Cerca

Siria, proteste anti Assad: 21 morti. In arrivo sanzioni Ue

Sale numero vittime della repressione. Cade nel nulla l'appello di Obama e Europa a cessare le violenze: "Ora prendermo provvedimenti"

Siria, proteste anti Assad: 21 morti. In arrivo sanzioni Ue
E’ di ventuno morti il bilancio, ancora provvisorio, delle manifestazioni contro Assad che stanno invadendo le strade di molte città della Siria. Lo riferiscono testimoni oculari, citati dall’emittente al-Arabiya. Quello di oggi è l'ennesimo venerdì della libertà, che ora trova sostegno anche nelle parole del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Il leader americano, nel discorso pronunciato in merito alle rivoluzioni del mondo arabo, ha contestato il regime di Bashar al Assad, sottolineando che o il Presidente concederà le riforme chieste dal popolo oppure sarà costretto a ritirarsi. Torna a farsi sentire anche l'Unione Europea, che ipotizza sanzioni.

REPRESSIONE - Ma Assad non sembra essersi lasciato intimorire e le violenze sono in continua escalation. Il portale libanese Naharnet riferisce di manifestazioni in corso a Homs "in mezzo a imponenti misure di scurezza" e a Bou Kamal "dove l’esercito ha sparato per disperdere i dimostranti". Ma spari sono stati avvertiti anche nel quartiere Rokn Addeine della capitale mentre la polizia avrebbe circondato la moschea di Qasmo a Qameshli. In queste settimane i luoghi di culto islamico si sono trasformati, nei giorni di preghiera, in punti di assembramento per gli oppositori. I manifestanti si starebbero radunando anche ad al-Riqa e ad al-Tabaqa. Nella città di Daraa, epicentro di imponenti proteste, le forze di sicurezza si sono appostate sui tetti dopo aver fatto sgomberare le abitazioni più vicine alle moschee.

SANZIONI - Un nuovo pacchetto di sanzioni contro esponenti del regime siriano, tra cui il presidente Bashar al Assad, verrà discusso dai ministri degli Esteri dei Paesi Ue nel vertice di lunedì prossimo a Bruxelles. Lo ha reso noto il portavoce della Farnesina, Maurizio Massari, nel consueto briefing settimanale con la stampa, spiegando che la proposta di nuove sanzioni a livello europeo "è stata discussa e c'è consenso a livello tecnico" e "anche a livello politico". Il nuovo pacchetto, ha spiegato Massari, estenderà a un’altra decina di membri del governo siriano, tra cui lo stesso Assad, le sanzioni già disposte alcuni giorni fa dall’Ue a carico di 13 esponenti del regime coinvolti nelle violenze contro i civili. I provvedimenti, ha precisato il portavoce della Farnesina, riguarderanno "il congelamento dei beni, il 'travel ban' e l’embargo sulla vendita delle armi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vaipino

    20 Maggio 2011 - 21:09

    L'inebetito ministro Maroni sta preparando l'accoglienza anche per i Siriani

    Report

    Rispondi

  • autores

    20 Maggio 2011 - 16:04

    Obama deve dare la possibilita' al popolo della Siria di comunicare in Internet.

    Report

    Rispondi

blog