Cerca

"Gheddafi ci fa salpare": Vendetta del Colonnello

OIM: IN LIBIA CLANDESTINI COSTRETTI A PARTIRE PER L'ITALIA La ritorsione del rais: riempie le carrette del mare e ci fa invadere dai profughi. La testimonianza dell'Organizzazione: "Sulle navi anche i sopravvissuti a un naufragio. Mai sentito nulla di simile"

"Gheddafi ci fa salpare": Vendetta del Colonnello
La testimonianza spaventa, ma non fa altro che confermare quelli che erano i sospetti. I soldati di Muammar Gheddafi avrebbero costretto delle persone a salpare dalla Libia a bordo di un'imbarcazione diretta verso l'Italia e giunta a Lampedusa lo scorso fine settimana. Il Colonnello conosce bene problemi e nervi scoperti del nostro Paese, e quindi mette in scena la sua ritorsione per l'intervento militare appoggiato da Roma: ci riempie di clandestini.

PERSONE COSTRETTE A SALPARE - La notizia è stata riferita da alcune testimonianze raccolte dall'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). I dettagli sono raccapriccianti, perché secondo quanto si è appreso, tra le persone costrette a partire per l'Italia, ci sarebbero stati anche i sopravvissuti a un naufragio, avvenuto la settimana precedente in prossimità delle coste libiche: il natante aveva a bordo tra le 500 e le 600 persone. "Siamo estremamente preoccupati per queste testimonianze provenienti da persone che affermano di essere state costrette dalle autorità o dai soldati libici a salire a bordo di una nave", ha spiegato a Ginevra il portavoce dell'Oim, Jean-Philippe Chauzy, che ha sottolineato come si tratti di imbarcazioni sovraccariche e che non sempre giungono a destinazione.

"MAI SENTITO PRIMA" - "E' la prima volta che abbiamo registrato questo tipo di testimonianze", ha aggiunto il portavoce con preoccupazione. "Non hanno dovuto pagare la traversata, anche se prima di salire a bordo sono state spogliate dei loro averi, compresi i telefoni cellulari". Una volta giunti a Lampedusa, i clandestini avevano riferito di un'imbarcazione che trasportava tra le 500 e le 600 persone affondata, tra giovedì e venerdì, al largo della Libia.

LA TESTIMONIANZA - In particolare una donna somala ha raccontato allo staff dell'Oim a Lampedusa (dove lunedì 9 maggio sono stati trovati tre cadaveri) di essere sopravvissuta insieme al suo bimbo di quattro mesi al naufragio del barcone. Lo ha riferito sempre l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. La donna ha raccontato come, dopo che la carretta del mare è affondata, ha nuotato fino alla costa tenendo stretto a sè il bambino. Poi è ripartita con il successivo barcone. "Quando era arrivata a Lampedusa era in stato di choc", ha riferito Daria Storia, operatrice dell'Oim a Lampedusa. "Era chiaramente disorientata e agitata quando abbiamo parlato con lei", ha aggiunto. Anche se i migranti hanno raccontato di aver visto persone che nuotavano verso la costa, non è ancora chiaro quanti siano riusciti a sopravvivere oltre alla donna somala e a suo figlio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marietto69

    12 Maggio 2011 - 08:08

    Ma se questi libici sono stati imbarcati contro la loro volontà vorrà dire che appena si appiana la cosa laggiù saranno felicissimi di tornarci, magari facendo una bella crociera su una nave Grimaldi a 4 stelle .... Ma sono sicuro che poi gli passa la voglia, visto che sono approdati nella repubblica più merdosa d'europa, per tante persone rivelatasi paese dei divertimenti e dei balocchi, pronta ad accogliere tutti comunque e quantunque ......

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Maggio 2011 - 08:08

    Lì c'é il Premier che mi ha baciato le mani.

    Report

    Rispondi

  • minovitti27

    10 Maggio 2011 - 08:08

    tutto ciò succede , grazie al baciamano tra berlusconi e gheddafy, perchè quest'ultimo non si aspettava mai un tradimento del suo fedele amico

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    10 Maggio 2011 - 01:01

    Basta solo prendere alla leggera quello che Katafi minaccia di fare per poi ritrovarci nella M***DA PIU' NERA senza che ce ne accorgiamo.Conosce perfettamente i nostri punti deboli e sa molto bene che siamo un popolo di stupidi in balia di un diritto che sovente sconfina nell'abuso.E se ne approfitta.Dice che porterà la guerra a casa nostra?Di quale guerra parli non e dato saperlo,ne quando la porterà.Ma credeteci o meno,quello che dice lo mette in atto.Speriamo solo che non si avverino le mie paure,da momento che i libici li conosco molto ma molto bene.Fino a che ci sbattono sopra dei poveri cristi senza arte ne parte va tutto bene.Quando sopra quelle tinozze ci saranno ben altri personaggi....saranno guai.Basta solo attendere il barcone giusto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog