Cerca

La Romania contro l'Italia

"Xenofoba e aggressiva"

La Romania contro l'Italia
La Romania accusa l'Italia di xenofobia. Dopo Avvenire, che ieri ha dato alla Lega del partito razzista, oggi ci si aggiunge il ministro degli Esteri romeno, Cristian Diaconescu: «Alcuni atteggiamenti, soprattutto da parte di alcuni rappresentanti del governo italiano», ha detto, «sono volti, attraverso una retorica molto aggressiva e provocatrice, a incitare alla xenofobia». Alla radio statale Romania Actualitati, Diaconescu ha sottolineato come «questo non sia un comportamento europeo».  «In Italia esiste un certo atteggiamento al livello della classe politica, del governo, che non riesco a spiegarmi», ha proseguito il ministro. «Ogni Stato ha il diritto sovrano di sanzionare con la durezza che ritiene necessaria i reati commessi da qualsiasi persona, ma non è giusto lanciare l'anatema contro un'intera comunità», ha detto ancora Diaconescu, definendo «deplorevoli» i reati commessi dai connazionali all'estero. Inoltre ha ricordato che nelle ultime settimane Bucarest ha avuto contatti diretti con Roma per cooperare nei casi di delinquenza ad opera di romeni. Ricordando la prossima apertura di nuovi consolati in Italia e Spagna, Diaconescu ha sottolineato che, all'estero, i romeni devono capire che «la migliore immagine sarà quella creata da loro stessi». «La delinquenza ci nuoce e a dispetto di tutti gli sforzi possibili a livello istituzionale è quasi impossibile equilibrare la situazione», ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pattaya

    11 Febbraio 2009 - 14:02

    quanti romeni sono stati ammazzati in Romania da Italiani? provi invece il ministro Romeno a fare il conto di tutti gli Italiani barbaramente uccisi e donne violentate,dai suoi connazionali in Italia. e stia zitto.altro che xenofobia e razzismo.

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    11 Febbraio 2009 - 14:02

    I signori del governo rumeno dovrebbero tenersi a casa loro tutti i delinquenti che sono in Italia. Altro che parlare di xenofobia, per forza si diventa xenofobi quando nelle carceri italiane ci sono circa trentamila "buonepersone" dell'ex paese del regime schifoso comunista di ceausescu. Niente lezioni da uno stato così!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    11 Febbraio 2009 - 12:12

    Rimetto di seguito il post,perchè il precedente non è stato copiato completamente.Grazie. ---------- I Romeni Fa impressione,sentire che abbiamo già ospitato trentamila Romeni nelle patrie galere,con i relativi costi,se è vero che ogni detenuto se non ricordo male costa sui trecento euro al giorno.Converrebbe dare questi soldi alla Romania perchè se li riprenda,magari loro ci guadagnerebbero perchè il costo là sarebbe sicuramente inferiore.Ma dubito che lo facciano,è più comodo sparare cazzate sull'Italia(come ha fatto anche il Brasile) che risolvere il problema portandoselo in casa.Dovrebbe intervenire anche la UE,ma anche loro se ne fregano,perchè dicono,non avete voluto la moratoria come gli altri,e quindi adesso ve li tenete.Anzi,quando si parla di mettere regole,opportunamente sobillati e aizzati da certi ambienti nostrani,ci danno anche loro degli razzisti e xenofobi.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    11 Febbraio 2009 - 12:12

    Fa impressione,sentire che abbiamo già ospitato trentamila Romeni nelle patrie galere,con i relativi costi,se è vero che ogni detenuto se non ricordo male costa sui trecento euro al giorno.Converrebbe dare questi soldi alla Romania perchè se li riprenda,magari loro ci guadagnerebbero perchè il costo là sarebbe sicuramente inferiore.Ma dubito che lo facciano,è più comodo sparare cazzate sull'Italia(come ha fatto anche il Brasile) che risolvere il problema spostandoloportandoselo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog