Cerca

Libia, finanziamenti ai ribelli: approvato il modello italiano

Ad Abu Dhabi, la III riunione del Gruppo di Contatto. In agenda, il sostegno economico al Cnt. Clinton: "Gheddafi ha giorni contati"

Libia, finanziamenti ai ribelli: approvato il modello italiano
"E' tempo di aprire un nuovo capitolo nella storia della Libia".Ad Abu Dhabi è andato in secena il terzo appuntamento del Gruppo di contatto sulla Libia nel quale sono state prese importanti decisioni, destinate a segnare la svolta nella storia della guerra a Gheddafi. Il Gruppo ha infatti accolto il 'modello italiano' per i finanziamenti al Consiglio nazionale transitorio libico: l'apertura di linee di credito e fornitura di carburante utilizzando come garanzia i beni congelati del regime di Gheddafi. Così facendo il Gruppo sostiene "la dichiarazione congiunta Italia- Cnt firmata lo scorso 31 maggio - si legge nella dichiarazione - che stabilisce una base formale per fornire aiuti al Consiglio transitorio nazionale in termini di prodotti petroliferi e crediti. Il Gruppo di contatto incoraggia ad esplorare vie nazionali e mezzi per prevvedere agli aiuti finanziari, anche attraverso i meccanismi che permettano ad entità controllate dal Cnt di esportare idrocarburi e fornire garanzie"in modo da supportare la popolazione nei suoi bisogni più urgenti.

Aiuti finanziari - Il fondo internazionale di aiuti finanziari per i ribelli libici è "operativo da oggi": ha affermato il vice presidente del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) Abdel Hafidh Ghoga ad Abu Dhabi a margine della riunione del Gruppo di Contatto sulla Libia. La Francia ha annunciato di sbloccare 290 milioni di euro, mentre il Kuwait promette 180 milioni di dollari.

Caccia a Gheddafi -"I giorni di Gheddafi sono contati" ha dichiarato il segretario di Stato americano Hillary Clinton, alla riunione del gruppo di contato sulla Libia. "Lavoriamo con i nostri partner internazionali attraverso l'Onu per pianificare l'inevitabile: una Libia post Gheddafi".
 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    10 Giugno 2011 - 20:08

    La Diplomazia prima di tutto. Lo spero di cuore che la UAE non si sia dimenticato di chi e' ribelle,insorto e oppositore nel Territorio dell' Arabia Saudita. VERO?

    Report

    Rispondi

blog