Cerca

Raìs "nel deserto". Scalo di Misurata preso dai ribelli

Per gli insorti Gheddafi "fuggito da Tripoli: è a 400 km dalla Capitale". Onu: "Cessate il fuoco immediato"

Raìs "nel deserto". Scalo di Misurata preso dai ribelli
Dopo tanti giorni di silenzio spunta un'indicazione su dove possa trovarsi Muammar Gheddafi: il leader libico avrebbe da diversi giorni abbandonato Tripoli per rifugiarsi in una zona desertica del Paese. Secondo quanto è stato riferito dal sito del movimento 17 febbraio, legato ai ribelli anti-Colonnello, Gheddafi si sarebbe nascosto nel deserto di Ash Shurayf, a circa 400 chilometri a sud della capitale. I rivoltosi non escludono nemmeno che da quel luogo il raìs possa poi decidere, nel caso fosse messo alle strette, di fuggire verso il vicino Ciad. Nel frattempo i ribelli proseguono la loro campagna militare prendendo il controllo dell'aeroporto di Misurata.

ONU: "CESSATE IL FUOCO" - In Libia, intanto, gli attacchi continuano a crescere d'intensità. Nella mattinata di martedì ci sono stati nuovi bombardamenti aerei della Nato su Tripoli: lo hanno riferito testimoni oculari, secondo i quali, in particolare, è stata colpita la parte orientale della capitale della Libia. I testimoni hanno raccontato che dalla zona sono risuonate esplosioni per circa un'ora, mentre in cielo erano visibili i caccia. In questo contesto, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, in un colloquio con il premier libico, al-Baghdadi Ali al-Mahmoudi, ha chiesto un "cessate il fuoco immediato e verificabile". Ban Ki-moon ha poi intimato al regime di Gheddafi di porre fine agli attacchi contro la popolazione civile. Lo ha reso noto lo stesso segretario generale nel corso di una conferenza stampa presso la sede Onu di Ginevra.

FRATTINI: "NON SO DOVE SIA" - In precedenza, intervenendo a Radio anch'io, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, aveva affermato di non avere "alcuna idea" di dove possa trovarsi Muammar Gheddafi: in pubblico non appare ormai da dieci giorni. Frattini ha poi assicurato che le operazioni Nato non sono finalizzate alla sua eliminazione: "Gheddafi non è mai stato l'obiettivo della missione internazionale, che mira a proteggere i civili" per evitare quello che il ministro definisce "un bagno di sangue". Per il titolare della Farnesina, ora, il vero problema è capire "se le pressioni internazionali abbiano indotto il regime a lasciare la presa". A suo avviso "le moltissime defezioni (compresa, forse, quella del portavoce del governo, ndr) dimostrano che probabilmente siamo davvero arrivati ad un punto di svolta. Io me lo auguro vivamente", ha concluso Frattini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    12 Maggio 2011 - 04:04

    Continuo ancora a stupirmi che Frattini sia al suo posto al ministero degli esteri, una bella lettera di dimissioni correlate da una di scuse x la sua incapacità di previsione e gestione della crisi libica sarebbe opportuna. Il Rais è stato sconfitto come Saddam Hussein, comincerà adesso una lunga scia di vendette e di attentati come nell' Iraq. In teoria siamo ancora in tempo per cercare una soluzione negoziata della crisi. Dubito che gli attori in campo accecati dal lampo della possibile vittoria si mettano a discutere seriamente per la pace. La guerra coloniale è appena agli inizi, aspettiamoci una campagna lunga ed estenuante che ci vedrà coinvolti a pieno . Gheddafi ci ha promesso sangue e vendetta per il nostro voltafaccia, mi preoccuperei di questo . Ricordiamoci Lockerbie.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    11 Maggio 2011 - 21:09

    Quanto dista la zona desertica di Asum ...da Arcore? Il bacio sulla mano non si scorda mai.

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    11 Maggio 2011 - 18:06

    Frattini dice una falsità? Ovvio, ma cosa volete che dica? tutti sanno che si tenta di uccidere Gheddafi perchè satebbe la via piu breve per uscire da questa situazione- ma nessun leader o ministro degli esteri può ammetterlo pubblicamente- sarebbe un incapace idiota da licenziare subito

    Report

    Rispondi

  • paolopdlnomore

    11 Maggio 2011 - 18:06

    Andavamo fino a ieri a mangiare insieme ai Libici ed ora gli stiamo buttando le bombe sulla testa per esserci calati le braghe con i francesi. Siamo schiavizzati, l'Italia e' un paese occupato. Non mi sono mai cosi' vergognato di essere italiano. Oltretutto e' stato il piu' grave atto di autolesionismo dalla seconda guerra mondiale. La Libia come ci ha salvato l'economia, ora, e giustamente ci ridurra' al collasso. Abbiamo perso oltre al fornitore principale di idroacarburi, anche i miliardi di euro che i libici volevano investire da noi, oltre a miliardi di euro di appalti in Libia. Frattini ci sta prendendo in giro sino alla fine appoggiando un gruppetto di ribelli armati dai francesi. MI VERGOGNO DI AVER SEMPER VOTATO PER BERLUSCONI. NON SUCCEDERA' MAI PIU'.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog