito deprecando i bombardamenti che mettono a repentaglio le possibilità di una risoluzione pacifica del conflitto. "Ieri sono stato a vedere la casa colpita da 4 missili della Nato. Era un’abitazione civile in mezzo ad altre residenze civili. In questo raid sono morti anche dei bambini e questo rende sempre più difficile una soluzione pacifica, perché fomenta la rabbia. Ieri la gente ha incendiato alcune ambasciate occidentali in risposta all'uccisione di Saif al-Arab. Per questo mi domando se non sia opportuno sospendere i bombardamenti almeno per rispettare il dolore dei familiari" ha concluso Monsignor Martinelli.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fiorano80

    03 Maggio 2011 - 21:09

    .. non certo un monumento, è pur sempre un dittatore, un Raìs, e di 'marachelle' pesanti negli anni 80 ne faceva ogni giorno (finchè gli inglesi non gli hanno bombardato la casa e ucciso una figlia) So di Lockerbie, è orribile. Non sogno una dittatura, ma io dico che è stato un dittatore molto più fedele al suo popolo libico, e con in fondo un sogno di unire l'Africa sincero. A chi come lei, mondolibero, lo chiama verme, e mi chiede dov'ero, rispondo ... ero qui a leggere. Per capire. Si legga anche lei questi libri: L’ultimo gulag. La tragedia di un sopravvissuto all'inferno della Corea del Nord, di Kang Chol-Hwan e un altro libro choc sulle le infamie del comunismo L'Isola dei Cannibali, L'ile aux cannibales" , di Nicolas Werth, ed. Perrin, sono tutti da leggere. E per i tempi 'moderni', le ricordo che il regime di Fidel Casto è durissimo. Parola fidata di amici cubani: si contano quasi 70.000 cubani uccisi da Castro. Allora: vogliamo ancora definire Gheddafi mostro assassino?

    Report

    Rispondi

  • fiorano80

    03 Maggio 2011 - 21:09

    .. dicevo: rispetto i ribelli veri che sognano la democrazia e un mondo moderno (una chimera, forse purtroppo in Africa, anche per l'esistenza di gruppi tribali che non si appoggiano l'un l'altro, forse una delle cause che alimenta ancora gli scontri), ma perchè non far decidere ai Libici il loro governo e le loro preferenze? La risposta è contenuta anche in Libero di circa un mese fa. Un eccellente articolo. Francia e Uk voglio cuccarsi non solo petrolio libico (il migliore al mondo) e gas, ma anche, forse .. il capitale immenso ora congelato, che corrisponde a chissà quanti milioni di dollari. Tornando al 'vermone' come lo definisce lei, mondolibero, ora Gheddafi è come il top bego, il peggior ragno da cavar dal buco. E che mi dice dei giovani studenti libici, che un mese fa hanno manifestato a Perugia con testuali parole: 'lasciateci in pace. Sotto Gheddafi si sta bene'? Nessuno li ha minacciati di rottura di braccia. Certo, non merita lanci di rose o un monumento da parte mia, ma..

    Report

    Rispondi

  • fiorano80

    03 Maggio 2011 - 21:09

    Grazie Gius11 per il Suo intervento intelligente. rispondo ora a semprelibero: perchè lei, per caso, sta scrivendo da Tripoli, ha vissuto in Libia, o è lì presente in tenuta militare e ha visto con i suoi occhi cosa fa Gheddafi a donne e bambini (magari anche a vecchi) Lei è cittadino libico per affermare tutto ciò? Questa che il Raìs si comporta come un transformer o un ninja, rompendo braccia a neonati mi è davvero nuova. E quando mai lui ha violentato donne? Per quanto ne so ha avuto solo due mogli a differenza di vari Alì Pascià che ne hanno avute una quarantina. Niente gossip, le posso dire, come appurato da tanti giornalisti anche italiani, professionisti ed intervistati, che sui massacri del regime seriamente, che sono state sparate grosse bufale, tipo quella delle fosse comuni (rivelatosi normale cimitero sulla spiaggia) e i 10.000 morti? bufala confermata da professionisti ed inviati, bufale di Al Jazeera e CNN. Chissà perchè. Io rispetto a libici ribelli che sognano la ...

    Report

    Rispondi

  • Gius11

    03 Maggio 2011 - 19:07

    Ma Lei lo ha letto l'articolo di Feltri? Leggendo il Suo messaggio, direi proprio di no. La giustificazione di Felti è di pura convenienza: ovvero "faccialo fuori, perchè tanto non abbiamo alternative, ormai siamo "in ballo" e comunque ci conviene (petrolio, contratti vantaggiosi, etc.). Cosa c'entrano i "motivi umanitari" non saprei... Peraltro, si è vero, Gheddafi è un dittatore, questo lo sapevamo già, ma quanto al resto, mi piacerebbe sapere da quali fonti ha tratto le Sue convinzioni su bambini trucidati da Gheddafi o altri crimini. Mi spiace deluderLa, ma non c'è prova di tali atrocità, salvo che vogliamo considerare le semplici dichiarazioni degli insorti. Quello che invece è certo è che l'Italia aveva sottoscritto un trattato di amicizia con la Libia che ci impegnava a non interferire nei loro affari interni e a non attaccarli. Bene, abbiamo violato il trattato, ci siamo macchiati del sague di innocenti e tutto questo perchè "ci conviene" e "ormai non possiamo fare altrimenti"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog