Cerca

Lisbona, la destra stravince elezioni: Coelho il premier

In Portogallo Psp e Cds hanno in due 126 seggi su 230. Neo premier: "Non saremo un peso"

Lisbona, la destra stravince elezioni: Coelho il premier
In Portogallo vicnce il centrodestra: Psp e Cds, insieme, ottengono una maggioranza assoluta di 126 seggi su un totale di 230. I dati delle elezioni politiche di domenica 5 giugno sono definitivi. Il Psd ha così ottenuto il 38,7% dei voti e 103 deputati, il Ps il 28% dei voti con 71 seggi, il Csd l'11,7% (23), la Cdu il 7,9% (15) e Be il 5,2% (7 seggi). E' schizzato l'astensionismo al 41,1 per cento. Il vincitore è dunque il leader del Psd portoghese, Pedro Passos Coelho, che sarà il nuovo premier di Lisbona: ha fatto sapere che avvierà al più presto le trattative con il Cds di Paulo Portas per la formazione della coalizione di governo.


"NON SAREMO UN PESO" - Il vincitore delle elezioni politiche, Pedro Passos Coelho, ha subito dichiarato che il Portogallo "non sarà un fardello per i suoi creditori internazionali" e che il nuovo governo a guida Psd "farà tutto il possibile per onorare gli impegni presi" con unione Europea e Fondo monetario intarnazionale nel quadro del piano di salvataggio da 78 miliardi. "Il Portogallo - ha ribadito Coelho - garantisce a tutti coloro che ci guardano dall'esterno che non sarà un fardello, soprattuto per i Paesi che ci hanno prestato ciò di cui abbiamo bisogno per far fronte alle nostre responsabilità e ai nostri impegni".

"DIALOGO CON TUTTI" - I cronisti hanno incalzato Coelho circa la possibilità di trattare con il Ps dopo le dimissioni da segretario socialista del premier uscente, José Socrates. Coelho ha sottolineato che "dialogherà con tutti i partiti rappresentati in Parlamento, anche con il Ps", anche se il Psd "non intende fare una insalata russa al governo". Il nuovo premier ha quindi spiegato che l'esecutivo "darà stabilità al Paese nei prossimi quattro anni, rispettando gli impegni presi" con le istituzioni europee. L'obiettivo, ha concluso, "è ripristinare la fiducia dei mercati e il prestigio del Portogallo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    07 Giugno 2011 - 17:05

    come il Portogallo , che per secoli ebbe una quantità incredibile di colonie in tutto il mondo, si sia ridotto così male. Dove sono finite le ricchezze delle colonie?Stesso discorso vale per la Spagna, con la differenza che la Spagna è ben più popolosa e vasta del Portogallo. Inoltre il Portogallo non fu colpito da 2 tremende guerre mondiali, un vantaggio enorme di cui non si vedono i benefici.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    06 Giugno 2011 - 21:09

    ...invidiare certamente! Coelho arriva in un momento di lacrime e sangue per il Portogallo; come farà a risanare i conti per convincere la Comunità Europea....un mero arcano. Fervidi auguri davvero!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    06 Giugno 2011 - 18:06

    Ti sei toccato i zebedei prima di scrivere Toscanorosso?Mi raccomando ,quì si rischia grosso.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    06 Giugno 2011 - 17:05

    ...era per caso stato anche in Danimarca, il komunistoide?? Si potrebbe mandare in giro come portafortuna, legato al portachiavi, sempre che non si sia trasferito con arco, freccette e canoa a Barcellona. Che figura di me@@@ continua a fare Gaspare il falso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog