Cerca

Osama in Pakistan dal 2003. Blitz, decisivo il corriere

Sceicco del terrore incastrato da una telefonata. Obama: " Al Qaeda decapitata, la sconfiggeremo presto"

Osama in Pakistan dal 2003. Blitz, decisivo il corriere
Bin Laden si nascondeva in Pakistan da 8 anni. Sotto torchio, una delle 4 mogli dello sceicco, Yemeni, ha rivelato sotto torchio che il capo di al Qaeda viveva già dal 2003 vicino a Islamabad. Prima di trasferirsi ad Abbottabad, nel 2005, lo sceicco del terrore e la sua famiglia avevano abitato per due anni a Chak Shah Mohammad, un piccolo villaggio vicino a Haripur e lungo la statale per Abbottabad, a poche decine di chilometri dalla capitale pakistana.

CORRIERE INTERCETTATO  -  Ad incastrare bin Laden è stato il suo corriere: l'errore fatale è in una telefonata.  "Sono tornato con la gente con cui ero prima": è stata questa frase pronunciata dall'uomo di Osama a mettere la Cia sulla pista che ha portato alla villa bunker di Abbottabad. Le parole di Abu Ahmed al-Kuwaiti, in una telefonata  con un militante intercettato, insospettirono la Cia che mise il suo numero di telefono - fino a quel momento sconosciuto - sotto controllo. Poi, pedinamenti e indagini hanno rivelato che era stato finalmente scoperto Al-Kuwaiti, il corriere dello sceicco del terrore. I sospetti si appuntarono così su quella casa di Abbottabad, priva di qualsiasi linea telefonica che il corriere visitava tenendo il cellulare spento, fin da quando si trovava a 100 km di distanza. Quindi, mesi di sorveglianza 24 ore su 24 fino a giungere la "ragionevole certezza" che  si trattasse del nascondiglio di bin Laden.

IL PASSEGGIATORE SOLITARIO - Una volta  iniziata la sorveglianza via satellite del compound di Abbottabad, gli  analisti dell’intelligence americana si sono interrogati a lungo  sull'identità di un uomo che ogni giorno passeggiava su è giù per il cortile per un’ora o due. Il "passeggiatore" non oltrepassava mai muri di cinta del  comprensorio, sembrava molto alto -dato ritenuto   importante visto che lo sceicco del terrore arriva ad 1.90 metri.

VIDEO INEDITI - Bin Laden era ancora attivo e lavorava per nuovi attacchi all'Occidente. A provarlo è il contenuto dei materiali nel suo pc. Sabato, saranno pubblicate inedite registrazioni di propaganda di Osama bin Laden trovate nel compound dove il leader di al-Qaeda si nascondeva e dove è stato ucciso. Lo hanno rivelato funzionari Usa che hanno chiesto di rimanere anonimi perché i documenti non sono ancora stati resi noti. Insieme ai nastri sarà diffuso anche un video in cui si vede Bin Laden camminare nella casa.

 LO SCEICCO E' VIVO - Uno dei figli di Osama sostiene che lo sceicco del terrore è "ancora vivo" e mette in dubbio la notizia della sua uccisione nel blitz di domenica scorsa delle forze speciali americane in Pakistan. Lo rivela il giornale egiziano al-Wafd. Il quotidiano scrive che "fonti della famiglia di bin Laden gli hanno riferito di una telefonata ricevuta martedì mattina da due fratelli dello sceicco,  Khalid e Abdelaziz, ed effettuata da Samy bin Laden, figlio di  Osama. Nella breve conversazione, secondo il giornale, "Samy bin Laden  ha assicurato agli zii che il loro fratello è ancora vivo e che   quello che sostengono i media è falso".

OBAMA: "VIA DALL'AFGHANISTAN" -
Dopo essersi congratulato per l’operato e per il coraggio mostrato dai corpi speciali, Obama ha anche confermato che  a partire dall’estate si comincerà a ridurre la presenza militare Usa in Afghanistan per dare il via alla fase di transizione. Prima del discorso, il Presidente Barack Obama, accompagnato dal  suo vice Joe Biden, ha incontrato in segretezzza anche i membri del Team 6 dei Navy Seals, il corpo scelto che lunedì sera ha ucciso il numero uno di Al-Qaida. Obama ha quindi conferito loro la   “Presidential Unit Decoration”, la più alta decorazione militare attribuita per atti di straordinario coraggio contro il nemico.

VERSO LA DISTRUZIONE DI AL QAEDA -
"Abbiamo decapitato la testa di Al Qaida e sono certo che la sconfiggeremo". Così il   Presidente Barack Obama in un discorso carico di emozione tenuto di  fronte a più di 2mila militari raccolti nella base di Fort Campbell  (Kentucky). "Ancora prima  di questa operazione - ha poi puntualizzato Obama - avevamo spezzato il momentum ai Talebani, avevamo messo Al Qaida sotto pressione com  mai era successo prima, segno che la nostra strategia stava funzionando - e oggi - stiamo continuando a fare progressi verso la distruzione e lo smantellamento di Al Qaida".





Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    07 Maggio 2011 - 14:02

    Lei si sbaglia, l'ho visto coi miei occhi che cercava di prendere il sopravvento su di un cono ai gusti di pistacchio, cioccolato fondente e vernaccia, camminando per le vie di San Gimignano (SI). Cordiali Saluti. P.S.: secondo voci non confermate pare che questo signore sia passato ad accendere un cero per grazia ricevuta a Maria Santissima Madre della Divina Provvidenza nel vicino Santuario di Pancole.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    07 Maggio 2011 - 11:11

    ...L'ho visto con i miei occhi a Napoli. Il compagno BIN si aggirava nervoso nei pressi della stazione centrale perchè non riusciva a trovare un posto per parcheggiare il cammello.

    Report

    Rispondi

blog