Cerca

Mladic, Aja: "Verrà estradato" Scontro su sua salute

"Due o quattro giorni per il trasferimento". I legali: "Morirà prima di processo". A Belgrado scontri nel corte pro-Ratko

Mladic, Aja: "Verrà estradato" Scontro su sua salute
L'Aja ha comunicato che l'estradizione di Ratko Mladic sarà possibile nei prossimi giorni. L'annuncio è arrivato all'indomani delle violente manifestazioni contro l'arresto del comandante serbo accusato di crimini contro l'umanità. Continua la discussione sullo stato di salute di Mladic: i legali, alla stregua dei figli, sostengono che non possa arrivare vivo all'inizio del processo; ma un equipe di medici è giunta a una conclusione diametralmente opposta.

"DUE O QUATTRO GIORNI" - L’estradizione di Ratko Mladic all’Aja dovrebbe essere possibile entro due o quattro giorni giorni. A riferirlo è stato un portavoce del governo di Belgrado. "L'intera procedura, stando ad oggi, non può richiedere meno di due e più diquattro giorni", ha dichiarato Slobodan Homen citato dall’agenzia Beta. Le autorità serbe hanno dato il via libera al trasferimento ma devono aspettare un eventuale ricorso della difesa dell’ex generale. Il legale di Mladic, Milos Saljic, ha detto che presenterà appello via e-mail, "una tattica usata per prendere tempo...suppongo che il ricorso punterà sulle condizioni fisiche e psicologiche di Mladic", ha concluso il portavoce del governo.

LO STATO DI SALUTE - Ratko Mladic è in grado di affrontare un giudizio davanti al Tribunale penale internazionale per i crimini di guerra nella ex Jugoslavia all’Aja. Questa la conclusione cui è giunta l’èquipe di cinque medici incaricata di esaminarlo, stando alla stampa serba, che oggi pubblica il parere del team medico. "L'attuale stato patologico di Mladic non richiede trattamento ospedaliero. Ulteriori diagnosi potranno essere fatte in laboratorio", si legge nel rapporto. Secondo gli esperti, Mladic soffre delle   conseguenze permanenti di un’apoplessia e di un infarto, per cui ha difficoltà a muovere il braccio e la gamba destri. Soffre inoltre di ipertensione, che però può essere tenuta sotto controllo con i medicinali. I parenti di Mladic chiedono un altro parere medico e sostengono che l’ex comandante dei serbi di Bosnia Erzegovina non può sopportare l’estradizione e il processo.Il legale di Mladic, da par suo, sostiene che il suo assistito non sopravviverà fino all'inizio del processo.   

VIOLENZE A BELGRADO - La domenica di Belgrado è stata segnata dai disordini scoppiati nel corso della manifestazione contro l'arresto e l'estradizione di Mladic: il bilancio è di 43 feriti e 180 persone fermate. La manifestazione di solidarietà con l’ex capo delle forze serbo-bosniache, che si è svolta davanti al Parlamento, era stata organizzata dal Partito radicale serbo e ha visto la partecipazione di 10mila nazionalisti, tra cui molti giovanissimi. Quando la protesta volgeva al termine, gruppi di estremisti si sono scontrati con la polizia che presidiava le strade del centro con almeno 3mila agenti. Tra i feriti vi sono 32 poliziotti e 11 manifestanti; anche cinque automobili e diversi negozi sono stati danneggiati. Alla protesta ha partecipato anche il figlio del 'boia di Srebrenicà, Darko Mladic, il quale ha arringato la folla difendendo a spada tratta il padre. "Ratko Mladic non è un criminale e non ha ordinato le uccisioni. Ha difeso il suo popolo con onore, giustizia e professionalità", ha affermato Darko.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    01 Giugno 2011 - 22:10

    ...nel difendere a spada tratta una sola parte.La partigianeria è sempre stata una brutta bestia; rende ciechi per la parte più simpatica e proietta tutto il male e le colpe su quella più avversa.Per quello che ci è stato dato di vedere,il soggetto Mladic si è macchiato di stragi collettive inaudite,pertanto non è uno stinco di santo affatto.Sapendo nel contempo che anche da parte opposta,sono stati commessi simili efferatezze,centinaia di casi in più o in meno.Purtroppo,passano i secoli,ma quando una fazione vuole annullare l'altra,commette sempre gli stessi crimini con gli stupri,con l'uccisione di vecchi e bambini;insomma,con tutti i mezzi più bestiali che solo l'uomo è tanto capace.

    Report

    Rispondi

  • visopallido

    31 Maggio 2011 - 15:03

    La legge deve essere uguale x tutti.Invece i nostri padroni(ops...volevo dire liberatori..è stato un lapsus)yankee difendono ogni sorta di dittatori,terroristi e guerriglieri(vedi UCK in Kosovo),che rientrino nei loro interessi,mentre condannano con discutibili tribunali internazionali chiunque non si sottometta al loro volere!

    Report

    Rispondi

  • Teseotesei

    31 Maggio 2011 - 14:02

    per coprire le atrocità dei bombardamenti americani ed europei (del compagno baffino d'alema). Avete invaso e bombardato una terra libera come il vostro solito (Irak, Afghanistan, Libia), avete portato la guerra chiamandola missione di pace... e ora perseguitate chi si è opposto alla vostra aggressione. Speriamo che il vostro astro tramondi presto nel fango!

    Report

    Rispondi

  • blankfrank62

    31 Maggio 2011 - 14:02

    Qualcuno dei suoi sostenitori da salotto tipo Borghezio si faccia un giro su You tube e digiti Srebreniza, così si gode le gesta del loro "guerriero".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog