Cerca

La spocchia e gli insulti british Economist: "Cav vi ha fottuti"

14 pagine del settimanale inglese: attacco a Berlusconi che "ha fregato una nazione". Poi l'anatema: "Aria cambia. Silvio è finito"

La spocchia e gli insulti british Economist: "Cav vi ha fottuti"
L'attacco a Silvio Berlusconi, non è certo una novità, arriva anche dall'estero. Giusto oggi, giovedì, nel corso della conferenza stampa che ha seguito l'approvazione del Codice antimafia, il premier ha ricordato come diffidi di "certa stampa" ormai impegnata più "a disinformare, piuttosto che informare". Probabilmente il disappunto del Cavaliere sorgeva anche dal fatto che, sempre giovedì, il settimanale inglese The Economist si è preso la briga di venire a Milano per presentare uno speciale sull'Italia. Il concetto chiave? Serve un cambio di governo per far decollare l'economia italiana (se la 'frustata' ancora non c'è stata, forse gli inglesi dimenticano l'apprezzamento di cui gode Giulio Tremonti a livello interazionale per come ha tenuto sotto controllo il bilancio pubblico in tempo di crisi).  Ma sui fogli patinati non si parla soltanto di economia. In quattordici pagine il settimanale inglese cerca di fare a pezzi Berlusconi, The man who screwed an entire country, ovvero l'uomo che ha "fregato", o peggio, "fottuto un'intera nazione". E il cui tempo, questa la sentenza dei sudditi di Sua Maestà, "è finito".

Le riforme - Ne è convinto John Prideaux, giornalista della testata, che sale sul pulpito e dà lezioni: "Non farò l'errore di predire la fine di Berlusconi, ma arrivando qui, parlando con le persone, si inizia a sentire un'aria nuova. La fine di un'era. L'Italia - prosegue - ha un problema di produttività, ha bisogno alcune riforme, che Berlusconi aveva promesse e non realizzato". Quindi la penna si erge a ministro del Belpaese e snocciola i provvedimenti più urgenti: "L'Italia deve rivedere l'organizzazione del lavoro, ci sono troppe corporazioni. Deve fare una riforma giudiziara, anche se non sono d'accordo con quella presentata, però è vero che i tempi della giustizia sono troppo lunghi. Poi occorre affrontare il problema delle tasse, di minori oneri fiscali; infine la riforma dell'istruzione, quella secondaria e le università vanno migliorate nel medio periodo".

I provvedimenti - Forse qualcuno si sarebbe dovuto prendere la briga di spiegare al signor Prideaux che la riforma giudiziaria è in cantiere da tempo, e che però contro di essa si è scatenata una vera e propria crociata delle opposizioni antiberlusconiane. Qualcuno gli avrebbe dovuto spiegare che, parimenti, la riforma fiscale è il prossimo provvedimento nell'agenda dell'esecutivo, mentre quella dell'istruzione (che ha ricevuto un consenso trasversale) è stata varata alla fine dello scorso anno.

Gli insulti - Tant'è. Però l'Economist preferisce guardare in casa nostra, e a Berlusconi, al "capo che deve essere detronizzato", dedica la copertina. Il numero sarà nelle edicole venerdì. Berlusconi viene definito "un anziano politico italiano", la cui opera avrà "conseguenze, farà molto discutere". Prideaux si chiede quale sarà l'eredità di Berlusconi. Ovvia la scontata risposta. A onor del vero, già in passato e prima delle elezioni del 2001, il settimanale inglese dedicò una copertina al premier dal caustico titolo: "Perché Silvio Berlusconi è inadatto a guidare l'Italia". Dieci anni dopo ha rincarato la dose.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tuccir

    14 Giugno 2011 - 15:03

    Ma avete letto cosa dicono oggi di Silvio i principali quotidiani europei o tv come CNN e Aljazira? Tutti infiltrati dalla sinistra? La realtà è purtroppo un'altra...

    Report

    Rispondi

  • Cesare Infedele

    14 Giugno 2011 - 13:01

    Ancora seguitate a leggere e a commentare le allucinanti fornicazioni dei giornali esteri? Inglesi, francesi e tedeschi non se la prendono con chi sta al governo, sono solo incavolati neri poiché l'Italia ha alzato la testa in Europa, cioè non è più la serva della gleba dei tempi della DC. Berlusconi è solo il capro espiatorio. I francesi sono neri poiché li abbiamo sorpassati nel vino e nella moda. Raccontano che l'Italia sta sull'orlo del fallimento e invece sta sempre li in piedi. Dicono che l'Italia non è un alleato affidabile, eppure partecipiamo con molto onore a tutte le guerre in corso. Non ci lamentiamo, come i francesi, che hanno finito i missili da sparare a Gheddafi ( ieri sera su al telegiornale di France2) E via di questo passo. Pensateci un attimo.

    Report

    Rispondi

  • girolamoxyz

    14 Giugno 2011 - 12:12

    Con questo insulto sparato in copertina l'Economist ha superato addirittura la soglia del buon gusto e definitvamente perso la sua aura di autorevolezza. Tutto vero, però a tutto c'è un limite, qui si direbbe che «non bisogna farsi managiare il pisello dalle mosche». Sparate in prima pagina un bel «che vada a farsi fottere l'Economist»: vi supplico, fatelo, non fatevi intimorire da delle mosche che, si sa, si nutrono di escrementi.

    Report

    Rispondi

  • polifemo4

    12 Giugno 2011 - 21:09

    basti sapere che il quotidiano è controllato da Rupert MURDOCK......nemico giurato del Cav. per motivi economico-finanziari.. Ho detto tutto....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog