Cerca

Attentato Libano, fuori pericolo i sei feriti italiani

Attentato contro blindato Caschi Blu, nessuna vittima. L'esplosione ha travolto i militari dell'Onu mentre viaggiavano verso Sidone

Attentato Libano, fuori pericolo i sei feriti italiani
I sei militari italiani feriti venerdì 27 maggio in Libano sono tutti fuori pericolo. Senza vittime, dunque, l'esplosione di Sidone cvhe aveva coinvolto un convoglio dell'Unifil. Un ordigno aveva fatto saltare in aria il veicolo sul quale viaggiavano gli italiani, in viaggio su una superstrada verso il centro del paese.  Il bilancio, dopo le molteplci contraddizioni iniziali, è stato confermato anche da Massimo Fogari, portavoce dello Stato maggiore della Difesa, che ha raccontato di come due dei feriti si trovino in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha specificato che "uno rischia di perdere un occhio, mentre l'altro ha una lacerazione alla carotide ed è già stato operato". Secondo quanto riferito da una tv libanese vicina al movimento sciita Hezbollah, anche due civili libanesi sarebbero rimasti feriti nell'esplosione.

REAZIONI DI NAPOLITANO E BERLUSCONI - "Sgomento e preoccupazione" per l'attentato in Libano che ha coinvolto i soldati italiani . Lo ha espresso il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il Capo dello Stato, ha spiegato ai cronisti, di non avere "tutti gli elementi necessari per poter valutare: siamo in attesa di saperne di più". "Apprendo la notizia dell’attentato contro i mezzi delle Nazioni Unite in Libano, che ha causato il ferimento di caschi blu italiani". E’ quanto ha affermato, in una nota, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. "Siamo vicini ai familiari dei feriti e ai nostri ragazzi impegnati nella missione di pace e auguriamo loro una pronta guarigione".

CORDOGLIO DI FRATTINI -"Mi giungono dal Libano notizie drammatiche, che suscitano grande dolore e sentimenti di profondo cordoglio. Mi rivolgo ai familiari delle vittime, ai quali esprimo la mia vicinanza più sincera e la commossa ammirazione verso chi ha dato la vita per onorare il proprio Paese in una missione di pace, ed auguro pronta guarigione ai feriti". E’ il commento a caldo del titolare della Farnesina, Franco Frattini, all’attentato che ha colpito militari italiani della missione Unifil. "Dobbiamo alla missione Unifil un contributo decisivo alla stabilità in una delle aree più sensibili della regione mediorientale" - prosegue Frattini - "ed è per questo motivo che l’Italia è vicina ai suoi militari che danno prova di straordinaria professionalità e senso del dovere".

PD: "LA RUSSA RIFERISCA" - Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza del Pd, punta il dito contro il governo, e chiede che "il ministro La Russa riferisca quanto prima al Parlamento sull'incidente e sulla situazione dell'area dove operano le forze internazionali, comprese quelle italiane". In precedenza anche Fiano ha espresso il "grandissimo cordoglio per il grave lutto che ha colpito l'Italia con la perdita di due dei nostri militari.  La nostra vicinanza - ha proseguito - va alle loro famiglie e a quelle degli altri militari feriti dall'esplosione del loro mezzo nel sud del Libano".

I PRECEDENTI - Era il 6 agosto del 1997 quando quattro soldati italiani morirono nel corso della missione Unifil-Italair, quando durante un volo di addestramento notturno per un incidente cadde un elicottero nei pressi di Tibnin. Il 15 marzo del 1982, a Beirut, nei pressi del campo profughi palestinese di Sabra, venne colpito Filippo Montesi, che morì una settimana dopo. nel corso della missione, in totale, i feriti italiani furono 75. Nell'ambito dell'attuale missione Unifil, iniziata a fine 2006, non si era ancora registrata nessuna vittima.

LA MISSIONE - L’Italia partecipa alla missione Unifil con un contingente militare che, compresa la componente navale, conta 1.780 militari. In ambito nazionale, la missione italiana in Libano viene chiamata Operazione "Leonte". Sul campo, la Brigata Meccanizzata "Aosta", comandata dal Generale di Brigata Gualtiero Mario De Cicco è subentrata il 9 maggio alla brigata Pozzuolo del Friuli. Aò qiartoer generale del contingente italiano, la base Millevoi, si era svolto l'avvicendamento tra i comandanti delle due brigate, i generali Guglielmo Miglietta della Pozzuolo, e Gualtiero Mario De Cicco. Per la brigata Aosta, stanziata in Sicilia, si tratta della prima missione in Libano dopo varie missioni svolte negli anni passati nei balcani. Il compito principale del nostro contingente è quello di garantire stabilità e sicurezza nell’area di responsabilità compresa tra il fiume Litani e la "Blue Line" e di prevenire ogni possibilità di ripresa delle ostilità tra le parti coinvolte nel conflitto dell’agosto del 2006.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    28 Maggio 2011 - 22:10

    non sono d'accordo con te perche' Obama in realta' non ha una vera amicizia con Israele.C'e' da aggiungere che l'Italiano molto di spesso e' sciocco e snaturato per la propria ignoranza ma io di prima persona non vedo l'Italiano come fosse il migliore amico d'Israele,probabilmente e' proprio per il motivo che in Italia c'e' il Papa e gli U.S.A. perche' loro sono molto cattivi e severi e rigidi contro i Testimoni di Geova,e lo rifiuta proprio come fa tutto il mondo da sempre.e non e' certo senza un motivo fondamentale all'ordine pubblico e alla civilta',anche se l'Islamismo pare pur sempre esageratamente incivile lo e' in un altro modo,cioe' probabilmente al contrario e in modo esagerato da Israele,e gli U.S.A. non lo approva,con questo non significa che non sia preferito l'Islamismo armato che lo sia per la Liberta',anzi potrebbe essere il preferito,nonostante la incivilta' del proprio Stato Islamista perche' la Liberta' e' un diritto fondamentale.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    27 Maggio 2011 - 22:10

    E’ evidente che gli islamici hanno deciso di riprendere la lotta contro Israele. Non penso che sia un’idea dei soli Hezbollah ma vi deve essere una stretta connessione con quello che è accaduto in Egitto, Libia, Siria ecc. E’ probabile che vogliono riprendere la lotta contro Israele e iniziano a cacciare chi adesso gli dà fastidio, mentre prima tornava utile contro Israele. Per quanto ci riguarda tale missione è stata sempre una follia voluta dalla sinistra e assurdamente mantenuta dal centro destra. Non siamo serviti a niente ma solo a fare la parte della carne da cannone e della propaganda islamica. Sperando che i nostri politici abbiano capito la lezione e la responsabilità verso chi è rimasto ferito o morto, ritirino immediatamente il contingente italiano da quei luoghi in cui serviamo solo a fare il defilé. Gli israeliani, da sempre in trincea contro questi folli, hanno sicuramente capito l’antifona e provvederanno da soli a difendersi. E’ probabile che si prepari una quarta guerra d’aggressione del fronte islamico contro Israele, poco ma sicuro. Sarà il caso che questa volta gli si lasci mano libera perché sicuramente dietro vi è l’Iran e per Israele non sarà uno scherzo doversi difendere, né va della sua sopravvivenza.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    27 Maggio 2011 - 20:08

    Il problema libanese è legato ad Hezboallah (spero di averlo scritto esattamente) e alla situazione Siriana. Dobbiamo aspettarci cose simili in futuro, il Libano se non si placano i venti di guerra in Medioriente diventerà nuovamente un campo di battaglia come neli anni 70-80. Io mi faccio la stessa domanda che mi sono fatto dopo il caos libico: dove sta Frattini? Cosa sta facendo la nostra politica estera? Speriamo di non trovarci imbottigliati in una nuova guerra fra Sciiti libanesi appoggiati dal malconcio stato siriano e dall' Iran atomico e Israele. Chi getterà una secchiata di acqua fredda per spegnere i bollenti spiriti dei contendenti?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    27 Maggio 2011 - 19:07

    ma a Lampedusa sono arrivati altri 4 barconi con + di 800 persone

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog